Grazie di cuore


✿°•┈┈•ৡ✵‏🌺✵ৡ•┈┈•°✿

𝑰𝒐 𝒄𝒐𝒏 𝒊 𝒎𝒊𝒆𝒊 𝒇𝒂𝒎𝒊𝒈𝒍𝒊𝒂𝒓𝒊 𝒓𝒊𝒏𝒈𝒓𝒂𝒛𝒊𝒂𝒎𝒐 𝒄𝒐𝒎𝒎𝒐𝒔𝒔𝒊 𝒑𝒆𝒓 𝒊𝒍 𝒄𝒂𝒍𝒐𝒓𝒆 𝒄𝒉𝒆 𝒕𝒖𝒕𝒕𝒊 𝒗𝒐𝒊 𝒄𝒊 𝒂𝒗𝒆𝒕𝒆 𝒅𝒊𝒎𝒐𝒔𝒕𝒓𝒂𝒕𝒐 𝒄𝒐𝒏 𝒕𝒆𝒍𝒆𝒇𝒐𝒏𝒂𝒕𝒆, 𝒎𝒆𝒔𝒔𝒂𝒈𝒈𝒊 𝒆 𝒕𝒆𝒍𝒆𝒈𝒓𝒂𝒎𝒎𝒊 . 𝑬’ 𝒈𝒓𝒂𝒛𝒊𝒆 𝒂𝒍’𝒂𝒇𝒇𝒆𝒕𝒕𝒐 𝒄𝒉𝒆 𝒄𝒊 è 𝒂𝒓𝒓𝒊𝒗𝒂𝒕𝒐 𝒄𝒉𝒆 𝒍𝒆 𝒇𝒆𝒓𝒊𝒕𝒆 𝒑𝒐𝒔𝒔𝒐𝒏𝒐 𝒊𝒏𝒊𝒛𝒊𝒂𝒓𝒆 𝒂 𝒓𝒊𝒎𝒂𝒓𝒈𝒊𝒏𝒂𝒓𝒔𝒊. 𝑴𝒊 è 𝒅𝒊𝒇𝒇𝒊𝒄𝒊𝒍𝒆 𝒓𝒊𝒔𝒑𝒐𝒏𝒅𝒆𝒓𝒆 𝒄𝒐𝒎𝒆 𝒔𝒊 𝒅𝒐𝒗𝒓𝒆𝒃𝒃𝒆 𝒂𝒅 𝒐𝒈𝒏𝒖𝒏𝒐 𝒅𝒊 𝒗𝒐𝒊, 𝒗𝒐𝒈𝒍𝒊𝒂𝒕𝒆 𝒔𝒄𝒖𝒔𝒂𝒓𝒎𝒊, 𝒈𝒓𝒂𝒛𝒊𝒆.

✿°•┈┈•ৡ✵‏🌺✵ৡ•┈┈•°✿

 

 

Addio mammina mia.


download (3)

Prima mi chiedevo dove sei? Dove vai?
non c’è luce nei tuoi occhi
la tua bocca non sorride più
la mente non ha più pensieri
viaggi per mondi sconosciuti
dove tutto è nulla
ed io in questa dura realtà
vivo il tuo non esserci.
Da oggi riposa mamma, riposa e
con papà riscopritevi nella serenità-
vorrei darti un bacio
non mi è permesso, è
dolore su dolore
mamma, benedicimi se puoi.

Risposte al gioco di ieri.


2 arancia meccanica
3 Mary Poppins
4 l’uomo che sussurrava ai cavalli
5 il pianeta delle scimmie
6 l’uomo ragno
7 memorie di una geisha
8 i segreti di brockback mountain

9 il laureato
10 alla ricerca di Dory
11 the ring
12 mangia prega ama
13 Et
14 una notte al museo
15 se scappi ti sposo
16 ritorno al futuro
17 The millionaire
18 Il signore degli anelli

19 il sesto senso
20 Tarzan
21  ?
22 C’è posta per te
23  Ted, il peluche cafone
24 per un pugno di dollari
25 Psycho
26 il diavolo veste Prada
27 edward mani di forbice
28 Titanic
29 4 matrimoni e un funerale
30 Ghostbusters
31 balla coi lupi
32il postino suona sempre due volte
33 autumn in New York
34 Sandokan
35 il libro della giungla
36 men in black
37 angeli e demoni
38 il curioso caso di Benjamin Button
39 la bella e la bestia
40 Lilly e il vagabondo

Quanti ne avete indovinato?

Sai indovinare i film?


Es: 1=Colazione da Tiffany

1.  💎💎💎
2.🍊🔧
3. 👦 👧 🌂 👜 🇬🇧
4. 👨💬🐴
5. 🌎🦍🦍
6. 🕷👱‍♂
7. 💭📝👘
8. 👨👨  
9. 🎓 👄
10. 🔎🐠
11.  📺
12. 🍽 🙏 
13. 👽📞🏠
14. 🌌🏛👨🏻🔦🗿🐒
15. 🏃🏼‍♀💒
16. 👦🏻👴🏼🚗 🏫
17. 👳 📺 💵 💵
18. 👴 💍💍
19. 👀 👅 👂  👃 6⃣
20. 🌴 🐒 👨
21. 🎈🏡 👴 👦
22. 📩 💑
23. 🐻  🍻 » 🚬
24. 👊🏻💵
25.🛀🔪
26.😈👗👠
27.👦🏻 👐 
28.🚢
29. 💍💍💍💍💀
30. 👻 👻 🔫
31. 💃🐺🐺
32. 📬 🚪💥 
33. 🍂🍁🗽
34. 👳 🚣 🐅
35. 📖🌴
36.👽👾🔫😎😎
37.👼🏻👼🏻👹👹
38.👴🏼👨🏼👦🏼👶🏼
39.👸🥀🐻
40.🐩🍝🐕

la soluzione domani alle 12-

grazie a Gianfranco che l’ha postato su fb

E’ vero che l’Emmenthal sta perdendo i buchi?


