Cibo in scatola grazie a Napoleone


Pochi forse sanno che è stato il grande Napoleone Bonaparte a favorire l’invenzione del cibo in scatola, nel mese di giugno del 1810, tramite un concorso da lui indetto per creare un sistema adatto a conservare i cibi da portare nelle campagne militari. A vincerlo fu il cuoco Nicholas Appert il quale, pur non conoscendo nulla di microbiologia (scienza che oltretutto a quel tempo non esisteva), sigilla il cibo in una scatoletta dopo averlo riscaldato a temperatura elevata e avere eliminato l’aria. Sarà Osterhoudt nel 1866 a brevettare la scatoletta con la chiave per aprire comodamente la confezione.

 

…dal web:   Il padre dell’industria conserviera è senza dubbio il francese Nicolas Francois
Appert (1750-1841), un pasticciere-chef fermamente intenzionato a vincere il
premio di 12.000 franchi offerto da Napoleone per un metodo che impedisse il
deterioramento delle provviste di cibo dei militari.
Nel 1795 Appert riuscì a
mettere a punto un sistema di sterilizzazione che
bloccava la fermentazione e la putrefazione degli alimenti, in particolare della
carne: questa tecnica (che dal nome del suo inventore fu detta
“appertizzazione”) consisteva nel bollire i prodotti, carni o verdure, riporli in un contenitore di vetro sigillato con la pece e sottoporre lo stesso ad ulteriore bollitura in acqua bollente.
Nel 1804 Appert aprì a Massy una fabbrica di conserve inscatolate. Diventarono suoi
clienti militari e marinai, per spedizioni di guerra e rifornimenti di bordo, e
ne assicurarono la fortuna.
Le conserve in scatola avevano come principale
funzione quella di garantire un consumo sicuro e prolungato nel tempo degli
alimenti: poco importava se le loro caratteristiche nutrizionali e sensoriali
fossero alquanto scadenti.

Il manuale pubblicato da Appert nel 1810,
L’arte di conservare tutte le sostanze animali e vegetali, venne tradotto
in inglese e in tedesco e fece scuola ovunque. Solo più tardi, intorno al 1860,
le ricerche sui microrganismi del biologo francese Louis
Pasteur consentirono di elaborare una spiegazione scientifica della
sterilizzazione degli alimenti mediante uso del calore (e quindi il procedimento
fu anche chiamato pastorizzazione).
Fra il 1830 e
il 1840 i recipienti di vetro cominciarono ad essere sostituiti con quelli di
latta, sperimentati per la prima volta nel 1810 in Inghilterra da Peter Durand.
Anche in Germania, con Daubert e Hahn, si sviluppò l’industria dei cibi in
scatola, trasformandone la stessa agricoltura e orientandone le scelte:
soprattutto i prodotti che meglio di altri si prestavano ad essere trattati
dall’industria conserviera cominciarono ad essere coltivati su larga scala. Ciò segnò il successo delle coltivazioni di asparagi,
particolarmente adatti ad essere trattati industrialmente.
Solo nel 1860 a Chicago e in altre città degli Stati Uniti vennero aperti stabilimenti per l’inscatolamento. Un numero di invenzioni e miglioramenti seguirono intorno agli anni 1860-1869, ed il tempo impiegato per manipolare il cibo in scatola viene ridotto da 6 ore ad appena 30 minuti.
In Italia il primo industriale
conserviero fu il torinese Francesco Cirio, di casale monferrato dapprima esportatore di prodotti
freschi su vagoni frigoriferi, poi produttore di piselli e pomodori in scatola a partire dal 1857 (la produzione di pomodori pelati si sviluppò
agli inizi del `900).

Annunci

Rispondi ✿

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.