Testimoni, non maestri


L’uomo contemporaneo ascolta più volentieri i testimoni che i maestri, o, se ascolta i maestri, lo fa perché sono dei testimoni.

Annunci

Casa dello studente 🇮🇹


🌳🌼🥀 Oggi ho visitato la casa dello studente che é stata in mano ai fascisti come loro base logistica e luogo di tortura. Entrare in quelle celle ed immaginare quello che quei ragazzi hanno passato é davvero qualcosa di doloroso ed incomprensibile. Incomprensibile il coraggio, la forza e l’amore che avevano quei ragazzini di 20 anni o poco più per affrontare il destino a cui sapevano benissimo di andare incontro con la loro scelta. Quella generazione di giovani uomini e ragazze ha regalato le loro sofferenze a tutti noi- per un futuro diverso e migliore. Oggi i coetanei di quegli eroi non credo abbiano la consapevolezza che le loro scelte sociali faranno il futuro dei loro figli. Forse non ci pensano. Forse sono impegnati a fare i bulli con i più deboli, forse stanno giocando alla play….la loro superficialità sarà loro responsabilità. Ed in questi tempi strani – siamo proprio sicuri che il fascismo ce lo siamo davvero lasciato alle spalle? Buon 25 aprile sempre🇮🇹

Nella coppia le donne fanno la differenza!


E che differenza!!!

Si racconta che una volta il presidente degli Stati Uniti, Barak Obama, andò a cena fuori con la moglie Michelle e, volendo fare qualcosa di diverso e fuori dalla routine, decise di andare in un normale ristorante e non, come al solito, in uno di lusso.
Seduti al tavolo, il proprietario si avvicinò e chiese alle guardie del corpo di permettergli di andare a salutare la moglie del presidente. E così fece.
Una volta andato via il proprietario, Obama chiese a Michelle:
«Perché quell’uomo aveva tanto interesse a salutarti?»
La moglie rispose:
«In gioventù quest’uomo è stato per lungo tempo innamorato di me.»
Il presidente disse:
«Ah, questo significa che se lo avessi sposato, oggi saresti la proprietaria di questo ristorante!»
Michelle rispose:
«No, tesoro… Se avessi sposato quell’uomo, lui sarebbe l’attuale presidente degli Stati Uniti d’America!»

hilda-fleur-seulSonnetteCenterblog.gifbperfil_1

classifiche

 

Don Roberto Fiscer – Con quella faccia


il denaro non è tutto


Un giorno un padre di famiglia benestante
portò suo figlio in viaggio
con il fermo proposito di mostrargli quante persone
vivessero in modo differente da loro.

 

Passarono un giorno e una notte in una umile casa
di una famiglia molto povera.
Quando tornarono da questa esperienza, il padre chiese al figlio:
” Come ti è sembrato il viaggio ?”
” Molto bello, papà !”
” Hai visto come vivono i poveri ?”
” Si !!!!”
” E cosa hai imparato ?”
Suo figlio, allora gli rispose:
” Ho visto che noi abbiamo un cucciolo di cane in casa
e loro ne avevano quattro.
Noi abbiamo una piscina che occupa mezzo giardino
e loro hanno un fiumiciattolo infinito.
Noi abbiamo un solarium illuminato con luce,
loro avevano il cielo, con tutte le stelle e la luna.
Noi abbiamo un giardino con un cancello di ingresso,
loro avevano un bosco intero.
Mentre il piccolo stava rispondendo, il padre, stupito,
non poteva articolare una sola parola.
Alla fine il figlio aggiunse:
Grazie papá, per avermi mostrato quanto siamo poveri…

Quando misuriamo ciò che possediamo,
il risultato del calcolo dipende solo da come guardiamo le cose.
Se abbiamo amore, amici, salute, buonumore e fede
allora , abbiamo tutto !
Se siamo aridi di spirito, non abbiamo niente.

