mamme al lavoro e/ o a casa ???


…secondo te qual’è il posto ideale x la mamma?
lavorare…far carriera… o pensare alla famiglia?
si può far tutto e bene… o qualcosa ne
paga il prezzo?

7 pensieri su “mamme al lavoro e/ o a casa ???

  1. qualcosa ne paga il prezzo…..almeno questa è la mia convinzione, di mamma lavoratrice, che mi ritengo comunque più fortunata perchè ho sempre lavorarato mezza giornata….ciao Rosa e buona serata…..

    "Mi piace"

  2. La migliore mamma è quella che può permettersi di curare la famiglia.Di solito la donna in carriera pensa alla carriera e i figli li cura la baby sitter..Altro è la necessità di lavorare..Quando il bisogno chiama la donna è sempre attiva 24 ore su 24.Comunque una mamma in genere compie egregiamente il suo mestiere…Oggi come oggi assistiamo però a rari, ma esistenti casi di papà casalinghi…Sui risultati però non garantirei…Un Saluto da Carlo.

    "Mi piace"

  3. Ciao, credo che quando vi è un figlio, ci vorrebbe una presenzafissa in casa, e qui non faccio differenza tra uomo o donna.Però poi penso che spesso, un solo stipendio non basta, quindimi chiedo, perchè non dare un\’assegno mensile al coniuge che,rinuncando al lavor, rimane a casa per curare la famiglia?Mia moglie è casalinga, e vedo che il lavoro che svolge è pesante e di grande responsabilità, perchè allora nonretribuirlo?Con sincera amicizia, Vito

    "Mi piace"

  4. Rosa, mia figlia ha rinunciato a un buon lavoro perchè l\’avrebbe tenuta lontano dai figli tutto il giorno. Non ha chiesto neppure il mio parere tanto è convinta che il suo posto è ancora accanto a loro. Ci sono ovviamente i risvolti della medaglia.:quando i bimbi saranno più cresciuti, lei lo troverà il lavoro? Si sarà laureata per niente? Però c\’è sempre la Divina Provvidenza che ci penserà! Per il momento va bene così. Ciaoooo

    "Mi piace"

  5. Sono d\’accordo con Carlo, la migliore madre è quella che "può permettersi" di stare accanto ai suoi figli ed accudirli, come la mia.Altro è la necessità di lavorare, come mia sorella, splendida persona, che lavora di mattina, altrimenti non si arriva a fine mese, ma non fà pesare mai la sua stanchezza ai ragazzi. La guardo al pomeriggio, sbalordita, dedicarsi ai compiti del bimbo piccolo o giocare con lui. Pensate che i miracoli siano le guarigioni da malattie gravi o le vincite al superenalotto? No, miracolo è anche una madre costretta a lavorare per aiutare la famiglia che poi trova pure il tempo di seguiri i figli ed attenzonare il marito. W mia sorella, W le donne così.

    "Mi piace"

  6. Per mia esperienza posso dire che non si puo\’ lavorare pensando alla carriera e far la mamma contemporaneamente, si toglierebbe un qualcosa ad entambi le parti.Il mio pensiero quando ero a lavoro, dopo aver fatto per anni la mamma a tempo pieno,era rivolto ai miei piccoli a casa… , il lavoro mi piaceva,ma non ero mai a casa , solo a pranzo, ero imprigionata in un negozio, con mille responsabilita\’, non vivendo in pieno i miei bimbi, la scuola, i compiti, i loro amici, ero molto assente così ad un certo punto ho detto basta o scelto la cosa che mi faceva star meglio, mi faceva sentire piu\’ realizzata cioè crescere i miei figli con piu\’ presenza.Forse saro\’ io a non esser in grado di far entrambe le cose, forse se avessi lavorato con orarari piu\’ comodi ci sarei riuscita, comunque ora son felice, ogni loro sorriso, ogni minuto trascorso con loro, mi riempie di gioia.buona giornata ciaomiki

    "Mi piace"

Rispondi ✿

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.