Il ramo

Immagine


Annunci

Shibasakura 🌸


Il meraviglioso muschio “rosa” di Hitsujiyama nella prefettura di Saitama – GIAPPONE 🇯🇵

Shibasakura il tappeto di “muschio rosa” si trova proprio alle pendici del Monte Fuji ed è uno spettacolo!

Dei bellissimi fiori dai colori lilla, bianchi e dalle diverse tonalità del rosa, che formano un bellissimo tappeto di muschio rosa 🌸

Che natura meravigliosa e spettacolare ✨

photo_2018-11-17_18-17-27

COME E QUANDO È NATO LO SMOKING?


 

Come suggerisce la parola stessa (dall’inglese smoke, “fumo”), la nascita dello smoking, l’abito completo da uomo, è legata al tabacco. La smoking jacket si diffuse infatti negli ambienti borghesi inglesi di fine Ottocento con un intento pratico: l’indumento veniva utilizzato dai gentlemen dopo cena, quando si ritiravano in una stanza riservata ai fumatori (e interdetta alle donne). Una giacca apposita veniva fornita agli ospiti per evitare che il loro abito si impregnasse dell’odore del tabacco. La “giacca da fumo” veniva poi tolta prima di tornare dagli altri commensali. A fine ’800 il termine smoking jacket passò a indicare, per breve tempo, l’abito da sera maschile. In italiano il termine smoking si diffuse allora con quel significato.

Chi è il “papà” dell’aquilone?


I primi aquiloni apparvero in Cina 2.800 anni fa. Per molto tempo si è attribuita la loro invenzione allo scienziato greco Archita di Taranto (IV secolo a.C.) invece fu probabilmente il generale Hau Sin a inventare l’aquilone per mantenere le comunicazioni con una città cinese assediata da nemici. Ciò si spiegherebbe con il fatto che in Cina erano disponibili materiali più adatti alla loro costruzione: il tessuto di seta per la velatura, la seta intrecciata per i fili di ritenuta e il legno di bambù elastico e resistente per il telaio.

photo_2018-11-15_10-42-10.jpg

L’amore di una madre 🧜‍♀❣


C’era una volta un ragazzo sempre in cerca di avventure galanti. Si chiamava Zanut e viveva con la madre vedova in una bella casetta sulle colline. Un giorno andando a caccia vide una dama bellissima che si pettinava i capelli con un pettine d’oro, in riva ad un torrente. Bagnava il pettine nell’acqua e si lisciava i capelli che le arrivavano fino ai piedi. Cantava una canzone misteriosa:

«Godi l’amore, giovane, canta e balla in allegria; dopo l’avemaria, balleremo e canteremo noi».

Zanut rimase affascinato. Non fece caso ai conigli selvatici che ballavano silenziosi in cerchio incontro alla “salvana”. Perché quello era un segno che la dama era un essere magico, una fata, una “salvana” delle acque.

«Vieni», disse la dama al ragazzo con voce melodiosa, «vieni.»

Zanut seguì la fata in un palazzo che sembrava d’aria, pieno di bestie strane, liocorni e lupi bianchi, cani neri e volpi argentate. Zanut si innamorò della dama perdutamente. Ma quando andava al torrente per gli appuntamenti, la dama chiedeva sempre regali, oppure diceva: «Portami il piccolo angelo di pietra che sta sull’acquasantiera della chiesetta sul monte».

Zanut obbediva. La madre era molto preoccupata perché vedeva il figlio magro, agitato, stanco. Una volta zitta zitta lo seguì. E vidi la fata sul torrente, i conigli selvatici che danzavano, il pettine d’oro e capì che suo figlio era stregato, in balia delle forze del male. Ma che poteva fare? Piangendo tornò a casa.

Zanut disse alla dama: «Signora, ti voglio sposare».

«Va bene», disse lei, «ma devi portarmi il cuore di tua madre per i miei animali. Loro mangiano solo pietanze delicate».

Zanut rabbrividì e pianse. Non volle andare più al torrente. Ma dopo tre giorni la notte sentì la canzone della dama che lo chiamava. «Godi l’amore, giovane, canta e balla in allegria; dopo l’avemaria, balleremo e canteremo noi». 

Il ragazzo non seppe resistere. Prese un coltello, andò dalla madre addormentata e le prese il cuore. Uscì di corsa nella notte verso il torrente. Correva, correva sui sassi e cadde per terra.

Il cuore della madre sobbalzò e disse: «Figlio mio, ti sei fatto male?».

Zanut capì quale era il vero bene e pianse.  

