thanksgiving-day


Il Giorno del Ringraziamento (Thanksgiving Day in inglese) è una festa osservata negli Stati Uniti d’America (il quarto giovedì di novembre) e in Canada (il secondo lunedì di ottobre) in segno di gratitudine per la fine della stagione del raccolto.
Questa storica tradizione cristiana risale all’anno 1623
IL VIAGGIO DELLA MAYFLOWER
Ai tempi in cui ebbe inizio questa storia, andare dall’Inghilterra in America era un’impresa che richiedeva mesi di tempo e molto coraggio. Bisognava imbarcarsi su una nave di legno piccola, priva di comodità e abbastanza malsicura. Era proprio così la “Mayflower”, la nave che attraverso mille peripezie nel 1620 portò dalla città inglese di Plymouth alle coste del Massachusetts un gruppo di persone che non volevano più stare in Europa, dove la loro religione era perseguitata. Queste persone, che vennero chiamate “Pellegrini” volevano arrivare un po’ più a sud, la nave venne però spinta a nord da tempeste e gelidi venti. I suoi passeggeri morivano a uno a uno di stenti e malanni. Alla fine, decisero di sbarcare dove sarebbero approdati. La terra in cui arrivarono si rivelò dapprima poco ospitale. Era ormai quasi inverno e i Pellegrini cominciarono a costruire un villaggio di legno: lo chiamarono Plymouth. Quando arrivò la primavera, lavorarono la terra, aiutati dagli Indiani che già vivevano in quella zona e che insegnarono loro a coltivare il grano e ad allevare un animale che essi non avevano mai visto prima: il tacchino. Un anno dopo il loro burrascoso arrivo, i Pellegrini poterono fare il primo raccolto e, poiché erano molto religiosi, decisero di festeggiarlo ringraziando il Signore che aveva dato loro una terra generosa su cui vivere e lavorare. Il Giorno del Ringraziamento è, per gli Americani, un’ importante festa di famiglia, come il Natale in  quel giorno non si va né a scuola né al lavoro- ma si sta a casa con nonni, genitori, zii e cuginetti. In cucina, mamme nonne preparano un grandissimo pranzo a base di tacchino ripieno, con tanti buoni contorni, dolcetti farciti e budino freddo di zucca .
Il Giorno del Ringraziamento dà il via, in America, al periodo prenatalizio.

Nel giorno del ringraziamento, in tutte le città americane si svolgono parate con carri allegorici e festeggiamenti di ogni tipo. Il Presidente degli Stati Uniti è solito celebrare il giorno di festa mangiando con i soldati.
Il giorno del ringraziamento viene festeggiato anche nello stato libero associato di Porto Rico

 

Annunci

Tre cose


Coltiva tre cose: la bontà, la saggezza e l’amicizia.

Cerca tre cose: la verità, la filosofia e la comprensione.

Ama tre cose: le buone maniere, il valore ed il servizio.

Governa tre cose: il carattere, la lingua e la condotta.

Apprezza tre cose: la cordialità, l’allegria e la decenza.

Difendi tre cose: l’onore, gli amici e i deboli.

Ammira tre cose: il talento, la dignità e la grazia.

Escludi tre cose: l’ignoranza, l’offesa e l’invidia.

Combatti tre cose: la bugia, l’odio e la calunnia.

Conserva tre cose: la salute, il prestigio e il buon umore.

dal web…
da parte mia buon tutto peace and love

1511

La gioia


Il mondo offre dei piaceri passeggeri, quelli che ci vengono da una bella passeggiata, da un pranzo luculliano, da una serata in discoteca, da una vacanza su una bella isola, 

alcuni di questi piaceri sono leciti e buoni: infatti ci lasciano con l’impressione di avere goduto di cose buone e ci danno una sensazione di rilassatezza e benessere.

Invece, altri piaceri sono assai discutibili e oltre lasciare l’amaro in bocca, ci fanno correre dei rischi o portano conseguenze nefaste.

ma c’è qualcosa di piu’ del piacere: la gioia perfetta e duratura.

Il piacere dipende dalle circostanze, ma la gioia, che è interiore, non è turbata da ciò che ci circonda.

Il piacere cambia costantemente, ma la gioia rimane.

Più si ricerca la soddisfazione personale, più ci si sente vuoti. 