SI… I buchi del formaggio svizzero sono diminuiti a causa dell’automazione della mungitura. Con i moderni processi meccanizzati, infatti, si ottiene un latte troppo pulito e quasi privo di quei germi derivanti dalle microparticelle di fieno che finivano nei secchi e formavano i gas interni responsabili della creazione di bolle d’aria. Già nel 1917 il mistero dell’Emmenthal era stato indagato da uno scienziato inglese, William Clark, che aveva individuato in alcuni batteri produttori di anidride carbonica i responsabili dei buchi. Utilizzando un nuovo metodo di tomografia computerizzata però, gli studiosi della Confederazione Elvetica per la Ricerca Agronomica hanno fatto luce sulla questione, rivelando caratteristiche e provenienza di questi germi. Grazie a questa scoperta si potranno dosare le microparticelle di fieno da rilasciare nel latte e scongiurare così l’estinzione dei buchi.

Fonte Rivista FocusD&R

𝕀𝕝 𝕞𝕖𝕤𝕤𝕒𝕘𝕘𝕚𝕠 𝕕𝕚 𝕠𝕘𝕘𝕚


𝗣𝗿𝗶𝗺𝗮 𝗱𝗶 𝗱𝗶𝗮𝗴𝗻𝗼𝘀𝘁𝗶𝗰𝗮𝗿𝘁𝗶 𝗱𝗲𝗽𝗿𝗲𝘀𝘀𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗼 𝗯𝗮𝘀𝘀𝗮 𝗮𝘂𝘁𝗼𝘀𝘁𝗶𝗺𝗮, 𝗮𝘀𝘀𝗶𝗰𝘂𝗿𝗮𝘁𝗶 𝘀𝗲𝗺𝗽𝗹𝗶𝗰𝗲𝗺𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗱𝗶 𝗻𝗼𝗻 𝗲𝘀𝘀𝗲𝗿𝗲 𝗰𝗶𝗿𝗰𝗼𝗻𝗱𝗮𝘁𝗼 𝗱𝗮 𝗽𝗲𝗿𝘀𝗼𝗻𝗲 𝘀𝘁𝗿𝗼𝗻𝘇𝗲.

(𝗪𝗶𝗹𝗹𝗶𝗮𝗺 𝗚𝗶𝗯𝘀𝗼𝗻)

Risultato immagini per gif animata stronze

𝕺𝖌𝖌𝖎 𝖌𝖎𝖗𝖆 𝖈𝖔𝖘𝖎


𝑺𝒐𝒏𝒐 𝒄𝒐𝒔ì, 𝒔𝒂𝒊, 𝒍𝒆 𝒑𝒆𝒓𝒔𝒐𝒏𝒆 𝒔𝒆𝒏𝒔𝒊𝒃𝒊𝒍𝒊.
𝑺𝒆𝒏𝒕𝒐𝒏𝒐 𝒊𝒍 𝒅𝒐𝒑𝒑𝒊𝒐, 𝒔𝒆𝒏𝒕𝒐𝒏𝒐 𝒑𝒓𝒊𝒎𝒂.
𝑷𝒆𝒓𝒄𝒉é, 𝒆𝒔𝒂𝒕𝒕𝒂𝒎𝒆𝒏𝒕𝒆 𝒖𝒏 𝒑𝒂𝒔𝒔𝒐 𝒂𝒗𝒂𝒏𝒕𝒊 𝒂𝒍 𝒍𝒐𝒓𝒐 𝒄𝒐𝒓𝒑𝒐, 𝒄𝒂𝒎𝒎𝒊𝒏𝒂 𝒍𝒂 𝒍𝒐𝒓𝒐 𝒂𝒏𝒊𝒎𝒂

Risultato immagini per gif donna che piange

𝕺𝖈𝖈𝖔𝖗𝖗𝖊 𝖈𝖆𝖕𝖎𝖗𝖊


𝕮𝖎 𝖘𝖔𝖓𝖔 𝖕𝖊𝖗𝖘𝖔𝖓𝖊 𝖈𝖔𝖓 𝖈𝖚𝖎 𝖕𝖊𝖗𝖉𝖎 𝖙𝖊𝖒𝖕𝖔, 𝖊 𝖕𝖊𝖗𝖘𝖔𝖓𝖊 𝖈𝖔𝖓 𝖈𝖚𝖎 𝖕𝖊𝖗𝖉𝖎 𝖎𝖑 𝖘𝖊𝖓𝖘𝖔 𝖉𝖊𝖑 𝖙𝖊𝖒𝖕𝖔.

