Black friday


C’era una volta il 3×2 alla Standa. Tu andavi lì e se ti compravi 3 fustini del Dixan ne pagavi due e ti eccitavi come un ragioniere davanti a una partita doppia ben fatta.

Tornavi a casa e dicevi “Donna! Ho pagato 2 fustini Dixan ma ne ho presi 3, ora limonami durissimo in segno di ammirazione e poi vai a fare il bucato”.

E prendevi un manrovescio di quelli dati bene e poi il bucato andavi a farlo tu mentre la donna sopracitata ti prendeva a schicchere sulle palle per umiliarti.

Ma oggi non c’è più il 3×2. No. Il 3×2 è roba da anziani che sanno esattamente quanti giri deve fare una betoniera al cantiere.

Oggi signora mia c’è il black friday.

Che non dura solo il friday ma dura almeno almeno 7 giorni solo che lo chiamano black friday e basta perché da quando non c’è più Happy Days nessuno canta la sigla e quindi nessuno sa i giorni della settimana in inglese.

Nemmeno quelli che vivono a Brighton.

Così tu per 7 giorni ricevi ininterrottamente offerte da Amazon di roba che non ti sogneresti mai di comprare per tutto il resto dell’anno tipo la pietra pomice usb per levigarti i calli, un ramarro ignifugo in plastica con le ventosette sotto le zampe e un set di vasetti di yogurt alla fragola però vuoti così non ingrassi.

Secondo uno studio fatto dall’università di Spiantato nel Piave nessuno ha mai comprato nulla di utile durante un black friday.

Però lo sconto tocca delle corde che sono profonde nel nostro animo, una sorta di riflesso di Pavlov come quando conosco una che si chiama Giovanna e mi viene in mente Saratoga il silicone sigillante.

Allora giù a spulciare ogni stramaledetto articolo al prezzo bomba solo per oggi di 9,99 euro mentre domani occhio che costa 10 euro e allora non conviene più.

Ci sono cascato mille volte.

Ho comprato una Hot doggiera. Una hot doggiera capite? Mi ha fregato che aveva pure lo spunzone per infilzare il pane e te lo scaldava. Io l’ho vista e ho pensato “ommioddio come ho fatto ad arrivare fino a oggi senza un hot doggiera con lo spunzone per infilzare il pane e riscaldarlo contemporaneamente? Devo averla”.

Costava solo 24,30 euro mentre senza sconti costava 27 euri. Una promozione così se te la lasci scappare sei un miserabile farlocco quindi giù a comprare e poi ti arriva e lì ti ricordi che i wurstel manco ti piacciono così tanto.

Dietro ogni uomo in fissa col black friday c’è una donna che cerca di farlo ragionare.

Oppure c’è una donna che lo lascia fare perché lei è su Zalando e compra delle ciabatte tacco 12 col pelo in super sconto di 28 centesimi.

Alla fine della settimana fai due conti e ti accorgi che il vero black friday è ogni giorno dell’anno tranne quando c’è il vero black friday. Perché è lì che risparmi. Quando non compri una mazza perché sei talmente povero che per risparmiare l’arcobaleno lo vedi a 3 colori.

Ma che mi frega, questa sera mangio hot dog.

Manuel Bova

Pubblicità

Un pensiero su “Black friday

Rispondi ✿

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.