un saluto a chi se ne è andato..


sul cancello del cimitero di Santa Cristina d’Aspromonte…
il sindaco ha voluto una targa con questa scritta:
“Noi fummo quello che voi siete, e noi siamo quello che voi sarete.”
leggendola mi ha sempre dato una sensazione spiacevole
ma ora “crescendo”
non più…
Ai cristiani angustiati per la morte di alcuni cari, san Paolo scriveva: “Fratelli, non vogliamo lasciarvi nell’ignoranza circa quelli che sono morti, perché non continuiate ad affliggervi come gli altri che non hanno speranza. Noi crediamo infatti che Gesù è morto e risuscitato; così anche quelli che sono morti, Dio li radunerà per mezzo di Gesù insieme con lui… Confortatevi, dunque, a vicenda con queste parole” (1Tes 4,13ss).  Una breccia è stata aperta per sempre attraverso il muro della morte. Grazie a Cristo, la morte non è più un muro davanti al quale tutto si infrange; è un passaggio, cioè una Pasqua. È una specie di “ponte dei sospiri”, attraverso il quale si entra nella vita vera, quella che non conosce la morte.

2 pensieri su “un saluto a chi se ne è andato..

  1. Il rispetto verso i defunti deve essere sempre portato.
    e\’ una questione di civiltà, e fa bene anche a noi.
    Sper che per la tua Simo, vada bene.
    Ti auguro buona domenica, con sincera amicziia, Vito

    "Mi piace"

Rispondi ✿

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.