𝕰’ 𝖘𝖔𝖑𝖔 𝖖𝖚𝖊𝖘𝖙𝖎𝖔𝖓𝖊 𝖉𝖎 𝖘𝖈𝖊𝖑𝖙𝖆.

Risultato immagini per gif animata clessidra

 

 

Sssst… vi svelo un mio segreto


Non l’ho mai detto a nessuno, ed ora mi ritrovo qui a rendere pubbliche questa cosa “mia” e privata , perché penso che in questo particolare momento di sofferenza per tutti – per chi ha fede possa essere uno spunto di riflessione. In seguito alle mie embolie polmonari del 2008 ho iniziato a dire un’ave maria ogni tal volta che sento la sirena di un’ambulanza:
per il paziente affinché recuperi la sua salute, per i militi per l’amore che ci offrono in quei momenti di paura, e poi per i medici affinché siano guidati dallo Spirito Santo per curarci nel modo migliore.
Siamo stati tutti sdraiati su quelle lettighe impauriti🤔 una preghiera di conforto per il prossimo è un atto che nasce dal cuore .
RINGRAZIO i militi ed i dottori che sempre mi hanno soccorso ed hanno saputo ” fare il meglio”🚑

Sono il virus.


Ho riflettuto molto in questi giorni cercando di dare un senso, perché un fottuto senso ci dovrà pur essere, a tutta questa assurda situazione che siamo costretti a vivere.
Ho immaginato che il virus potesse parlare e ho immaginato ciò che ci direbbe, attraverso una lettera, se potesse farlo e queste sono le parole che sono riuscito a mettere su un foglio.

Ciao sono Covid-19, molti di voi mi conosceranno più semplicemente come Coronavirus, e sono un virus.
Scusate il poco preavviso ma non mi è dato far sapere quando arriverò, in che forma e forza mi presenterò a voi.

Perché sono qui? Be’ diciamo che sono qui perché ero stanco di vedervi regredire anziché evolvervi, ero stanco di vedervi continuamente rovinare con le vostre mani. Ero stanco di come trattate il pianeta, ero stanco di come vi rapportate l’un l’altro, ero stanco dei vostri soprusi, delle vostre violenze, delle guerre, dei vostri conflitti interpersonali, dei vostri pregiudizi, ero stanco della vostra invidia sociale, della vostra avidità, della vostra ipocrisia, del vostro egoismo, ero stanco del poco tempo che dedicate a voi stessi, alle vostre famiglie, ero stanco delle poca attenzione che riservate molto spesso ai vostri figli, ero stanco della vostra superficialità, ero stanco dell’importanza che spesso date alle cose superflue a discapito di quelle essenziali. Ero stanco della vostra ossessiva e affannata ricerca continua del vestito più bello, dell’ultimo modello di smartphone della macchina più bella solo per apparire realizzati. Ero stanco dei vostri tradimenti, ero stanco della vostra disinformazione, ero stanco del poco tempo che dedicate a comunicare tra di voi, ero stanchissimo delle vostre continue lamentele quando non fate nulla per migliorare le vostre vite. Ero stanco di vedervi discutere e litigare per motivi futili, ero stanco delle continue risse tra chi vi governa e delle scelte sbagliate che spesso fa chi vi dovrebbe rappresentare, ero stanco di vedere gente che si insulta e ammazza per una partita di calcio.

Lo so, sarò duro con voi, forse troppo, ma non guardo in faccia a nessuno…sono un virus. La mia azione vi costerà vite ma voglio che capiate una volta per tutte che dovete cambiare rotta…per il vostro bene.

Il messaggio che vi voglio dare è semplice. Ho voluto evidenziare tutti i limiti della società in cui vivete perché possiate eliminarli, ho voluto fermare tutto apposta perché capiate che l’unica cosa importante a cui dovrete indirizzare tutte le vostre energie d’ora in avanti è semplicemente una.. la VITA, la vostra e quella dei vostri figli, e a ciò che è veramente necessario per proteggerla, coccolarla e condividerla. Vi ho voluti il più possibile rinchiusi e isolati nelle vostre case, lontano dai vostri genitori, dai vostri nonni, dai vostri figli o nipoti, perché capiate quanto sia importante un abbraccio, il contatto umano, il dialogo, una stretta di mano, una serata tra amici, una passeggiata in centro, una cena in qualche locale o una corsa al parco all’aria aperta. Da questi gesti dove ripartire tutto.

Siete tutti uguali, non fate distinzioni tra voi. Vi ho dimostrato che le distanze non esistono, ho percorso chilometri e chilometri in pochissimo tempo e senza che voi ve ne siate accorti. Io sono di passaggio ma i sentimenti di vicinanza e collaborazione che ho creato tra di voi in pochissimo tempo dovranno durare in eterno.

Vivete le vostre vite il più semplicemente possibile, camminate piano, respirate profondamente, fate del bene perché il bene vi tornerà sempre indietro con gli interessi, godetevi la natura, fate ciò che vi piace e vi appaga e crearvi le condizioni per non dover dipendere da nulla.

Quando voi festeggerete io me sarò appena andato ma ricordatevi di non cercare di essere persone migliori solo in mia presenza.

Addio

“F.P.O.”

 

ricevuto da Don Marco Granara.

grazie don.