Ho conosciuto una persona talmente povera,
ma talmente povera, che aveva solo denaro !!

un sacchetto di chiodi


C’era una volta un ragazzo con un brutto carattere.
Suo padre gli diede un sacchetto di chiodi
e gli disse di piantarne uno nello steccato del giardino
ogni volta che avesse perso la pazienza e litigato con qualcuno.
Il primo giorno il ragazzo piantò 37 chiodi.
Nelle settimane seguenti, imparò a controllarsi
e il numero di chiodi piantati nello steccato
diminuì giorno per giorno.
Aveva scoperto
che era più facile controllarsi che piantare i chiodi !
Finalmente arrivò il giorno in cui il ragazzo
non piantò alcun chiodo,
e andò orgoglioso, a riferirlo al padre.
Il padre allora gli disse di levare un chiodo dallo steccato
per ogni giorno in cui
non aveva perso la pazienza o litigato con qualcuno.
I giorni passarono e finalmente il ragazzo poté dire al padre
che aveva levato tutti i chiodi dallo steccato.
Quel giorno, il padre portò il ragazzo davanti allo steccato
e gli disse:
” Figlio mio, ti sei comportato bene
ma guarda quanti buchi ci sono nello steccato.
Lo steccato non sarà più come prima.
Quando litighi con qualcuno e gli dici qualcosa di brutto,
gli lasci una ferita come queste.
Puoi piantare un coltello in un uomo, e poi levarlo,
ma rimarrà sempre una ferita.
Non importa quante volte ti scuserai, la ferita rimarrà.”

 

Perchè ingannare?


C’è una sorta di rispetto e di deferenza nel mentire.

Ogni volta che mentiamo a qualcuno, gli facciamo il complimento di riconoscere la sua superiorità.
                                                                  [Samuel Butler].

con questa triste e vera riflessione vi lascio il mio saluto piu’ affettuoso

per una  buona giornata

★´´¯`•.¸¸. ★• Amore


In tutti gli amori si sbaglia-
Non esiste amor perfetto ed immune al dolore-
Si, lo so vorresti non aver fatto mai del male alla persona che ami.
Ma in fondo, è vero  -tutti gli innamorati si fanno del male, –
anche se sono parte entrambi di un’anima sola, è inevitabile.
Ma tu, non avresti mai voluto dire “mi dispiace”- 
non avresti mai voluto sentire la sua assenza anche quando la stai abbracciando.
Non avresti mai pensato di non far parte più dei suoi sogni,
ora:  puoi solo fare in modo che  che tu non esca definitamente dal suo cuore.

Ricorda: non puoi farle del male senza ferirti.

Bilancio 2017.


Sono sopravvissuta. Non è stato un anno facile, ma ad essere sincera sono decenni che non ne ricordo uno. Ho fatto scelte che mai avrei voluto fare, e che mi costano ogni giorno grandi sacrifici. Ma ho capito da un pezzo ormai,  che la vita è tutto un grosso sacrificio. Ogni tanto si é respirata una boccata di ossigeno: a gennaio con la laurea di Simona, e a settembre con le nostre nozze di argento. Momenti che se di per sé gioiosi avevano però sempre quell’amaro di fondo.
Non è che noi genovesi amiamo il mugugno… ma esseri sinceri e dire le cose come stanno è solo onestà-
Arriviamo a dicembre con il trasferimento di mio genero qui a Genova, ottima notizia per questa futura nuova coppia ~  
Alla conferma degli amici che non si sono nemmeno degnati ad andare a trovare mia madre in questi lunghi nove mesi.. dico semplicemente che non  siete amici, sappiatelo.
Sto iniziando a capire che le persone vanno trattate come ti trattano, anche se il mio Vangelo dice un’altra cosa. Poi farò i conti con Dio e se mi capirà  + bene,+  se no purgatorio forever!!!
Ma gli amici lo avranno capito che ad una loro azione ne risponde sempre una mia con un senso..? …Aprite le porte anche dell’inferno: peccherò di presunzione ma sono sicura che non hanno capito e non capiranno una beata mazza.
Un grazie va solo a Ivano che si riconferma la persona più vicina ed amabile che ho.
Un grazie alla vita per una new entry nella mie amicizie che ho rivalutato ed apprezzato in modo particolare in questo ultimo periodo.
Il 2018 si prospetta già con qualche preoccupazione….. ma forza e coraggio ….avanti tutta.
★•.¸
¸☆´.•´
.•´✶`*.
*.*★
. ✶•´ ☆´,•*´¨★ 2018
¸✶.•´¸.•*´✶
☆´¸.•★´ ¸.✶* ☆★
☻/ღ˚ •。* ˚ .˚✰˚ ˛★.* 。. ღ˛° 。* ° ˚ • ★ *˚ .ღ 。
/▌*˛˚ ░ٌٌٌӇ░ٌٌٌƛ░ٌٌٌƤ░ٌٌٌƤ░ٌٌٌƳ ░ٌٌٌ░ٌٌٌƝ░ٌٌٌЄ░ٌٌٌƜ░ٌٌٌ░ٌٌٌ Ƴ░ٌٌٌЄ░ٌٌٌƛ░ٌٌٌƦ░ٌٌٌ!░˚ ✰* ★
/ \ ˚. ★ *˛ ˚* ✰。˚ ˚ღ。* ˛˚  。✰˚* ˚ ★ღ ˚ 。✰ •* ˚ 
UN AUGURIO SPECIALE PER VOI CHE SIETE L’ANIMA DI QUESTO BLOG♥,
UN BACINO AD OGNUNO DI VOI