Amori infiniti ed equilibristi


Non mi dire forza, coraggio avanti.
A me, che ho camminato e riposato
con tre cuori.
E ho respirato
Con sei polmoni.
A me, che
nel mio ventre ho portato
il peso di tre mondi,
e ho partorito
la Vita e la Morte –
A me, che ho abbracciato la gioia e la
la tristezza infinita e sconsolata nello stesso istante
A me che ho pianto lacrime invisibili in sorrisi sforzati
A me non dire niente.

 

20

rivisitazione dell’inno di 
Eva Lopez Martínez

Giovedì 31 ottobre 2002


Era 

giovedì 31 ottobre 2002  quando ci fu il

crollo  della scuola San Giuliano: Alle 11,30 di giovedì   57 bambini della scuola elementare Francesco Jovine di San Giuliano di Puglia sono a scuola come ogni giorno e solo dopo tre minuti dopo accade la disgrazia-

Un scossa sismica dell’ottavo grado della scala Mercalli fa crollare il tetto sulle loro teste.

E’ una strage: perdono la vita 27 bambini e una maestra, i sopravvissuti vengono estratti da sotto le macerie di una struttura, che si scoprirà in seguito non essere a norma con i più elementari standard di sicurezza-

come in tante parti della nostra italia.

in memoria per loro

Love-Animations_93

🌷Il fiore dell’onestà.🌷


Quando l’imperatore morì, il giovane principe si preparò, con un po’ di apprensione, a prenderne il posto.

Il precettore saggio e anziano gli disse:

“Hai bisogno di un aiuto, subito.

Prima di salire sul trono scegli la futura imperatrice, ma fa’ attenzione: deve essere una fanciulla di cui puoi fidarti ciecamente.

Invita tutte le fanciulle che desiderano diventare imperatrice, poi ti spiegherò io come trovare la più degna”.

 

La più giovane delle sguattere della cucina reale, segretamente innamorata del principe, decise di partecipare.

“So che non verrò mai scelta, tuttavia è la mia unica opportunità di stare accanto al principe almeno per alcuni istanti, e già questo mi rende felice”, pensava.

 

La sera dell’udienza, c’erano tutte le più belle fanciulle della regione, con gli abiti più sfarzosi, i gioielli più ricchi.

Circondato dalla corte, il principe annunciò i termini della competizione:

“Darò un seme a ciascuna di voi.

Colei che mi porterà il fiore più bello, entro sei mesi, sarà la futura imperatrice”.

 

Quando venne il suo turno, la fanciulla prese il seme, un minuscolo granello scuro e lo portò a casa avvolto nel fazzoletto.

Lo interrò con cura in un vaso pieno di ottima terra soffice e umida.

Non era particolarmente versata nell’arte del giardinaggio, ma riservava alla sua piccola coltivazione un’enorme pazienza e un’infinita tenerezza.

Ogni mattina spiava con ansia la terra scura, in cui sperava di veder spuntare lo sperato germoglio.

 

I sei mesi trascorsero, ma nel suo vaso non sbocciò nulla.

 

Arrivò il giorno dell’udienza.

Quando raggiunse il palazzo con il suo vasetto pieno solo di terra e senza pianta, la fanciulla vide che tutte le altre pretendenti avevano ottenuto buoni risultati.

 

Il principe entrò e osservò ogni ragazza con grande meticolosità e attenzione.

Passò davanti ad ognuna. I fiori erano davvero splendidi.

Guardò anche la sguattera che non osava alzare gli occhi e quasi nascondeva il suo vasetto mestamente vuoto.

 

Dopo averle esaminate tutte, il principe si fermò al centro del salone e annunciò il risultato della gara:

“La nuova imperatrice, mia sposa, è questa fanciulla”.

 

Quasi si sentiva, nel silenzio profondo, il battito all’unisono di tutti i cuori.

Senza esitazione il principe prese per mano la giovane sguattera.

 

Poi chiarì la ragione di quella scelta.

Questa fanciulla è stata l’unica ad aver coltivato il fiore che l’ha resa degna di diventare un’imperatrice: il fiore dell’onestà.

Tutti i semi che vi ho consegnato erano solo granelli di legno dipinto, e da essi non sarebbe mai potuto nascere nulla”.

dal web

 

223

 

 

 

figlio


C’era una volta un contadino che aveva una figlia. Questa si sposò e ebbe una figlia anche lei.

La donna prese la bambina e fece il viaggio per ritornare verso suo padre, perché il marito era morto.

Arrivò ad un cimitero e sopra una tomba stava un uomo.

La sua figura quasi non si vedeva perché era avvolto in una nebbia, ma si sentiva la sua voce ed il suo pianto.

L’uomo diceva: «Non posso morire del tutto fino a che non ho dato a nessuno il nome».

Allora la donna disse: «Ti darò mia figlia e con lei potrai generare e nominare».