Ave, o Maria


Non l’ho mai detto a nessuno, ed ora mi ritrovo qui a rendere pubbliche questa cosa “mia” e privata , perché penso che in questo particolare momento di sofferenza per tutti – per chi ha fede possa essere uno spunto di riflessione. In seguito alle mie embolie polmonari del 2008 ho iniziato a dire un’ave maria ogni tal volta che sento la sirena di un’ambulanza:
per il paziente affinché recuperi la sua salute, per i militi per l’amore che ci offrono in quei momenti di paura, e poi per i medici affinché siano guidati dallo Spirito Santo per curarci nel modo migliore.
Siamo stati tutti sdraiati su quelle lettighe impauriti🤔 una preghiera di conforto per il prossimo è un atto che nasce dal cuore .
RINGRAZIO i militi ed i dottori che sempre mi hanno soccorso ed hanno saputo ” fare il meglio”🚑

Grazie!



Grazie caro sig.Macron e cara sig.ra Merkel, grazie per averci abbandonato nel momento del bisogno, grazie per averci negato di poter ACQUISTARE da voi semplice mascherine ed altri presidi medici atti a combattere la diffusione del virus.
Le avremmo pagate sapete?!! Siamo italiani, quelli sporchi, chiassosi, indisciplinati, buffi, folcloristici, poveri e talvolta mafiosi….ma siamo anche quelli che vi hanno costruito le strade, le scuole, vi hanno insegnato l’alfabeto che usate, spiegato le leggi, il diritto, l’organizzazione dello stato e la creazione di quello di diritto.
Siamo noi, gli italiani, gli autori delle opere che riempiono i vostri musei, dei testi che studiate, delle invenzioni che usate, quelli che con enormi spese e sacrifici si trovano a dover conservare e gestire ben oltre il 70% del patrimonio culturale ed artistico mondiale chiedendovi una cifra irrisoria per il biglietto dei musei e talvolta neppure quella.
Siamo noi, gli italiani, siamo quelli che vi hanno offerto l’arte e la cultura su cui si basa la nostra e la vostra civiltà, la massima espressione di bellezza, armonia, equilibrio che l’essere umano abbia mai raggiunto.
Siamo noi, gli italiani che prima vi abbiamo offerto la civiltà, che poi voi avete abbattuto trascinando il mondo nel medioevo, e poi, una volta risollevati e rinati, abbiamo nuovamente offerto al mondo la civiltà, l’arte, la geografia, l’economia, l’istruzione.
Siamo noi, gli italiani quelli che hanno creato il parmigiano, la mozzarella, il prosciutto, la mortadella, il salame,i ravioli i tortellini, le lasagne il gelato, la pizza etc.etc., quelli che hanno portato in Francia le vigne e che vi hanno insegnato a fare il vino, la grappa i distillati, quelli che ogni anno combattono cntro i vostri tentativi di scimmiottare i nostri prodotti e copiarne il nome ma anche lo stile e la moda.
Anche a lei sig.Trump e a lei sig. Johnson,grazie per averci prima di tutto isolati invece che aiutati. Le ricordo sig. Trump che se non fosse per un italiano adesso sarebbe nella terra dei suoi avi a fare la fame e non in America a fare il riccone e non avrebbe neppure potuto mangiare patate perchè non le avreste mai avute senza un temerario italiano che ha navigato verso l’ignoto.
A lei sig.Johnson ricordo che la fortuna della sua nazione si basa su una bandiera che vi abbiamo concesso di issare sulle vostre navi per non essere attaccati dai pirati, la Croce di San Giorgio concessa dalla Repubblica di Genova, senza quella sareste stati spazzati via dai saraceni. Vi abbiamo insegnato la navigazione e l’avete imparata bene!
A tutti voi, quando telefonate, pensate a Meucci, quando guardate la TV o ascoltate la radio, pensate a Marconi, quando usate l’energia elettrica come non ci fosse un domani, pensate che non avreste potuto farlo se non ci fosse stato Fermi!
Noi italiani abbiamo inventato le banche, le università, la prospettiva, l’architettura, l’ingegneria, l’astrofisica, il calendario, la musica otre alle altre innumerevoli cose.
Erano italiani: Giotto, Colombo, Marco Polo, Leonardo, Michelangelo, Bernini, Tiziano, Raffaello, Brunelleschi, Galileo, Cesare, Ottaviano, Vespasiano, Aurelio, Dante e potrei continuare per ore…
Carissimi miei, nel sentire il nome ITALIA, dovreste scattare in piedi, abbassare la testa ed essere coscienti che l’origine della società occidentale è qui, se vi chiediamo aiuto dovreste correre, perchè se trascinate di nuovo il mondo nel medioevo non so se ce la faremo nuovamente a far rinascere la civiltà.
Se invece non vi interessa, allora compiacetevi di quello che avete, restate ad ammirare qualche tonnellata di ferro imbullonato e quando visitate i vostri musei, per cortesia, saltate le opere degli italiani….finirete la vostra visita molto velocemente, potrete così andare a visitare subito una bella fabbrica di auto, diesel magari, di quelle che non inquinano solo ai controlli, andate a visitare quelli che per voi sono castelli e per noi banali ville di cui siamo pieni, oppure andate nella capitale dell’azzardo che scimmiotta Venezia, Firenze, Roma, andate pure! Evitate di venire a visitare il paese più bello dl mondo visto che lo avete pugnalato alle spalle, accoglieremo a braccia aperte a chi nel momento del bisogno ci ha aiutati, apriremo le nostre città uniche al mondo a loro, potranno visitare Venezia, Roma, Firenze, Genova, Napoli, Bologna, Pisa,Lucca, Assisi, Siena, Torino, Palermo, Agrigento, Milano,Cremona, Mantova, Ferrara, la Toscana, il Monferrato,le Dolomiti, le Alpi, la Puglia, la Sardegna, etc.etc.
Avete distrutto la povera Grecia con la vostra finanza, ci avete provato con lItalia ma non ci siete riusciti, ora forse avete scorto l’occasione per assestare il colpo finale, ma nella cecità del vostro egoismo non avete calcolato che il virus non ha frontiere, colpirà tutti, anche voi!
Se ci aveste aiutato ieri nel tentativo di arginare l’epidemia, oggi non dovreste piangere i vostri morti e domani…
Il vostro egoismo ha dato la misura di quanto poco siate!
Grazie!