 

La lucciola di Natale


Ad adorare il bambino Gesù nella capanna di Betlemme insieme con gli altri animali accorsero anche gli insetti. Per non spaventare il piccolo restarono in gruppo sulla soglia. Ma Gesù, con un gesto delle rosee manine, li chiamò ed essi si precipitarono, portando i loro doni. L’ape offrì il suo dolce miele, la farfalla la bellezza dei suoi colori, la formica un chicco di riso, il baco un filo di finissima seta. La vespa, non sapendo che cosa offrire, promise che non avrebbe più punto nessuno, la mosca si offrì di vegliare, senza ronzare, il sonno di Gesù.

Solo un insetto piccolissimo non osò avvicinarsi al bambino, non avendo nulla da offrire.

Se ne stette timido sulla porta; eppure avrebbe tanto voluto dirgli il suo amore. Ma, mentre con il cuore grosso e la testa bassa stava per lasciare la capanna, udì una vocina: «E tu, piccolo insetto, perché non ti avvicini ?». Era Gesù stesso che glielo domandava. Allora, commosso l’insetto volò fino alla culla e si posò sulla manina del bambino.

Era così emozionato per l’attenzione ricevuta, che gli occhi gli si colmarono di lacrime. Scivolando giù, una lacrima cadde proprio sul piccolo palmo di Gesù. «Grazie», sorrise il bambinello. «Questo è un regalo bellissimo». In quel momento un raggio di luna, che curiosava dalla finestra, illuminò la lacrima. «Ecco è diventata una goccia di luce!», disse Gesù sorridendo. «Da oggi porterai sempre con te questo raggio luminoso. E ti chiamerai lucciola perché porterai con te la luce ovunque andrai».

Santo Stefano


 

 Tra i pastori che erano accorsi ad adorare Gesù Bambino c’erano anche delle donne. Esse avevano portato con sè i loro bambini perché Gesù li benedicesse. Tecla, una giovane sposa, non aveva figli, ma desiderava tanto averne uno. Per non essere da meno delle altre donne, prese una grossa pietra, l’avvolse in uno scialle, mise sulla sommità una cuffietta e se la teneva fra le braccia, proprio come se fosse un bambino appena nato. Quando vide Gesù, così bello e sorridente, fu presa dalla commozione e si mise a piangere, là in ginocchio, davanti alla capanna. Quando si alzò per ritornare a casa, Maria che aveva letto nel suo cuore e che aveva capito il suo innocente inganno le domandò:” Tecla, che cosa porti in braccio?”
Sentendosi scoperta, la donna rispose: ” Allatto un figlio maschio.” Allora la Madonna le disse: ” Su, scopriti il seno e allatta tuo figlio; da questo momento il tuo desiderio é stato esaudito. La tua pietra é diventata un bel bambino.” La donna scostò lo scialle che avvolgeva la pietra e rimase meravigliata per il miracolo che era stato compiuto per lei; tra le braccia aveva il suo primo figlio. ” Ricordati però” le disse ancora Maria ” che egli é nato da una pietra e morirà a colpi di pietra.” Questo bambino fu chiamato Stefano, divenne discepolo di Gesù e fu il primo ad affrontare il martirio. La chiesa celebra la sua festa il 26 dicembre, il giorno dopo Natale