L’uomo la ringraziò e le disse che, al momento giusto le si sarebbe presentato un pastore.

Passarono molti anni e la bambina divenne donna.

Un giorno arrivò un pastore, la donna capì e gli diede la figlia.

La figlia ebbe un figlio, ma il pastore dovette andarsene, perché i pastori non si fermano mai.

Allora la ragazza., che non voleva allevare il figlio senza un uomo, lo diede ad un contadino che aveva moglie e non poteva aver figli.

Tutti passarono. Il figlio diventò grande e andò nel bosco da solo a trovare la sua strada.

Non sapeva come fare e allora invocò i suoi morti.

Venne la madre e tre padri. Uno diceva: 

«Sei mio figlio perché sono stato io a desiderarti». 

Il secondo diceva: 

«Sei mio figlio perché io ti ho generato». 

Il terzo diceva: 

«Sei mio figlio perché io ti ho allevato».

Poi dal profondo venne la voce del primo contadino, il padre della madre e disse: 

«Non importa di chi sei figlio, tu sei della famiglia».  

  

𝓟𝓪𝓻𝓸𝓵𝓮


 a tutti gli uomini per avvertirli che potrebbero evitare delle discussioni se solo si ricordassero la terminologia.

1) :

𝕭𝖊𝖓𝖊

questa e’ la parola che usano le donne per terminare una discussione quando hanno ragione e tu devi stare zitto.

2)𝓬𝓲𝓷𝓺𝓾𝓮 𝓶𝓲𝓷𝓾𝓽𝓲

se la donna si sta vestendo significa mezz’ora. 5 minuti e’ solo 5 minuti se ti ha dato appena 5 minuti per guardare la partita prima di aiutare a pulire in casa.

3) : 𝓷𝓲𝓮𝓷𝓽𝓮La calma prima della tempesta. Vuol dire qualcosa… e dovreste stare all’erta. Discussioni che cominciano con niente normalmente finiscono in BENE.

4) :𝓯𝓪𝓲 𝓹𝓾𝓻𝓮 e’ una sfida, non un permesso. Non lo fare.

5) :𝓼𝓸𝓼𝓹𝓲𝓻𝓸 e’ come una parola, ma un’affermazione non verbale per cui spesso fraintesa dagli uomini. Un sospirone significa che lei pensa che sei un’idiota e si chiede perché sta perdendo il suo tempo li’ davanti a te a discutere di niente (torna al punto 3 per il significato della parole niente).

6) 

𝒐𝒌

Questa e’ una delle parole più pericolose che una donna può dire a un uomo. Significa che ha bisogno di pensare a lungo prima di decidere come e quando fartela pagare.

7) :

𝓰𝓻𝓪𝔃𝓲𝓮

Una donna ti ringrazia; non fare domande o non svenire; vuole solo ringraziarti (vorrei qui aggiungere una piccola clausola – e’ vero a meno che non dica “grazie mille” che e’ PURO sarcasmo e non ti sta ringraziando. NON RISPONDERE non c’e’ di che perché cio’ porterebbe a un: quello che vuoi.

8): 𝓺𝓾𝓮𝓵𝓵𝓸 𝓬𝓱𝓮 𝓿𝓾𝓸𝓲           e’ il modo della donna per dire vai a fare in ***o.

9) :𝑵𝑶𝑵 𝑻𝑰 𝑷𝑹𝑬𝑶𝑪𝑪𝑼𝑷𝑨𝑹𝑬 𝑭𝑨𝑪𝑪𝑰𝑶 𝑰𝑶 un’altra affermazione pericolosa; significa che una donna ha chiesto a un uomo di fare qualcosa svariate volte ma adesso lo sta facendo lei. Questo porterà l’uomo a chiedere: ‘Cosa c’e’ che non va?’

 

 

le oche


Le oche volano in formazione a V

lo fanno, perché al battere delle loro ali, l’aria produce un movimento,

che aiuta l’oca che sta dietro.

Volando cosi, le oche aumentano la loro forza di volo rispetto ad un’ oca che va da sola.

Le persone che condividono una direzione comune e hanno il senso della comunità,

possono arrivare a compiere il loro obiettivo più facilmente, perché aiutandosi l’un l’altro,

i risultati sono certamente migliori.

Ogni volta che un’oca esce dalla formazione, sente la resistenza dell’aria e si rende conto

della difficoltà nel farlo da sola allora, con rapidità ritorna nella formazione

per approfittare del compagno che sta davanti.

Se ci uniamo e ci manteniamo insieme con quelli che vanno nella nostra stessa direzione,

lo sforzo sarà minore, sarà più semplice e più gradevole raggiungere le mete.