Troppe coincidenze!!! Arrivateci da soli


😡😡😡😡😡😡😡😡
Di Maio va in Cina e fa un accordo strepitoso col governo cinese denominato “La via della seta”.
La Francia e la Germania ci restano di cacca perché si sono fatte anticipare
da un mocciosetto napoletano.
L’accordo prevede la corsia preferenziale all’Italia rispetto al restante dell’Europa negli scambi commerciali.
Smacco x l’asse franco/tedesco.
Come fare per impedire che questo accordo faccia diventare l’Italia una nazione più forte appoggiata dalla Cina, colosso e prima potenza mondiale (sempre più in ascesa)?
Ecco che entrano in scena i servizi segreti Francesi che concordano assieme ai tedeschi e, udite udite, agli israeliani la strategia x mettere in un solo colpo in ginocchio l’economia cinese ed italiana.
La Francia ha una centrale costruita in Cina ed esattamente nella città di Wuhan (guarda un po’ che combinazione) nel 1934, se non vado errato, dove si mettono a punto studi per saperne di più di virus e batteri.
La Germania trova il pollo kamikaze di turno che in qualità di ricercatore va nella centrale e fa uscire il virus infettandosi da solo, quindi saluta dando la mano a tutti nella centrale ed in città e rientra in Germania consapevole di quello che ha appena fatto, ma non basta. Questo signore, che chiameremo il contagiato n. 0, viene mandato in italia a farsi un bel giretto a Codogno dove contagia un bel po di persone e se ne ritorna tranquillo in Germania.
Gli israeliani che c’entrano?
Sapete che hanno una intelligence che è la migliore al mondo? Bene i furbacchioni si occuperanno di fare uscire a tempo debito, e prima di chiunque altro, il vaccino che molto probabilmente hanno già approntato da tempo (con cui hanno vaccinato e protetto i 20000 soldati americani che ci stanno invadendo per proteggerci da chi??)
Milioni di euro per loro.
Riepilogando la Francia e la Germania se ne lavano le mani facendo cadere la colpa sui cinesi.
Gli americani applaudono così si tolgono la Cina davanti ai piedi
La Russia resta a guardare e l’Italia si fa spaventare come previsto dalla stampa e dai media che bombardano creando panico tra la gente.
Tra tre settimane arriverà il vaccino da Israele ma tutto non sarà finito perché comincerà una recessione che porterà l’Italia in default a meno che, a meno che proprio la Cina non ci salvi e ci protegga.

Che Dio ci aiuti, perchè noi siamo solo capaci a farci del male.

16 marzo 1978


16 marzo 1978: In Via Fani, a Roma, le brigate rosse rapiscono Aldo moro uccidendo 5 agenti della scorta. Moro verrà ucciso il 9 maggio dopo 55 giorni di prigionia.

Me lo ricordo bene, ero in piscina quando l’ho saputo…. avevo 10 anni non capivo la gravità della cosa, ma mi angosciava vedere tutte le persone addolorate.

La casa dei manichini


Si tratta della misteriosa John Lawson House, una casa costruita a metà ’800 nei pressi della stazione ferroviaria di New Hamburg, nello Stato di New York. Pur essendo disabitata, l’abitazione è occupata da tre manichini femminili seduti nella veranda e abbigliati con vestiti di epoche passate, che ogni giorno cambiano posizione e abiti. Il motivo della loro presenza è oscuro: nessuno sa chi li sposti quotidianamente, né chi sia il proprietario dell’edificio. Non solo, ma c’è chi giura di vedere ogni notte una luce dall’interno della casa. Attorno alla John Lawson House gravitano strane leggende: secondo la più comune, i manichini sarebbero posseduti da spiriti che li posizionerebbero con lo sguardo sempre rivolto in direzione della vicina stazione, dove nel 1871 il deragliamento di un treno costò la vita a 22 persone.