Tanti auguri ai Stefano e Stefania

ed un pensiero  al mio papi – Rosa

La storia degli angeli dell’avvento


Risultati immagini per gif animata natività animata

Gli angeli dell’Avvento sono quattro, proprio come le quattro settimane che preparano al Natale. Vengono in visita sulla Terra, indossando abiti di un colore diverso, ciascuno dei quali rappresenta una particolare qualità.

dividerdividerdividerdivider

L’angelo blu. Durante la prima settimana un grande angelo discende dal cielo per invitare gli uomini a prepararsi per il Natale. E’ vestito con un grande mantello blu, intessuto di silenzio e di pace. Il blu del suo mantello rappresenta appunto il silenzio e il raccoglimento.
Risultati immagini per gif animata angelo blu natalizio
 
L’angelo rosso. Durante la seconda settimana un angelo con il mantello rosso scende dal cielo, portando con la mano sinistra un cesto vuoto. Il cesto è intessuto di raggi di sole e può contenere soltanto ciò che è leggero e delicato. L’angelo rosso passa su tutte le case e cerca, guarda nel cuore di tutti gli uomini, per vedere se trova un po’ di amore… Se lo trova, lo prende e lo mette nel cesto e lo porta in alto, in cielo. E lassù, le anime di tutti quelli che sono sepolti in Terra e tutti gli angeli prendono questo amore e ne fanno luce per le stelle. Il rosso del suo mantello rappresenta l’amore.Risultati immagini per gif animata angelo rosso
L’angelo bianco. Nella terza settimana un angelo bianco e luminoso discende sulla terra. Tiene nella mano destra un raggio di sole. Va verso gli uomini che conservano in cuore l’amore e li tocca con il suo raggio di luce. Essi si sentono felici perché nell’Inverno freddo e buio, sono rischiarati ed illuminati. Il sole brilla nei loro occhi, avvolge le loro mani, i loro piedi e tutto il corpo. Anche i più poveri e gli umili sono così trasformati ed assomigliano agli angeli, perché hanno l’amore nel cuore. Soltanto coloro che hanno l’amore nel cuore possono vedere l’angelo bianco… Il bianco rappresenta il simbolo della luce e brilla nel cuore di chi crede.Immagine correlata

L’angelo viola. Nella quarta e ultima settimana di Avvento, appare in cielo un angelo con il mantello viola. L’angelo viola passa su tutta la Terra tenendo con il braccio sinistro una cetra d’oro. Manca poco all’arrivo del Signore. Il colore viola è formato dall’unione del blu e del rosso, quindi il suo mantello rappresenta l’amore vero, quello profondo, che nasce quando si sta in silenzio e si ascolta la voce del Signore dentro di noi.dal web dividerdivider

La tazza


Una coppia americana andò in Inghilterra per celebrare il 25° anniversario di matrimonio. Entrambi erano appassionati di antiquariato. Nella città di Sussex passarono davanti ad un piccolo negozio di articoli cinesi ed una piccola tazza di te attirò i loro occhi. Entrarono . “Posso vedere quella?” chiese il marito. “Non ho mai visto una tazza come quella!” Ma immediatamente la tazza parlò … “Tu no…n capisci. Io non sono sempre stata una tazza. C’era un tempo in cui io ero terra e poi creta. Il mio maestro mi prese e mi rotolò e mi ha battuto.. e battuto ancora. Ho gridato “Lasciami stare!” Ma egli mi ha sorriso solamente dicendomi “Non ancora”.

“Poi mi mise su una ruota” disse la tazza ” E cominciai subito a girare… girare… ” Ferma .. mi gira la testa !” gridai. Il maestro annuì e disse ” Non ancora”.