La gioia, invece, è una sensazione diversa ed unica…

vi auguro di trovarla nel vostro cuore

affinchè la vostra esistenza abbia un  appagamento duraturo e completo.

forse, vorreste dei suggerimenti x come trovarla…

che vi posso dire? … provate a fermarvi, a riflettere a meditare e datevi delle risposte…

120913014119247862

 

🌸 buona giornata 🌸

John Kennedy 22 novembre 1963


Ricordiamo l’assassinio del   35º Presidente degli Stati Uniti  John Kennedy il primo di religione cattolica. Mantenne la carica fino al suo assassinio, avvenuto a Dallas, in Texas, il 22 novembre del 1963 per mano di Lee Harvey Oswald che, a sua volta, due giorni dopo, fu ucciso mentre lo stavano trasferendo in prigione.-

ICTYS


Quando minacciati dai Romani, nei primi secoli dopo Cristo, i Cristiani usavano il classico segno del pesce per distinguere amici da nemici. Secondo una storia antica, quando un cristiano incontrava uno straniero per strada, il Cristiano tracciava un arco per terra e se lo straniero completava il disegno con un arco opposto, si identificava anche lui come Cristiano. Greci, Romani e altri pagani usavano il simbolo del pesce prima dei Cristiani. Perciò il simbolo del pesce, piuttosto che quello della croce, attraeva poco sospetto, facendo del segno del pesce un perfetto simbolo segreto per i credenti perseguitati . Perciò, i primi Cristiani fecero uso pratico di questo segno per convenienza. Già dal primo secolo i Cristiani fecero un acrostico della parola per pesce in Greco “ichthys”: Iesous Christos Theou Yios Soter, (ICTYS) che tradotto è: Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore. Il pesce aveva anche tanti toni teologici perché Gesù sfamò 5000 persone con due pesci e 5 pani , Gesù chiamò i Suoi discepoli “pescatori di uomini”. Perciò il simbolo del pesce fu un’associazione facile: “pescatori di uomini” e l’acronimo ICTYS per pesce in Greco, ed ecco il simbolo rappresentante un pesce. Però questo particolare simbolo di pesce ha profonde antiche radici pagane, antecedenti al cristianesimo

[…dal web]

 

20 novembre


La Giornata internazionale per i diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza si celebra il 20 novembre dal 1989 in quasi tutti i paesi del mondo. La ricorrenza commemora la data in cui l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò la Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia per la tutela dei minori.8e63b999

Dividers3010

 iniziò  Processo di Norimberga il  20 nov 1945 

 ci furono due processi ai nazisti coinvolti nella seconda guerra mondiale e nella Shoah. I processi si tennero nel Palazzo di Giustizia della città tedesca di Norimberga (Nürnberg) dal 20 novembre 1945 al 1º ottobre 1946

ciao ciao


Il termine ciao, come tutti ben sanno, è la forma di saluto informale ed amichevole più utilizzata nella lingua italiana. L’origine del termine però è probabilmente meno nota e il significato del saluto si è decisamente modificato con il passare del tempo. Deriva infatti dalla parola veneziana s’ciào (inizialmente s’ciàvo), che deriva a sua volta dal neolatino sclavus, ovvero schiavo. All’epoca della Repubblica di Venezia era usanza salutare in questo modo, senza distinzione di classe sociale, rivolgendosi al proprio interlocutore con quello che al giorno d’oggi corrisponderebbe ad un “servo tuo”.

Decalogo social per cristiani 2.0


01

1 Facebook è come l’oratorio. Ci passano tutti e ci trovi tutti gli amici.
2 Foursquare è come la Messa. Non basta vederla in televisione: bisogna fare check-in.
3 I blog sono come il catechismo. Servono per approfondire.
4 Twitter è come la benedizione delle case. Rapidissima, ma raggiunge anche i più lontani.
5 Google è come la Bibbia. Ci trovi tutto quello che cerchi. 
6 Google Plus è come certe lezioni di teologia. Incomprensibili. 
7 Pinterest è come i quadri dei santi. Sono lì e ti guardano.
8 Le pagine ufficiali sono come la gerarchia. Un po’ inamidata (almeno fino a Francesco).
9 La rete è come il Creatore. Senza di lei/Lui non esistiamo.

10 Questo decalogo è farina del mio sacco. Potete commentarlo o anche contestarlo, ma se volete copiarlo, citate almeno la fonte.

@donambro (don Ambrogio Cortesi)

Giornata del ringraziamento


 

e Prima Giornata Mondiale dei poveri

In tutta l’Italia  domani -domenica  si celebra la giornata del ringraziamento: è un momento di preghiera e di lode a Dio «per tutti i benefici ricevuti».