Quando il capo delle oche si stanca, passa dietro, ed un’ altra oca prende il suo posto.

Le persone ottengono risultati se si sostengono nei momenti duri,

se si rispettano reciprocamente in ogni momento, condividendo i problemi

ed i lavori più difficili.

Le oche che vanno dietro gracidano per sostenere coloro che vanno avanti

a mantenere la velocità.

Una parola di coraggio, detta nel momento giusto, aiuta, motiva,

da forza e produce dei benefici.

Quando l’oca si ammala o cade ferita da un sparo, altre due oche escono

dalla formazione e la seguono per aiutarla e proteggerla.

Se ci manteniamo uno accanto all’ altro, appoggiandoci ed accompagnandoci…

Se a dispetto delle differenze, possiamo conformare un gruppo umano

per affrontare tutti i tipi di situazioni.

Se capiamo il vero valore dell’ amicizia,

se siamo coscienti del sentimento di condividere,

la vita sarà più semplice e, stare con gli amici, sarà più bello.

chi ha ucciso enrico mattei?


 27 ottobre 1962: all’età di 56 anni muore Enrico Mattei, fondatore dell’ENI, subì un attentato attraverso il sabotaggio del suo aereo privato, scoperto da uno dei suoi piloti. Nello stesso anno il suo aereo si schiantò a terra, Mattei morì sul colpo e l’inchiesta fu chiusa come un incidente

http://www.disinformazione.it/enrico_matei.htm

 

L’origine della morte


La Luna una volta mandò un insetto agli uomini dicendo:

– Và dagli uomini e di loro: “Come io muoio, e morendo vivo; così anche voi morirete, e morendo vivrete”.

L’insetto partì con il messaggio, ma mentre era in cammino lo raggiunse la lepre, che gli chiese:

– Che incarico ti hanno dato?

L’insetto rispose:

– Mi manda la Luna dagli uomini a dir loro che come lei muore e morendo vive, così loro moriranno e morendo vivranno.

La lepre disse:

– Visto che come corridore tu vali poco, ci vado io.

Dette queste parole scappò via, e quando giunse dagli uomini disse loro:

– La Luna mi manda a dirvi: “Come io muoio e morendo perisco, allo stesso modo anche voi morirete e sarete finiti per sempre”.

Poi la lepre tornò dalla Luna e le disse quello che aveva detto agli uomini.  La Luna la rimproverò imbestialita, dicendo:

– Come ti permetti di dire alla gente una cosa che io non ho detto?

La Luna afferrò un pezzo di legno e colpì la lepre sul muso. Da quel giorno la lepre ha il muso spaccato,  ma gli uomini credono a ciò che la lepre ha detto loro. 

buona domenica 7924949001

 

DEFINIZIONI APPLICATE AI DUE SESSI


E’ incredibile come la lingua italiana contenga delle sottigliezze. Eccone alcune particolarmente interessanti.

Un cortigiano: un uomo che vive a corte- Una cortigiana: una squillo

Un massaggiatore: un Kinesiterapista- Una massaggiatrice: una squillo

Un professionista: un uomo che conosce bene la sua professioneUna professionista: una squillo

Un uomo di strada: un uomo duro- Una donna di strada: una squillo

 Un uomo senza morale: un politico- Una donna senza morale: una squillo

 Un uomo pubblico: un uomo famoso, in vista- Una donna pubblica: una squillo

Un uomo facile: un uomo con il quale è facile vivere- Una donna facile: una squillo

Un intrattenitore: un uomo socievole afabulatore- Una intrattenitrice: una squillo

 Un adescatore: un uomo che coglie al volo persone e situazioniUnadescatrice: una squillo

 Un uomo molto disponibile: un uomo gentile- Una donna molto disponibile: una squillo

primo orologio da polso


200 anni fa, Abraham-Louis Breguet progettò il primo orologio da polso della storia per Carolina Murat, Regina di Napoli.