Poi mi mise in un forno .. non ho mai sentito così caldo, pensavo che volesse bruciarmi … e gridai … e bussai alla porta del forno. Lo potevo vedere attraverso l’apertura e potevo leggere attraverso le sue labbra quando egli scosse la testa per dirmi: “Non ancora”.

Finalmente la porta si aprì … mi mise su uno scaffale e cominciai a raffreddarmi. ” Questo va meglio ” dissi . Ma subito dopo il maestro mi spazzolò … e mi dipinse interamente … le esalazioni della pittura erano orribili … e io pensai che sarei soffocata. Egli si limitò ad annuire ripetendo: “Non ancora”.

Più tardi mi mise nel forno … non nel primo .. . ma in uno, due volte più caldo. Ero sicura che sarei bruciata tutta. Ho invocato, ho supplicato … ho gridato. Per tutto quel tempo potevo vederlo scuotere la testa e dire “Non ancora”.

Pensavo che non c’era speranza per me e che non ce l’avrei fatta. Ero pronta ad arrendermi, ma la porta si aprì ed egli mi prese e mi mise su uno scaffale. Un’ora dopo mi sporse uno specchio e disse “Guardati” “lo feci e dissi “Quella non sono io – non potrei essere io! Sono troppo bella “.

“Voglio che ti ricordi che so che ti ha fatto male essere ruotata ed essere battuta … ma se io non lo avessi fatto saresti seccata. So che la ruota ti ha fatto girare la testa, ma se l’avessi fermata non avresti preso forma. So che ti ha fatto male ed era caldo e scomodo essere nel forno, ma se non ti avessi messa lì ti saresti spezzata. So che le esalazioni erano sgradevoli quando ti ho spazzolata e dipinta, ma vedi, se non lo avessi fatto non ti saresti indurita e non ci sarebbe colore nella tua vita.
Ora tu sei un prodotto finito, ora tu sei ciò che avevo in mente quando ho cominciato all’inizio con te!”
Forse anche noi siamo un po’ come quella tazza… ♥
(dal web)Risultati immagini per gif animata tazza

Nel club del novantanove


 

C’era una volta un re molto triste che aveva un servo molto felice che circolava sempre con un grande sorriso sul volto. «Paggio», gli chiese un giorno il re, «qual è il segreto della tua allegria?».
«Non ho nessun segreto. Signore, non ho motivo di essere triste. Sono felice di servirvi. Con mia moglie e i miei figli vivo nella casa che ci è stata assegnata dalla corte. Ho cibo e vestiti e qualche moneta di mancia ogni tanto».
Il re chiamò il più saggio dei suoi consiglieri: «Voglio il segreto della felicità del paggio!».
«Non puoi capire il segreto della sua felicità. Ma se vuoi, puoi sottrargliela».
«Come?».
«Facendo entrare il tuo paggio nel giro del novantanove».
«Che cosa significa?».
«Fa’ quello che ti dico…».
Seguendo le indicazioni del consigliere, il re preparò una borsa che conteneva novantanove monete d’oro e la fece dare al paggio con un messaggio che diceva: «Questo tesoro è tuo. Goditelo e non dire a nessuno come lo hai trovato».
Il paggio non aveva mai visto tanto denaro e pieno di eccitazione cominciò a contarle: dieci, venti, trenta, quaranta, cinquanta, sessanta…
novantanove!
Deluso, indugiò con lo sguardo sopra il tavolo, alla ricerca della moneta mancante. «Sono stato derubato!» gridò. «Sono stato derubato! Maledetti!».
Cercò di nuovo sopra il tavolo, per terra, nella borsa, tra i vestiti, nelle tasche, sotto i mobili… Ma non trovò quello che cercava.
Sopra il tavolo, quasi a prendersi gioco di lui, un mucchietto di monete splendenti gli ricordava che aveva novantanove monete d’oro. Soltanto novantanove. «Novantanove monete. Sono tanti soldi», pensò. «Ma mi manca una moneta. Novantanove non è un numero completo» pensava. «Cento è un numero completo, novantanove no».
La faccia del paggio non era più la stessa. Aveva la fonte corrugata e i lineamenti irrigiditi. Stringeva gli occhi e la bocca gli si contraeva in una orribile smorfia, mostrando i denti.
Calcolò quanto tempo avrebbe dovuto lavorare per guadagnare la centesima moneta, avrebbe fatto lavorare sua moglie e i suoi figli. Dieci dodici anni, ma ce l’avrebbe fatta!
Il paggio era entrato nel giro del novantanove…
Non passò molto tempo che il re lo licenziò. Non era piacevole avere un paggio sempre di cattivo umore.