È una festa che viene da lontano ed ha le sue origini in
Italia nel lontano 1951 per iniziativa della Coldiretti. Da
allora puntualmente viene celebrata la 2^ domenica di
novembre e a livello locale viene riproposta nel periodo
che va dalla festa di San Martino (11 novembre) alla
festa di Sant’Antonio Abate (17 gennaio). Nel 1973, con il
documento “La Chiesa e il mondo rurale italiano”, i
vescovi italiani hanno assunto questa giornata come
occasione opportuna di riflessione ed evangelizzazione
dell’intera chiesa locale. Si legge nel documento sopra
citato: «Si curi la Giornata del Ringraziamento in modo
da renderla significativa per l’intera Chiesa particolare, oltre che
occasione propizia per l’evangelizzazione del mondo rurale». La Chiesa
italiana coordina e programma questa giornata in collaborazione con
le associazioni di ispirazione cristiana che operano nel mondo rurale:
Acli Terra, Coldiretti, Fai Cisl , Feder.Agri­Mcl, Ugc Cisl.

foto di http://arteflorealeperlaliturgia.blogspot.it/

Image and video hosting by TinyPic

Il meglio di te


Se sei stanco e la strada ti sembra lunga,
se ti accorgi che hai sbagliato strada,
…Non lasciarti portare dai giorni e dai tempi, Ricomincia.
Se la vita ti sembra troppo assurda,
Se sei deluso da troppe cose e da troppe persone
…Non cercare di capire il perché, Ricomincia.
Se hai provato ad amare ed essere utile,
Se hai conosciuto la povertà dei tuoi limiti,
…Non lasciar là un impegno assolto a metà, Ricomincia.
Se gli altri ti guardano con rimprovero,
Se sono delusi di te, irritati,
…Non ribellarti, non domandar loro nulla, Ricomincia.
Perché l’albero germoglia di nuovo dimenticando l’inverno,
Il ramo fiorisce senza domandare perché,
E l’uccello fa il suo nido senza pensare all’autunno,
Perché la vita è speranza e sempre  si ricomincia..

 175

kamut


“Kamut” non è il nome di un grano, ma il marchio commerciale (come “Mulino Bianco” o “McDonald’s”) che la società Kamut International ltd ha posto su una varietà di frumento registrata negli Stati Uniti con la sigla QK-77, coltivata e venduta in regime di monopolio e famoso in tutto il mondo grazie a un’operazione di marketing senza precedenti. Kamut è un grano antico, sembra venisse coltivato in Egitto gia 6.000 anni fa. Si tratta di un cereale del genere Triticum, parente del grano duro, di cui è antenato e da cui si differenzia in diversi aspetti. Alla vista i semi di Kamut sono, mediamente, tre volte più grandi di quelli del grano duro

narra la leggenda che un aviatore americano, trovò alcuni chicchi di kamut in uan tomba egizia. Furono piantati negli Usa dopo migliaia di anni e diedero origine a nuove piante.

ecco perchè viene chiamato <grano del faraone>, e il nome fu inventato dalla società che ha creato il marco kamut.

gatto nero


SUPERSTIZIONI:
in passato le mogli dei marinai tenevano in casa gatti neri che prevenivano le navi dalle disgrazie. In alcuni posti i gatti neri erano talmente preziosi che venivano rubati.

Da sempre considerati portatori di fortuna, molti gatti neri vennero imbarcati sulle navi. Così quando le navi arrivavano nei porti ne scendevano i topi (portatori di malattie come la peste), ma ne scendevano anche gatti neri che inseguivano i topi.

Allo scoppio della peste si notò che spesso i focolai scoppiavano dopo l’arrivo delle navi… ecco perchè ad un certo punto i gatti neri vennero ritenuti responsabili della peste e quindi, in certi paesi, di malaugurio e perseguitati

17 novembre


Dopo dieci anni di lavori,  il 17 novembre 1869 s’inaugura il canale di Suez, realizzato dal francese Ferdinand Marie De Lesseps, su progetto dell’ingegnere italiano Luigi Negrelli. Per tre giorni di seguito viene festeggiata la via d’acqua di 160 chilometri, scavata nel deserto tra il Mar Mediterraneo e il Mar Rosso, cancellando in un sol colpo ben 10 mila chilometri, quanti ne occorrevano per raggiungere via mare lo stesso tratto di territorio circumnavigando l’Africa. 