Grazie all’acquisto di trentaquattro orologi e pendole tra il 1808 e il 1814, l’ambiziosa e bellissima regina di Napoli (caroline murat sorella di napoleone bonaparte) conquistò facilmente il posto d’onore tra i migliori clienti di Breguet. Durante gli anni di regno a fianco del consorte Gioacchino Murat, dal 1808 al 1815, la sorella minore di Napoleone instaurò con il maestro orologiaio una relazione del tutto speciale, che portò alla nascita del primo esemplare disegnato per essere indossato al polso. Commissionato nel 1810, pagato nel 1811 e consegnato nel 1812, questo rivoluzionario orologio a ripetizione ultrapiatto era di forma ovale, era dotato di termometro ed era montato su un bracciale di capelli intrecciati con fili d’oro. Determinato a soddisfare la regina Carolina, Breguet era pronto a sormontare qualunque ostacolo e fu ampiamente ricompensato. Nell’estate del 1813, durante il periodo di maggiore crisi in Europa e dopo che l’atelier aveva perso i suoi migliori clienti, la regina Carolina commissionò al suo orologiaio preferito altri dodici esemplari (quattro orologi semplici e sei a ripetizione), rimpinguando le casse dell’azienda proprio nel momento più inaspettato. Carolina Murat completò la sua collezione con una serie di termometri e barometri e con diverse dozzine di orologi commerciali dal prezzo modesto, destinati a essere regalati. questo invece, l’orologio fatto in occasione dei 200 anni: un gioiello ingegneristico tempestato di diamanti e zaffiri blu, presentato ovviamente nella reggia di capodimonte casa di carolina.

Perché il frutto della castagna si apre a croce?


Un’antica leggenda narra di un piccolo paese di montagna i cui abitanti,
molto poveri, non avendo di cui mangiare si rivolsero a Dio

pregandolo di dar loro di cui sfamarsi.

Il buon Dio, sentite le loro preghiere, diede loro una pianta da

cui poter raccogliere frutti nutrienti

da poter mangiare: il castagno, ma il Diavolo visto quello che Dio

aveva fatto per impedire che la gente potesse

raccogliere i frutti, li avvolse in un guscio spinoso.

Gli abitanti del piccolo paese, presi dallo sconforto,

ritornarono nuovamente a pregare Dio ed egli, sceso in mezzo a loro

fece il segno della croce e i gusci spinosi, come per miracolo si aprirono,

e da quel giorno i frutti di questa pianta si aprirono a croce.Risultati immagini per gif animata castagna

Anche la moda è arte.


Ebbene si, anche io ho il mio pezzo di stoffa d’arte.

Nel matrimonio della principessa Eugenie di York, avrete sicuramente notato la dolcissima Charlotte con il fratellino George e gli altri paggetti che indossavano una fusciacca con la stampa di una tela dell’artista  Mark Bradford, intitolata Here-body_1_1IMG_20181018_203312

io invece ho un bellissimo foulard con la stampa di Monet  intitolata Ninfee—una delle tante- ecco qui: IMG_20181018_203554

ed ora mi sento una principessa 🙂  buon fine settimana amici miei

Bonjour d'automne

Vieni e seguimi


Iniziata la nuova avventura:
un altro anno di catechismo ieri ha ripreso, in queste settimane, onestamente, ero un po’ demotivata poiché mi sono ritrovata con molti meno bambini (e qui come sempre mi pongo mille domande: dove abbiamo fallito noi catechiste? Quali errori abbiamo fatto a cui oggi possiamo porre rimedio?)
E’ fisiologico, ormai da tanti anni lo so- dovrei essere abituata al pensiero comune che la Comunione si fa perché “si deve fare” e il percorso per la Santa Cresima rimane questa incognita su cui decidere se investire il proprio preziosissimo tempo.
Il motivo preminente di molte famiglie è che il bimbo- “non si sente” di prendersi anche questo impegno – riuscire ad “incastrare” – l’ora di catechismo con tanti altri impegni che, dopo il lungo orario della scuola, occupa il tempo di bambini e di genitori durante l’arco della settimana: la danza, il calcio, la piscina diventa problematico (permettetemi ) spesso per gli adulti.
Non giudico i genitori che hanno avvallato la scelta di fermarsi qui, ma sinceramente mi rammarico per i loro figli considerato che  si perdono un momento di crescita e condivisione non solo spirituale ma- reale- con i loro coetanei rimettendo cosi la possibilità di instaurare un legame più vero e  profondo.
Chi ha scelto di continuare ha il vero piacere di farlo, ha il sorriso sulle labbra e la luce negli occhi di voler sapere ed ascoltare, e per questo mi regalano un sacco di emozioni:
ieri ad esempio è stato entusiasmante ritrovarsi ed avere il piacere di parlarsi dopo la lunga pausa estiva. I primi anni di catechismo per la Santa Comunione sono belli perché i bimbi sono piccoli e sono spugne che assorbono ogni sfumatura del tempo che passiamo assieme, ma lasciatemi dire che gli anni seguenti per la Santa Cresima sono ancora più ricchi e preziosi poiché si è creato quel sentimento di affetto, di confidenza e di conoscenza reciproca che ci fa sentire più vicini, e naturalmente cosi riusciamo ad essere più vicino a Dio.
Ieri un bambino molto seriamente e anche un poco titubante mi ha detto (come se si sentisse in difetto alla preparazione fatta) che non ha ancora compreso quale sia il senso della sua vita oggi. Un bambino di quinta elementare !!!