E se ci rendessimo conto, così di colpo, che le nostre novantanove monete sono il cento per cento del tesoro. E che non ci manca nulla, nessuno ci ha portato via nulla, il numero cento non è più rotondo del novantanove. È soltanto un tranello, una carota che ci hanno messo davanti al naso per renderci stupidi, per farci tirare il carretto, stanchi, di malumore, infelici e rassegnati. Un tranello per non farci mai smettere di spingere.
Quante cose cambierebbero se potessimo goderci i nostri tesori così come sono.                         ( Bruno Ferrero)

Tre cose


Coltiva tre cose: la bontà, la saggezza e l’amicizia.

Cerca tre cose: la verità, la filosofia e la comprensione.

Ama tre cose: le buone maniere, il valore ed il servizio.

Governa tre cose: il carattere, la lingua e la condotta.

Apprezza tre cose: la cordialità, l’allegria e la decenza.

Difendi tre cose: l’onore, gli amici e i deboli.

Ammira tre cose: il talento, la dignità e la grazia.

Escludi tre cose: l’ignoranza, l’offesa e l’invidia.

Combatti tre cose: la bugia, l’odio e la calunnia.

Conserva tre cose: la salute, il prestigio e il buon umore.

dal web…
da parte mia buon tutto peace and love

1511

17 novembre


Dopo dieci anni di lavori,  il 17 novembre 1869 s’inaugura il canale di Suez, realizzato dal francese Ferdinand Marie De Lesseps, su progetto dell’ingegnere italiano Luigi Negrelli. Per tre giorni di seguito viene festeggiata la via d’acqua di 160 chilometri, scavata nel deserto tra il Mar Mediterraneo e il Mar Rosso, cancellando in un sol colpo ben 10 mila chilometri, quanti ne occorrevano per raggiungere via mare lo stesso tratto di territorio circumnavigando l’Africa. 

 dal web

tutti pensano a qualcosa


..Pensa Positivo!…E se proprio nn ci riesci ….allora nn pensare affatto mi ripeto spesso… ma non ho ancora capito come si fa a non pensare a niente… i pensieri salgono, i ricordi salgono su x lo stomaco, x la testa….senza poterli controllare… Eppure credo che gli uomini ci riescano e noi donne no…. ci sarà forse una componente biologica???

San Martino 11 nov


San Martino aveva appena dodici anni quando, contro la volontà dei suoi genitori, che credevano negli dei di Roma, si fece battezzare e divenne cristiano. La legge romana lo obbligava a entrare nell esercito come suo padre, così, malgrado fosse un tipo molto pacifico, dovette diventare soldato. Su di lui si raccontano molte leggende. La più famosa è questa. Un giorno dautunno, mentre usciva da una delle porte della città francese di Amiens, dove viveva, vide un povero vecchio, mezzo nudo e tremante per il freddo. Martino si impietosì e sguainò la spada, tagliò il suo bel mantello di lana e ne diede la metà al povero. Immediatamente il sole si mise a scaldare come in estate. Per questo, si chiama lestate di San Martino quel periodo agli inizi di novembre in cui spesso accade che la temperatura si faccia più mite. Si dice che Martino parlasse con gli animali. Anche gli alberi gli volevano bene. Una volta, volle che fosse abbattuto un albero che i pagani avevano trasformato in un idolo. Mettiti sotto lalbero mentre cade, lo sfidò uno di coloro che non volevano che fosse abbattuto, e vedremo se il tuo Dio ti salverà. Martino rimase in piedi sotto lalbero mentre le scuri dei boscaioli incidevano il tronco, proprio nella direzione in cui sarebbe dovuto cadere; al momento dello schianto, lalbero si drizzò su se stesso e cadde dalla parte opposta...

