Sei quello che pensi


 

14-03-2006 – Autore: Mario Giulia e Lucia Tebaldi di Soave 

Sei quello che pensi– Chi sono io? – chiese un giorno un giovane ad un anziano. – Sei quello che pensi – rispose l’anziano – te lo spiego con un piccola storia. Un giorno, dalle mura di una città, verso il tramonto, si videro sulla linea dell’orizzonte due persone che si abbracciavano. “Sono un papà e una mamma”, pensò una bambina innocente. “Sono due amanti”, pensò un uomo dal cuore torbido. “Sono due amici che si incontrano dopo molti anni”, pensò un uomo solo. “Sono due mercanti che hanno concluso un buon affare”, pensò un uomo avido di denaro. “È un padre che abbraccia un figlio di ritorno dalla guerra”, pensò una donna dall’animo tenero. “È una figlia che abbraccia il padre di ritorno da un viaggio”, pensò un uomo addolorato per la morte di una figlia. “Sono due innamorati” pensò una ragazza che sognava l’amore. “Sono due uomini che lottano all’ultimo sangue”, pensò un assassino. “Chissà perché si abbracciano”, pensò un uomo dal cuore asciutto. “Che bello vedere due persone che si abbracciano”, pensò un uomo di Dio. – Ogni pensiero – concluse l’anziano – rivela a te stesso quello che sei. Esamina di frequente i tuoi pensieri: ti possono dire molte più cose su di te, di qualsiasi maestro.

Annunci

4 thoughts on “Sei quello che pensi

Rispondi ✿

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...