Wow!

Se siamo riusciti a sensibilizzarli con l’aiuto dello Spirito Santo ad interrogarsi sul senso della propria esistenza, a mio avviso è semplicemente stra or di na rio.
Queste sono le emozioni che regala l’ora del catechismo: confrontarci, sostenerci e crescere assieme.
La mia speranza è che viviamo questo impegno come un cammino da fare insieme, come un’occasione per respirare “aria pulita”, in mezzo a tanta confusione nel mondo. Ed il mio desiderio è che loro possano veramente, con il nostro aiuto incontrare Dio non solo con le parole ma con la nostra testimonianza quotidiana di vita.

12 ottobre


dal web

 Colombo scopre l’America: Una data che cambiò la storia.

( và bè atteniamoci  ancora ai libri che sostengono ancora questa teoria, e fingiamoci di crederci 🙂 )

 

 1931 – Inaugurato il Cristo Redentore di Rio: Una delle sette meraviglie del mondo,

 era venerdì 12 ottobre 1810  e ci fu matrimonio: quello tra il principe Ludwig di Baviera e Teresa di Sassonia –Hildburghausen. Per le loro nozze si organizzarono cinque giorni di festeggiamenti a suon di musica, balli, parate militari e soprattutto della buona tavola.

Nacque così l’appuntamento annuale che più tardi prenderà il nome di Octoberfest, la più popolare festa al mondo dedicata alla birra. In realtà la birra comparve solo più tardi insieme alle prime giostre, a partire dal 1818 quando assunse le caratteristiche di un festival agricolo con tanto di fiera di cavalli e buoi.

 

 Risultati immagini per gif animata oktoberfest

Andronico


I santi Andronico ed Anastasia vissero in Egitto verso la fine del IV secolo, al tempo dell’imperatore Teodosio, come testimoniano le commemorazioni riportate dai menei, menologi e sinassari greci nelle date del 2 marzo, 6 e 12 maggio e 9 ottobre. Andronico, che esercitava il mestiere di orafo presso Antiochia, convolò a nozze con Atanasia dalla quale ebbe due figli, entrambi morti in tenera età. I coniugi, anziché cadere nello sconforto, interpretarono la perdita dei bambini quale un rimprovero divino alla loro condotta non propriamente improntata allo spirito evangelico. In seguito all’apparizione di San Giuliano ad Atanasia, che la invitava a consacrarsi interamente a Dio con il marito, distribuirono allora tutti i loro beni ai poveri ed intrapresero numerosi pellegrinagi in Egitto ed in Terra Santa. Al ritorno dalla Palestina, Andronico ed Atanasia conobbero San Daniele, abate di Scete, cosa un pò strana in quanto tale santo vise solo due secoli dopo. Il santo abate trattenne Andronico presso di sé, mentre inviò Atanasia al monastero femminile di Tabenna. Dodici anni dopo Atanasia decise di vestire panni virili onde poter essere sottoposta a maggiori torture e patimenti non confacenti il gentil sesso. Per la sua magnanimità ed il suo spirito di santificazione, ottenne la direzione dei centri religiosi nati proprio in quegli anni in Palestina ed Egitto. Andronico, desideroso di conoscere quei famosi monasteri, si mise in viaggio per visitarli. Atanasia appena lo vide riconobbe il suo marito, ma preferì non rivelarsi invitandolo comunque a fermarsi in quel monastero. Denominato “monastero XVIII” dal numero delle miglia che lo separavano da Alessandria d’Egitto. Dopo una dozzina d’anni Atanasia morì: solo allora Andronicò scoprì la sua reale identità e di essere sepolto accanto a lei presso Gerusalemme. La vicenda di questi santi coniugi pare essere una finzione letteraria ispirata ai più frequenti luoghi comuni dell’agiografia monastica, purtroppo priva quindi di qualunque autenticità. La loro festa si diffuse nelle Chiese copte egiziana ed etiope, nonché a Cipro ove erano oggetto di particolare venerazione.

 

