San Calogero


Il Santo Del Calendario Di Oggi: 18 Giugno – S. Calogero Eremita
Racconta una leggenda che un cacciatore di Naro, in Sicilia, inseguendo una cerva ferita, capitò in una grotta dove viveva un vecchio nero come la pece. L’eremita disse di essere Calogero, fratello di Diego e Gerlando, due santi venerati rispettivamente a Canicattì e ad Agrigento. Per desiderio espresso di Calogero (il nome nella etimologia greca vuol dire semplicemente « bel vecchio », e con questo appellativo venivano indicati gli eremiti), il cacciatore tacque per alcuni anni la notizia; poi quando gli abitanti di Naro si recarono in processione alla grotta, del santo eremita trovarono soltanto le ossa. Ma ad Agrigento, smentendo in parte la leggenda di Naro, si parla addirittura di quattro santi eremiti col nome di Calogero, patroni di Naro, di Agrigento, di Licata e di Sciacca.

Al dire di un antico ritornello, i quattro non sarebbero ugualmente ben disposti a concedere grazie ai devoti, giacché « S. Caloiru di Girgenti, li grazii li fa pri nienti; – S. Caloiru di Naru, li fa sempri pri dinaru », il patrono di Agrigento le grazie le fa per niente, mentre quello di Naro le fa sempre per denaro! Il santuario più rinomato e più popolare per il culto di S. Calogero è quello di Gemmariaro, o Cronio, un monte a ridosso della cittadina termale di Sciacca.

A Fragalà, in provincia di Messina, è stata scoperta la testimonianza più antica del culto di S. Calogero: alcune odi, scritte da un monaco di nome Sergio, del IX secolo, nelle quali si parla di un vecchio eremita, vissuto in una spelonca e dotato di eccezionali poteri taun-iaturgici contro gli spiriti maligni. S. Calogero sarebbe arrivato in Sicilia da Cartagine e spinto dal desiderio di appartarsi si sarebbe celato dentro una spelonca nei pressi di Lilibeo. Un altro testo, utilizzato anche dalle lezioni dell’Uftìcio, e concordante sostanzialmente col precedente, dice che S. Calogero, nativo di Costantinopoli, dopo una giovinezza trascorsa nello studio della Scrittura e negli esercizi ascetici, venne a Roma a far visita al papa e da questi ottenne il permesso di vivere da eremita, in Sicilia, dove si recò in compagnia di.Onofrio, Filippo e Archileone.

Lasciando proseguire i compagni per Paternò e Agira, Calogero sostò nell’isola di Lipari. Più tardi, rispondendo al richiamo di una angelica visione, dalle Eolie avrebbe fatto vela per Sciacca, dove scelse a dimora una grotta sul monte Gemmariaro. Visse per altri trentacinque anni, in solitaria meditazione, interrotta di tanto in tanto per scendere a predicare la parola di Dio in mezzo al popolo, operandovi prodigi di ogni genere.

Si recava quotidianamente tra gli alunni, perché, come scrisse al granduca Cosimo III, « il seminario è un poco di spasso, o per dir meglio l’unico spasso che trovo fra le spine del governo episcopale ». Nei due ultimi conclavi ai quali partecipò per poco non fu eletto papa. Alla fine del maggio 1697 partì per la sua ultima visita pastorale. Morì il 18 giugno dello stesso anno. Nel 1960 Giovanni XXIII lo incluse nell’elenco dei santi.

Annunci

3 pensieri su “San Calogero

Rispondi ✿

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.