La legge anti-gay ugandese è stata definitivamente accantonata!!!


Cari amici,Frank Mugisha e altri attivisti coraggiosi pro-diritti umani consegnano la nostra petizione al Parlamento ugandese poco prima che i leader hanno accantonato la pena di morte contro i gay. 
La legge anti-gay ugandese è stata definitivamente accantonata! La settimana scorsa era quasi scontato che passasse, ma dopo 1,6 milioni di firme consegnate al Parlamento, decine di migliaia di telefonate fatte ai nostri governi, il giro del mondo della notizia riguardante la nostra campagna e un’indignazione globale incredibile, i politici ugandesi hanno rinunciato ad adottare questa legge!

E’ stata una battaglia senza esclusione di colpi: gli estremisti religiosi hanno provato a far passare la legge mercoledì, e poi si sono accordati per fissare una sessione d’emergenza del Parlamento venerdì, una tattica mai utilizzata prima. Ma ogni volta, nel giro di poche ore, abbiamo reagito prontamente. Tantissimi complimenti a tutti quelli che hanno firmato, fatto chiamate, inoltrato l’appello e fatto una donazione per questa campagna. Con il nostro aiuto migliaia di persone innocenti della comunità gay ugandese non si sveglieranno questa mattina con una condanna a morte sulla loro testa decisa in base a chi hanno scelto di amare.

Frank Mugisha, impavido leader della comunità gay in Uganda, ci ha inviato questo messaggio:

“I coraggiosi attivisti pro-diritti degli omosessuali ugandesi e i milioni di persone da tutto il mondo si sono uniti e hanno sconfitto questa orrenda legge anti-gay. Il sostegno dalla comunità globale di Avaaz è stato fondamentale per far sì che questa legge venisse bloccata. La solidarietà globale ha fatto la differenza”.

Anche l’Alto Rappresentante dell’UE per gli Affari internazionali ha scritto ad Avaaz:

“Grazie mille. Come sapete, grazie alla pressione esercitata e ai vostri sforzi, uniti a quelli di altri rappresentanti della società civile, all’UE e ad altri governi, insieme alle nostre delegazioni e ambasciate lì presenti, questa mattina la legge non è stata presentata”.

La battaglia non è finita qui. Gli estremisti che vogliono questa legge potranno riprovarci di nuovo fra 18 mesi. Ma questa è la seconda volta che siamo riusciti a sconfiggerli, e andremo avanti finché questi seminatori d’odio non si fermeranno.

Debellare le cause più profonde dell’ignoranza e dell’odio che stanno dietro all’omofobia fa parte di una battaglia storica e molto lunga, una delle cause più nobili della nostra generazione. E l’Uganda è diventato uno dei campi di battaglia più importanti, e un simbolo molto potente. La vittoria in quel paese rimbalza in tutti gli altri luoghi in cui c’è bisogno di speranza, a dimostrazione che l’amore, la tolleranza e il rispetto possono sconfiggere l’odio e l’ignoranza. Ancora una volta, un enorme grazie a tutti coloro che hanno reso questa impresa possibile.

La notizia sui media:

Legge anti-gay accantonata (in inglese):
http://www.bbc.co.uk/news/world-africa-13392723

ne avevamo parlato in questo post: https://calogerobonura.wordpress.com/2011/05/11/cari-amici/

e vi ringrazio x aver partecipato…

5 pensieri su “La legge anti-gay ugandese è stata definitivamente accantonata!!!

  1. Sono davvero contenta, anche questa volta si è dimostrato che quando si è compatti per uno scopo umanitario e per una legge ingiusta si ottiene la vittoria! Sarebbe meglio che se rendessero conto anche tutti quelli che sono al parlamento……ormai siamo davvero stanchi! Un abbraccio Rosa, buona giornata!

    "Mi piace"

  2. Son contento che non sia passata quella legge orrenda, ma questo dimostra quanto cammino c’è da fare ancora sulla strada della vera civiltà.
    Il solo proprorre leggi di quel genere, dimostra quanto cammino c’è ancora da fare sulla strada che porta alla vera civiltà.
    Ti auguro una buona giornata, con amicizia, Vito

    "Mi piace"

  3. l’omosessualità è come l’orientamento religioso, le scelte politiche,la libertà d’opinione ed ogni forma di manifestazione della propria libertà, solo che riguarda una sfera troppo soppressa:la sessualità. Anche qui in Italia sono troppi i pregiudizi contro i gay. Purtroppo bisogna innanzitutto lavare il proprio cervello da ogni forma di conformismo che ci plagia. Davanti a noi non abbiamo un gay o una lesbica, ma una persona, un cuore che batte e un’anima che parla,pensa,agisce. Sono uguali a noi e dobbiamo mettercelo in testa. Una sola cosa non tollero, quando l’omosessualità viene pubblicizzata come moda, sulle riviste, sui giornali, sui mass media….

    "Mi piace"

Rispondi ✿

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.