miele blu


Fin dall’inizio di agosto 2012, gli apicoltori che vivono nei pressi della città francese di Ribeauville hanno notato che le api non tornavano nelle loro arnie cariche di normalissimo polline, ma con alcune sostanze colorate non meglio identificate.

Ribeauville si trova a sud-ovest di Strasburgo, ed è più nota per il suo vino che per la produzione di miele. Vi risiedono tuttavia parte dei 2.400 apicoltori dell’Alsazia, con una fetta di 35.000 colonie di api sul totale a livello nazionale, e una produzione di 1.000 tonnellate all’anno. La Francia, infatti, è una delle più grandi produttrici di miele dell’Unione Europea, con un totale di oltre 18.330 tonnellate di miele all’anno.
Potete quindi immaginare l’impatto economico di una partita di miele contaminato, quindi invendibile, sull’economia dell’apicoltura in Alsazia.

L’effetto di queste sostanze è ben evidente dalle fotografie: si possono osservare chiaramente moltissime celle colorate all’interno del telaio, con tonalità che vanno dal blu brillante fino ad uno strano verde scuro.

La spiacevole conseguenza dell’accumulo di questo sostanze nelle colonie di api è che il miele prodotto da questi operosi insetti è colorato, stranamente con i tipici colori delle caramelle al cioccolato M&M.

Altra curiosa coincidenza è che ci sia proprio un impianto della Mars, Agrivalor, a circa 4 km di distanza dagli allevamenti, impianto in cui l’azienda smaltisce il materiale di scarto della produzione di M&M per produrre biogas.

La Mars non ha commentato la notizia, ma gli apicoltori della regione alsaziana sono mezzi disperati per l’impossibilità di vendere intere partite di miele colorato. La situazione aggrava ulteriormente le pessime condizioni degli alveari: intere popolazioni di api sono state decimate lo scorso inverno per via delle temperature insolitamente rigide.

Fatto presente il problema ai rappresentanti della Agrivalor, l’azienda ha dichiarato: “Abbiamo scoperto il problema nello stesso momento in cui l’hanno scoperto gli apicoltori. Abbiamo immediatamente interrotto la procedura di smaltimento” spiega Philippe Meinrad, co-manager della Agrivalor
dal web–

6 pensieri su “miele blu

  1. Ho letto che la Mars è una delle aziende che rispetta di meno flora e fauna…fanno esperimenti sugli animali e se ne fregano di tutto…dovrebbero chiudere, ecco cosa…buona serata cara, un abbraccio ♥

    "Mi piace"

  2. Ciao Rosa! Questo post mi ha fatto rabbrividere, il brutto è che le api sono importantissime per il nostro ecosistema e stanno persino diminuendo….. ma arrivare ad avere un miele blu è il colmo!…. Un baciuzzo a te e speriamo bene per questa nostra madre terra.

    "Mi piace"

Rispondi ✿

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.