 dal web

il genio


Un rappresentante, un impiegato e un direttore del personale escono dall’ufficio a mezzogiorno e vanno verso un ristorantino quando sopra una panca trovano una vecchia lampada ad olio. La strofinano e appare il genio della lampada. ‘Generalmente esaudisco tre desideri, ma poichè siete tre, ne avrete uno ciascuno’. L’impiegato spinge gli altri e grida: ‘ tocca a me, a me…. Voglio stare su una spiaggia incontaminata delle Bahamas, sempre in vacanza, senza nessun pensiero che potrebbe disturbare la mia quiete’. Detto questo svanisce. Il rappresentante grida: ‘ a me, a me, tocca a me!!!! Voglio gustarmi una pinacolada su una spiaggia di Tahiti con la donna dei miei sogni!’ E svanisce. Tocca a te, dice il genio, guardando il Direttore del personale. ‘Voglio che dopo pranzo quei due tornino al lavoro!’ Morale : Lasciate sempre che sia il capo a parlare per primo!

tutti pensano a qualcosa


..Pensa Positivo!…E se proprio nn ci riesci ….allora nn pensare affatto mi ripeto spesso… ma non ho ancora capito come si fa a non pensare a niente… i pensieri salgono, i ricordi salgono su x lo stomaco, x la testa….senza poterli controllare… Eppure credo che gli uomini ci riescano e noi donne no…. ci sarà forse una componente biologica???

Il tempio dell’amicizia


Il tempio dell’amicizia non finisce mai di essere costruito. Esso crolla e va in frantumi se ogni mattina non si lavora di nuovo. Ogni volta che il sole sorge bisogna amare l’amico di nuovo amore, osservarlo con nuova attenzione, perdonarlo con nuova comprensione; per stare al passo con lui bisogna trasformarsi, spalancare le finestre dell’anima affinché il vento spazzi via la polvere delle abitudini.

LA FATA


 

Una coppia sta festeggiando le nozze d’argento e contemporaneamente anche i 60 anni di vita. Durante la festa appare una fata che dice alla coppia: “come premio per i 25 anni di fedeltà vi concedo un desiderio a testa”.fatina

La moglie entusiasta esclama “voglio fare un viaggio attorno al mondo con mio marito”

… subito dopo la fata, dato un tocco con la bacchetta magica, fa apparire i biglietti aerei e i voucher per gli alberghi.

Il marito ci pensa un attimo poi rivolto alla moglie: “questa situazione è molto romantica, ma questa chance c’è solo una volta nella vita, quindi scusami cara, ma il mio desiderio è questo: avere una moglie di 30 anni più giovane”.

La moglie rimane scioccata, ma un desiderio e’ un desiderio, e quindi La fata lo accontenta: dà un colpo di bacchetta e zac! L’uomo diventa un novantenne!

MORALE: gli uomini sono bastardi, ma le fate sono femmine….

 207

Preghiera di un cane


Quando venisti a prendermi ero così piccolo, entrai nella tua mano. Dicesti che ero il più bello della cucciolata. Mi portasti a casa. Un bimbo, tuo figlio, mi accettò con gioia. Divenimmo amici. Cresciuto, mi insegnasti il gioco della caccia. Mi dicevi bravo! Qualcuno ti chiedeva: lo vendi? Rispondevi no ed il mio cuore di cane ne gioiva, io ti amavo, anche se mai mi facevi una carezza. Gli anni sono passati, son diventato cieco, sordo, malandato, dimenticato, solo; con poco pane e acqua. Quando ti sento passare il mio cuore di cane freme di gioia. Vorrei venirti incontro ma sono legato e la catena è corta. Stasera hai detto a tuo figlio, ormai divenuto uomo: domani uccido il cane o lo abbandono, non serve più, è un peso morto. Signore Iddio, fai che stanotte io muoia sotto il suo tetto,

 affinchè egli non debba sentire il rimorso del suo gesto“. (DalImage and video hosting by TinyPic web)

Padre nostro


Non dire: PADRE
se ogni giorno non ti comporti da figlio.
Non dire: NOSTRO
se vivi soltanto del tuo egoismo.
Non dire: CHE SEI NEI CIELI
se pensi solo alle cose terrene.
Non dire: VENGA IL TUO REGNO
se lo confondi con il successo materiale
Non dire: SIA FATTA LA TUA VOLONTA’
se non l’accetti anche quando è dolorosa.
Non dire: DACCI OGGI IL NOSTRO PANE QUOTIDIANO
se non ti preoccupi della gente che ha fame.
Non dire: PERDONA I NOSTRI DEBITI
se non sei disposto a perdonare gli altri.
Non dire: NON CI INDURRE IN TENTAZIONE
se continui a vivere nell’ambiguità.
Non dire: LIBERACI DAL MALE
se non ti opponi alle opere malvagie.
Non dire: AMEN
se non prendi sul serio le parole del
PADRE NOSTRO.