sant’ugo da genova


Di Sant’Ugo, oggi festeggiato a Genova  l’8 ottobre si tramanda un miracolo che fa coppia, addirittura!, con quello di Mosè, il quale fece scaturire acqua da una roccia, percotendola con la sua verga, quando Israele si trovava nell’assetato deserto del Sinai. Mosè aveva fatto scaturire l’acqua miracolosa per dissetare il suo popolo; Sant’Ugo da Genova, con una sfumatura più affettuosa di carità, aveva sprigionato l’acqua per consentire alle lavandaie di un ospedale di lavare la biancheria dei malati poveri. Ugo nacque a Castellazzo Bormida (Alessandria) e visse a Genova tra il XII e il XIII secolo. Era cappellano dell’Ordine religioso e cavalleresco, di San Giovanni di Gerusalemme fondato un secolo prima con intenti soprattutto militari, per combattere contro gli infedeli Mussulmani. In realtà i Cavalieri dell’Ordine di San Giovanni di Gerusalemme furono respinti dai Mussulmani e obbligati a lasciare l’Oriente, rifugiandosi prima nell’isola di Rodi, poi in quella di Malta. Il ben noto Ordine dei Cavalieri di Malta ebbe origine da questa emigrazione, nell’isola mediterranea, degli antichi combattenti cristiani. Come cappellano della Commenda genovese, Sant’Ugo non impugnò mai armi di difesa e di offesa, e i suoi combattimenti, come già abbiamo detto, si svolsero soprattutto sotto il vessillo fiammante della carità. Si racconta che una volta le sue preghiere riuscirono a salvare dal naufragio una nave in pericolo, al largo delle coste genovesi. Un’altra volta un suo miracolo ebbe di nuovo come protagonista l’acqua, mutata in vino durante un convivio. E se quello della fonte prodigiosa Io rendeva simile a Mosè, questo secondo miracolo ricalcava addirittura quello di Gesù alle nozze di Cana, con la prodigiosa conversione dell’acqua in vino. Piccolo di statura, magro, con un cilicio sulla carne, Sant’Ugo era noto e caro ai genovesi anche per il suo spirito di mortificazione e per la sua grande modestia, contrastante con lo spirito di superbia dei secolo, che non risparmiava neppure quei Cavalieri, quasi sempre di origine aristocratica, di cui egli era zelante cappellano. A Genova, a pochi passi dal porto, esiste ancora la chiesa di San Giovanni di Prè, sulla piazzetta della Commenda, accanto alla loggia dei Commendatori Gerosolimitani. R l’antica chiesa presso la quale visse il cappellano dell’Ordine cavalleresco, e nella quale Sant’Ugo venne sepolto dopo la sua morte, verso il 1230. Con lui, vittorioso nella più meritoria delle battaglie, i Cavalieri di Gerusalemme conquistavano per il loro blasone un titolo di gloria più chiaro e più durevole delle incerte imprese militari e politiche, anche se combattute per la fede e ispirate dal desiderio di convertire gli infedeli alla verità. La Diocesi di Genova ne celebra il culto il 19 ottobre.

6 ottobre


Nel 1924 iniziano le trasmissioni radiofoniche: «URI (Unione Radiofonica Italiana).

 moulin_rouge

 e fu Inaugurato il Moulin Rouge: .

qn8dgi

 

1582: in Italia e in molti altri Paesi cattolici viene introdotto il Calendario Gregoriano: il giorno 6 Ottobre 1582 non esiste (il calendario viene spostato direttamente dal 4 ottobre al 15 Ottobre

 

IL NOSTRO CUORE CONOSCE L’ALFABETO?


(Anthony de Mello)

Un contadino povero, nel rincasare la sera tardi dal mercato, si accorse di non avere con sé il suo libro di preghiere. Al suo carro si era staccata una ruota in mezzo al bosco ed egli era angustiato al pensiero che la giornata finisse senza aver recitato le preghiere.

Allora pregò in questo modo: «Ho commesso una grave sciocchezza, Signore. Sono partito di casa questa mattina senza il mio libro di preghiere e ho così poca memoria che senza di esso non riesco a formulare neppure un’orazione. Ma ecco che cosa farò: reciterò molto lentamente tutto l’alfabeto cinque volte e tu, che conosci ogni preghiera, potrai mettere insieme le lettere in modo da formare le preghiere che non riesco a ricordare».

Disse allora il Signore ai suoi angeli: «Di tutte le preghiere che oggi ho sentito, questa è senz’altro la più bella, perché è nata da un cuore semplice e sincero».

Colosso di San Carlo


Finalmente, sono riuscita ad andare a visitare la statua di San Carlone ad Arona.
Dobbiamo essere orgogliosi a possedere la seconda statua piu’ alta al mondo, la prima è la statua della Libertà a New York, ma la nostra in compenso è piu’ antica di circa 200 anni. (!!!)
La storia ed il perché della sua costruzione penso che la conosciate tutti, quindi non aggiungo altro che comunque potrete trovare su internet.
Davvero spettacolare il panorama che si gode da lassù, peccato che io non sono riuscita a salire fino in cima alla testa della statua a causa delle mie vertigini ( ma non ero l’unica che dopo aver pagato il biglietto ha dovuto rinunciare alla salita:-(

A mio avviso potrebbe rientrare in una delle meraviglie del mondo… 

se tra esse c’è il Cristo Redentore che è recentissimo, onore ai nostri scultori del 1500.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Cosma e Damiano


Medici, non per denaro

Erano due fratelli
medici di origine araba. S’erano specializzati in Siria e avevano esercitato la
loro professione in Asia Minore. Si diceva anche che avessero inventato una
medicina particolare che toglieva il dolore.