Fonte Rivista FocusD&R

Domande #Cosè

@accendilamente

Felicità e serenità


Un giorno una maestra portó a tutti i bambini di una scuola un palloncino dicendogli di gonfiarlo e di scriverci sopra il loro nome e cognome.
Poi fece mettere tutti i palloncini nei corridoi e disse ai bambini che avevano 5 minuti di tempo per ritrovare ognuno il suo.
Passati i 5 minuti solo pochissimi erano riusciti a ritrovare il proprio palloncino.
Allora la maestra disse ai bambini, ora avete 5 minuti per prendere un palloncino a caso e consegnarlo al proprietario. In poco più di 3 minuti ogni bambino aveva il suo palloncino in mano.
La maestra alla fine disse: “ragazzi, i palloncini sono come la felicità e la serenità. Nessuno la troverà cercando solo la sua. Se ognuno si preoccupa di quella dell’altro troverà in fretta anche la sua!”

Mamma♥


In questo tempo di fermo, penso sempre più alla mia mamma –

Certo, sono milioni i genitori che sono ricoverati presso le case di riposo.

Non è un dolore solo mio.

Però ci sono nonnini che sono ricoverati e sono lucidi per comprendere l’assenza delle visite da parte dei famigliari.

Ci sono nonnini che sono in grado di usare il cellulare e sentire regolarmente i parenti più stretti.

La struttura dove è ricoverata mia mamma mette a disposizione sempre il telefono della segreteria per poter parlare con i nostri cari.

Ma purtroppo, non è il caso che possa andar bene alla mia mamma.

Mi assillo con questi problemi, ma chissà – magari lei sicuramente non ha concezione dei giorni che passano ( lo so bene) e non soffre nemmeno nel non vedermi.

Vorrei solo che in cuor suo in un attimo di lucidità capisse il bene che le voglio, e che queste assenze sono solo per proteggerla.

  ✿°•┈┈•ৡ✵‏🌺✵ৡ•┈┈•°✿ 

🔎 #Curiosando


I diari di Marie Curie, premio Nobel per la fisica (1903) e per la chimica (1911) vinti grazie ai suoi studi sulla radioattività e alla scoperta del Radio e del Polonio, sono ancora radioattivi a più di un secolo di distanza dai suoi esperimenti. Si stima che tali quaderni, assieme ai suoi abiti e oggetti personali, saranno radioattivi per oltre un millennio.

🏛 LaNostraStoria

Coronavirus ——> una mia idea


A me un dubbio rimane…

Leggiamo di tutto … e piu’ del 50% per me sono fake news che comunque condizionano i nostri pensieri-

a pensare male degli altri si fa peccato ma spesso si indovina-

chissà: che sia stata la bandiera a stelle e strisce a farsi “involontariamente” scappare il virus da qualche laboratorio per finire in Cina: temibile potenza economica da tenere sotto scacco?
Ed ora, ci mandano l’esercito USA in Europa per fare cosa non si è capito- è il momento di fare addestramenti? …mah…direi di no… e vederli cosi sereni a stringersi le mani con baci ed abbracci mi fa pensare che siano già vaccinati.
Hanno voluto far passare i cinesi come i responsabili, ma se invece fossero solo le vittime?

Ed ora, vittime consce del loro scontro finanziario con gli USA -ma – per il loro forte senso civico e di responsabilità e sapendo nondimeno quanto l’opinione pubblica conta per la loro finanza  per il loro export europeo ed in particolare italiano si offrono di aiutarci inviandoci materiali sanitari e personale medico. 

Ma ci sarà qualcuno che fa qualcosa per amore verso il prossimo? O è tutto un tornaconto politico ed economico ?

O sono io che sono mal pensatrice?

#SapeviChe


Il ristorante più antico del mondo ancora in attività è il Sobrino de Botin a Madrid, in Spagna, aperto dal 1725.

Le testimonianze più antiche risalgono in realtà al 1590, quando fu aperta l’osteria “Casa Butin”, ma il ristorante acquisì il nome attuale nel 1725.

Da quell’anno è acceso ininterrottamente anche il forno: come spiegato dal suo chef, non viene mai spento affinché si mantenga tiepido la notte e sia pronto per cucinare la mattina dopo.

dal webfddc1ff9-9843-442c-9a8d-212190a56ea4

Euroaeroporto


Indicazioni per le uscite in Germania, Francia e Svizzera all’aeroporto di Basilea.

L’Aeroporto di Basilea-Mulhouse-Friburgo è l’unico aeroporto trinazionale al mondo. Fu costruito dalla Svizzera su territorio francese (nel comune di Saint-Louis) e messo a disposizione della Francia nel 1949, per servire la vicina città di Mulhouse, a meno di 30 km.

L’aeroporto serve marginalmente anche la città tedesca di Friburgo, distante 75 km, e per questa particolarità viene chiamato Euroaeroporto. Il confine fra Svizzera e Francia è il centro dell’aeroporto, mentre le due metà ospitano le rispettive dogane per l’uscita nei due paesi.0f18b31d-9c76-41bb-8bf2-7806157c826b

Ridiamo va….