Insegnami


Insegnami ad usare bene il tempo
Dio mio,
insegnami ad usare bene il tempo che tu mi dai
e ad impiegarlo bene,
senza sciuparne.
Insegnami a prevedere senza tormentarmi,
insegnami a trarre profitto dagli errori passati,
senza lasciarmi prendere dagli scrupoli.
Insegnami ad immaginare l’avvenire senza disperarmi
che non possa essere quale io l’immagino.
Insegnami a piangere sulle mie colpe senza cadere nell’inquietudine.
Insegnami ad agire senza fretta,
e ad affrettarmi senza precipitazione.
Insegnami ad unire la fretta alla lentezza,
la serenita’ al fervore, lo zelo alla pace.
Aiutami quando comincio,
perche’ e’ proprio allora che io sono debole.
Veglia sulla mia attenzione quando lavoro,
e soprattutto riempi Tu i vuoti delle mie opere.
Fa’ che io ami il tempo che tanto assomiglia alla Tua grazia
perche’ esso porta tutte le opere alla loro fine e alla loro perfezione
senza che noi abbiamo l’impressione di parteciparvi in qualche modo.
(Jean Guitton)

fanti, re e jack


Carte da giocoL’origine delle carte da gioco non è nota ma si sa per certo che verso la fine del XIV secolo ebbero una notevole diffusione in Europa. Tra le varie tipologie di carte, quelle con i semi francesi (cuori, quadri, fiori, picche) diventarono le più popolari, probabilmente per la semplicità di riproduzione dei simboli. Le figure sulle carte (re, regine e fanti o jack) rappresentavano personaggi storici realmente esistiti. Verso la metà del XVI secolo, si arrivò ad una sorta di rappresentazione standard, che prevedeva le seguenti associazioni:

  • Re di picche: Re Davide
  • Re di cuori: Alessandro Magno
  • Re di quadri: Giulio Cesare
  • Re di fiori: Carlo Magno
  • Regina di picche: Atena (figlia di Zeus)
  • Regina di cuori: Rachele (madre biblica di Giuseppe)
  • Regina di quadri: Argine (ignota, forse un anagramma di regina)
  • Regina di fiori: Giuditta (figura biblica ebraica)
  • Jack di picche: Ettore (principe di Troia)
  • Jack di cuori: Etienne de Vignoles (comandante francese ai tempi di Giovanna d’Arco)
  • Jack di quadri: Uggeri il Danese (cavaliere di Carlo Magno)
  • Jack di fiori: Giuda Maccabeo (figura biblica ebraica)

I nomi di questi personaggi venivano stampati sulle carte accanto alle figure. Con la Rivoluzione Francese però, tale pratica fu abolita e le figure assunsero un aspetto più stilizzato, eliminando gli elementi che potevano ricondurre ai personaggi storici.

Per entrare in paradiso


Un uomo andò in paradiso. Appena giunto alla porta coperta di perle incontrò S. Pietro che gli disse: “Ci vogliono 1.000 punti per essere ammessi. Le buone opere da te compiute determineranno i tuoi punti”.
L’uomo rispose: “A parte le poche volte in cui ero ammalato, ho ascoltato la Messa ed ho cantato nel coro”.
“Quello fa 50 punti”, disse San Pietro.
“Ho sempre messo una bella sommetta nel piatto dell’elemosina che il sacrestano metteva davanti a me durante la Messa”.
“Quello vale 25 punti”, disse San Pietro.
Il pover’uomo, vedendo che aveva solo 75 punti, cominciò a disperarsi.
“La domenica ho fatto scuola di Catechismo – disse – e mi pare che sia una bella opera per Iddio”.
“Sì – disse san Pietro – e quello fa altri 25 punti”.
L’uomo ammutolì, poi aggiunse: “Se andiamo avanti così, sarà solo la Grazia di Dio che mi darà accesso al paradiso”.
San Pietro sorrise: “Quello fa 900 punti. Entra pure”.

Smettiamola di voler accumulare i cosiddetti “punti Paradiso”: se siamo salvi, è prima di tutto per Grazia di Dio! La stessa Grazia, ci ispiri stupore per un amore così grande, e desideri buoni, di vera conversione, di autentica carità, per puro amore di Dio, non per aspettarci un contraccambio nell’aldilà

flor_estrelaflor_estrelaflor_estrelaflor_estrela