A Roma, intanto, governava
Diocleziano e i martiri più non si contavano. I due fratelli medici non
sarebbero stati perseguitati se avessero esercitato soltanto la loro utile arte,
ma essi erano convinti di dover curare tutta la persona e, alle cure fisiche,
facevano seguire anche quelle spirituali garantite dalla fede in Cristo. Il loro
successo era grande anche perché avevano fama di essere anargiri: non toccavano
cioè denaro, e curavano gratuitamente. Le antiche cronache raccontano che i due
fratelli litigarono solo una volta: quando uno dei due (per non offendere una
povera vedova che insisteva a ripagarli con tre uova) ne accettò l’offerta e
l’altro lo accusò di venalità. La loro fama era talmente grande che il racconto
del loro martirio è tutto intessuto di prodigi: non si riusciva proprio a
ucciderli…! Le leggende fiorite su di loro non sono tutte credibili, ma tutte
testimoniano l’affetto e la fiducia grande che essi hanno sempre ispirato ai
loro devoti.

La basilica costruita per loro a Costantinopoli è stata
proclamata santuario nazionale. Anche a Roma essi hanno una basilica. In Toscana
il loro culto fu particolarmente sostenuto e diffuso dai “Medici” che (dato il
cognome) ne fecero una questione di prestigio familiare, e alcuni di essi
prestavano il proprio volto quando l’Angelico o il Botticelli dovevano
dipingerne l’immagine.

Sono invocati come protettori da medici,
chirurghi, e farmacisti. E non dobbiamo dimenticare che, tra i loro tanti
miracoli, c’è anche il racconto del trapianto di una gamba…

Pascoli c’è o ci fa?


leggete attentamente:

 

C’era una volta un povero vecchio, che non ci vedeva più, non ci sentiva più e le ginocchia e le mani gli tremavano.
E quando era a tavola non poteva tener fermo il cucchiaio e faceva cadere la minestra sulla tovaglia e qualche volta gliene scappava anche dalla bocca.
La moglie di suo figlio se n’era ormai schifita e, purtroppo, anche suo figlio. E non lo vollero più a tavola con loro. Il povero vecchio doveva star seduto accanto al camino e mangiava un poco di zuppa in una scodella di terracotta.
Un giorno, siccome le sue mani tremavano, gli cadde la scodella per terra e si ruppe. La nuora gliene disse di tutti i colori e il povero vecchio non rispose nulla. Gli comprarono una scodella di legno e gli dissero: “Questa certo non la romperai!”. Una sera suo figlio e le nuora videro il loro bimbo, che raccattava i cocci della scodella di legno e cercava di unirli.
Il padre gli disse: “Che fai?”.
Rispose il bambino: “Riaggiusto la scodella di legno, per dar da mangiare a te e alla mamma, quando sarete vecchi!”.

Ora il nonno mangia ancora a tavola con gli altri, che lo trattano bene e gli vogliono bene.

(Giovanni Pascoli)

notate qualcosa di strano?

a me non è chiara una cosa ma x ora non vi dico…

vediamo se la notate voi…

ma l’ha scritta pascoli… sarò io a non capire … mah

Marassi


Il più antico stadio di calcio italiano tuttora in uso, quello di Genova, è intitolato al capitano della squadra del Genoa Luigi Ferraris, caduto nella Grande Guerra. Durante la cerimonia di intitolazione, il 1° gennaio 1933, la medaglia di argento al valor militare del giocatore fu seppellita vicino a una delle porte.

QUANDO È NATO LO SHOPPING?


È entrato gradualmente nelle abitudini quotidiane a partire dal XIX secolo, quando i negozianti hanno avuto la possibilità di mostrare la propria merce ai passanti: solo nel 1827, infatti, fu inventata la macchina per la pressa dei cristalli, che ha permesso di fabbricare vetrate di medie e grandi dimensioni, perfette per i negozi. Sino a quel momento questi erano simili a magazzini, in cui erano accatastati bauli, scatole e scatoloni di mercanzia, spesso ammucchiata alla rinfusa. Dalla strada non era possibile capire e vedere nulla: era necessario entrare e cercare quello che si desiderava acquistare. NUOVI LAVORI. Con l’arrivo delle vetrine i negozianti dovettero anche imparare a mostrare le merci in maniera ordinata e attraente per i clienti. Comparve allora una nuova figura professionale: il vetrinista.