Allora, al netto della facile ironia, cerchiamo di non diffondere il panico, ragioniamo seriamente e ipotizziamo uno scenario di diffusione del coronavirus, con relative conseguenze su economia e politica.
Da Codogno, il virus si diffonderà rapidamente per tutto il nord Italia.
Tutti i residenti a nord degli Appennini dovranno restare a casa per contenere la pandemia.
Non essendo abituati a non lavorare, scopriranno all’improvviso il vuoto della vita e andranno in depressione, ma non potranno essere assistiti per evitare i contagi.
Per distrarsi dal crollo psicologico cederanno alla ludopatia da mobile, più di quanto abbiano mai fatto finora. Le entrate del gioco d’azzardo saranno tali da appianare il debito pubblico.
La Snai si ritroverà con capitali sterminati, e comprerà la BCE.
Nel frattempo, la produzione del nord Italia si bloccherà, con conseguente crollo delle vendite, fuga di lavoratori, aziende e capitali.
Le perdite maggiori le subiranno i veri imprenditori che mandano avanti il paese, cioè i mafiosi, che hanno investito centinaia di miliardi al nord e ora tutti i loro progetti andranno a puttane.
Nel giro di quindici giorni finirà la mafia.
Il Sud chiederà la secessione dal nord per motivi sanitari, economici e per vendicarsi di tutte quelle volte che hanno rotto le balle. Ci arripigliamm tutt chill ch’è nuostr.
Causa crollo delle industrie e della mafia, d’un tratto emergeranno le realtà finora snobbate dall’economia tradizionale.
Il Molise diventerà il principale centro produttivo italiano.
Intanto, al nord lo stop improvviso alle industrie e alla circolazione renderà respirabile l’aria della Pianura Padana.
La botta improvvisa di ossigeno causerà stati allucinatori alla popolazione. Alcuni padani giureranno di aver visto il prof. Burioni guarire tre malati blastandoli su Facebook.
Prenderà piede il burionesimo.
Burioni si trasferirà a Codogno, verrà accolto come il messia e farà costruire una mega università, per costringere finalmente la popolazione a studiare.
Spinti dalle allucinazioni e dalla venerazione, il tasso di laureati salirà del 480%.
Fine degli antivaccinisti.
Il nord diventerà la Burionia, e attirerà i migliori studiosi da tutto il mondo.
Intanto Campobasso diventerà capitale del regno del sud, e in un’improvvisa botta di autostima cambierà il suo nome in Campoalto.
Il sud non proverà più complessi di inferiorità rispetto al nord, e orgogliosamente chiamerà se stesso Terronia.
In tutto questo, Roma non conterà più nulla e verrà abbandonata a se stessa, cioè come adesso.
I cinghiali popoleranno le strade dell’urbe, e inaspettatamente finiranno loro di costruire la metro C.
Papa Francesco intanto sposterà il Vaticano in Umbria, e il centro di comando ad Assisi. Il turismo ad Assisi, già enorme prima, diventerà ingestibile e richiederà nuove gigantesche infrastrutture. Foligno verrà rasa al suolo, per farne un mega parcheggio. L’aeroporto di Perugia crescerà fino a inglobare Perugia stessa, che resterà come caratteristico centro commerciale abbinato all’aeroporto.
Intanto il cardinale Bertone, che ha sempre desiderato una casa al mare, acquisterà le Marche, e ne studierà l’affascinante linguaggio.
La Toscana, realizzato che non c’è più niente da fare, chiederà l’annessione, e nascerà così la terza entità italiana, dopo la Burionia e la Terronia: la Francescania.
Nel frattempo, il coronavirus si diffonderà in tutta Europa, dato che il contagio è partito proprio nella settimana della moda, quando mezza Europa sta a Milano.
Nella prima settimana l’Europa piomberà nel caos. Nella seconda si assisterà alla discesa dei Lanzichenecchi. Così, perché ci sta bene.
A questo punto il Regno Unito, uscito dall’Europa appena in tempo e con le frontiere già ben chiuse, diventerà l’unica potenza sana, e quindi egemone.
La regina Elisabetta siederà sul Trono di Spade.

29 marzo 2020 al voto


Ricordiamo a tutti I nostri conoscenti che il 29 marzo 2020 siamo chiamati alle urne per il referendum confermativo per il taglio dei nostri CARI parlamentari….. dagli attuali 945 a 600 in totale, di cui 200 senatori (da 315) e 400 deputati (da 630). PASSAPAROLA visto che è pochissimo pubblicizzato….chissà perché?

Curiosità su Praga


Se vi trovate a Praga e dintorni il Lunedì di Pasqua, potreste assistere ad una tradizione davvero curiosa. Gli uomini del luogo, infatti, sono soliti colpire il didietro delle ragazze con i ‘’pomlázka’’, dei frustini floreali fatti di ramoscelli intrecciati di salice. Lungi dal sentirsi oltraggiate, le fanciulle (generalmente) apprezzano questo rito portafortuna, che dovrebbe scacciare gli spiriti maligni e assicurare salute e felicità a tutte le portatrici di natiche frustate durante la festa. In cambio del gentile omaggio, i ragazzi ricevono uova decorate e un fiocchetto colorato per adornare il proprio frustino.

27 gennaio


 dal web
GENNAIO  giornata della memoria
Primo Levi
Se questo è un uomo
 
Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che tovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetelele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi.
commento:
Questa poesia tratta dello sterminio degli ebrei ed è stata scritta da un ebreo sopravvissuto ad Aushwitz. La poesia è suddivisa in due parti principali. Nella prima l’autore vuole far riflettere sulla condizione dei deportati nei campi di concentramento e di come noi siamo fortunati a vivere in libertà, tornando a casa la sera e trovando una famiglia che ti vuole bene. Nella seconda parte, quasi ci comanda di ricordare sempre quello che è successo e di tramandarlo ai nostri figli, in modo che non accada mai più. Il titolo ci chiede se si possa considerare ancora un uomo, una persona a cui sia stato tolto tutto, i propri cari, i propri beni e persino il proprio nome; un uomo che sia costretto a vivere senza pace e senza più neanche la forza per ricordare.
Secondo me, questa è una poesia che ci trasmette direttamente il dolore che l’autore stesso ha provato, che ci fa riflettere su che cosa si prova essendo privati di tutto ciò che ci appartiene, in particolare della nostra dignità di persone, essendo trattati non più come uomini, ma come bestie.
A mio parere, nella poesia Primo Levi parla con tranquillità, senza esprimere subito tutta la sua rabbia; scrive cercando di farci riflettere su quello che è stato e di farci immedesimare negli ebrei perseguitati. Secondo me leggendo questa poesia non si può rimanere indifferenti perché, verso dopo verso,quel sentimento di compassione e rispetto per queste persone ci rimane inevitabilmente dentro.

Era il 27 gennaio del 1945 quando si aprirono i cancelli del campo di sterminio di Auschwitz, uno dei luoghi simbolo della ferocia nazista che portò alla morte circa sei milioni di ebrei e due milioni tra zingari, omosessuali e oppositori politici del regime di Adolf Hitler. Sono passati 63 anni  e l’Europa non può assolutamente dimenticare la pagina di orrore che ha coinvolto i suoi popoli e che rappresenta una macchia indelebile. Il  27 gennaio si celebra la Giornata della Memoria, il giorno dedicato al ricordo di quei tragici avvenimenti che portarono allo sterminio  più grave  della storia. Sessantatre anni fa l’Armata Rossa entrava ad Auschwitz, trovandovi pochi sopravvissuti e le prove di un orrore che aveva insanguinato il cuore di un continente, quello europeo, che si vantava di essere la culla della civiltà. La giornata della Memoria deve essere quindi un momento di riflessione, non solo per chi l’ha vissuta in prima persona, ma per chi, soprattutto per i giovani, perchè forse ne hanno sempre sentito tanto parlare, così, un po’ per caso, nelle aule scolastiche, senza darci troppo peso. L’impegno deve sostenere una responsabilità nel dire “Mai più” ad una atrocità simile. Dopo Auschiwtz, molte altri genocidi sono accaduti: tra i più dimenticati  in Africa, quello del ’94 in Ruanda, quello  nella ex-jugoslavia a ” Srebrenica “, definito poi dai mezzi di comunicazione con l’orribile termine  di “pulizia etnica”. Per questo spero vivamente che in ogni scuola italiana di qualsiasi ordine e grado il giorno 27 c.m alle 11.54 suoni la campanella per ricordare a tutti di osservare un minuto di silenzio in memoria di questi esseri umani.

Binario 21
 Nel progetto originale della Stazione Centrale di Milano erano previsti 20 binari per il servizio passeggeri. Più tardi, si decise di utilizzare anche i binari “corti” ai lati della grande volta di acciaio e vetro, e furono numerati fino al 24. Fino a quel momento, il binario 21 era nascosto nel ventre della stazione.
Il progettista Ulisse Stacchini aveva collocato un altro fascio di binari al di sotto di quello principale, destinandolo allo smistamento merci e postale: dopo aver caricato i vagoni, era possibile riportarli direttamente al piano dei binari passeggeri usando un ponte trasbordatore e poi un grosso montacarichi.
E ancora, al di sotto di questi binari un terzo livello accoglieva altri servizi, una vasca di raccolta idrica grande come un lago e un inceneritore per i rifiuti.
Il 30 gennaio 1944 seicento cittadini italiani di religione ebraica furono caricati su camion nel cortile del carcere di San Vittore. I camion raggiunsero via Ferrante Aporti, e il loro carico fu spinto nelle viscere buie della stazione, fra urla e latrati di cani. Le persone e i 40 bambini che erano fra di loro furono stipati su carri bestiame; i carri furono spostati con il ponte mobile e poi sollevati in superficie con l’ascensore.
Sette giorni dopo i vagoni venivano scaricati ad Auschwitz, e nel giro di poche ore cinquecento persone furono gasate e bruciate.
Il primo convoglio era partito carico di 250 deportati il 6 dicembre dell’anno prima, e altri ne sarebbero partiti fino al maggio del 1944.
Oggi l’organizzazione Binario 21 vuole fare di quei sotterranei uno spazio per la memoria, e ha realizzato un film e una mostra per non dimenticare.
Il binario 21 è ancora lì, con lo stesso ponte e lo stesso ascensore.

Nel Giorno della Memoria, le bandiere di Palazzo Tursi saranno esposte a mezz’asta, secondo le prescrizioni della presidenza del Consiglio dei ministri, «in segno di memore omaggio alle vittime dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti».

Repubblica Italiana Legge 20 luglio 2000, n. 211

Art. 1. 1. La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, Giorno della Memoria, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonchè coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

Art. 2. 1. In occasione del Giorno della Memoria di cui all’articolo 1, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell’Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinchè simili eventi non possano mai più accadere.