                                                                                                 °°°°°°°°°°°°

sito

Felice anniversario con WordPress.com!


Obiettivo anniversario anno 7

Felice anniversario con WordPress.com!
Ti sei registrato su WordPress.com 7 anni fa.
Grazie per averci scelto. Continua così.
piu’ tre anni di wls…… è un’esperienza bellissima potermi confrontare con tutti voi♥ grazie amici e amiche che con pazienza e bontà mi seguite ♥♥♥

La Liguria incontra Assisi


Prendono il via questo pomeriggio le celebrazioni per la Festa di San Francesco, patrono d’Italia, ad Assisi, alla presenza del Presidente di Regione Liguria, Giovanni Toti e degli assessori regionali Sonia Viale, Marco Scajola, Ilaria Cavo, Giacomo Giampedrone, Stefano Mai e dei Comuni liguri. Una cerimonia molto sentita che riveste un particolare significato in quanto…

via San Francesco, cerimonia ad Assisi con Toti e Bucci. Dalla Liguria olio e restauri — GenovaQuotidiana

°*”˜˜”*°•✫🍃🌺🍃Nozze d’argento🍃🌺🍃 •°*”˜˜”*°•✫


https://www.facebook.com/media/set/?set=a.10212509780453164.1073741941.1642355082&type=1&l=ec4376fd4b

https://www.facebook.com/media/set/?set=a.10212509834094505.1073741942.1642355082&type=1&l=673c20bcea

https://www.facebook.com/media/set/?set=a.10212523551677436.1073741943.1642355082&type=1&l=b671347654

L’amore è paziente,
è benigno l’amore;
non è invidioso l’amore,
non si vanta,
non si gonfia,
non manca di rispetto,
non cerca il suo interesse,
non si adira,
non tiene conto del male ricevuto,
non gode dell’ingiustizia,
ma si compiace della verità.
Tutto copre,
tutto crede,
tutto spera,
tutto sopporta.
L’amore non avrà mai fine”.Risultati immagini per nozze argento gif

 
Inno all’amore (San Paolo)

 

   

 

25argentog

L’ultimo posto


L’inferno era al completo ormai, e fuori della porta una lunga fila di persone attendeva ancora di entrare. Il diavolo fu costretto a bloccare all’ingresso tutti i nuovi aspiranti.
“E’ rimasto un solo posto libero, e logicamente deve toccare al più grosso dei peccatori”, proclamò. “C’è almeno qualche pluriomicida tra voi?”.
Per trovare il peggiore di tutti, il diavolo cominciò ad esaminare i peccatori in coda. Dopo un po’ ne vide uno di cui non si era accorto prima.
“Che cosa hai fatto tu?”, gli chiese.
“Niente. Io sono un uomo buono e sono qui solo per un equivoco”.
“Hai fatto certamente qualcosa”, ghignò il diavolo, “tutti fanno qualcosa”.
“Ah, lo so bene”, disse l’uomo convinto, “ma io mi sono sempre tenuto alla larga. Ho visto come gli uomini perseguitavano altri uomini, ma non ho partecipato a quella folle caccia. Lasciano morire di fame i bambini e li vendono come schiavi; hanno emarginato i deboli come spazzatura. Non fanno che escogitare perfidie e imbrogli per ingannarsi a vicenda. Io solo ho resistito alla tentazione e non ho fatto niente. Mai”.
“Assolutamente niente?”, chiese il diavolo incredulo. “Sei sicuro di aver visto tutto?”.
“Con i miei occhi!”.
“E non hai fatto niente?” ripeté il diavolo.
“No!”
Il diavolo ridacchiò: “Entra, amico mio. Il posto è tuo!”.

 

(Tratto da “Solo il vento lo sa” di Bruno Ferreo Editrice Elle Di Ci)

Uss Indianapolis


E’ un film che racconta i fatti realmente accaduti durante la seconda mondiale.

l’incrociatore pesante USS Indianapolis, comandato dal capitano Charles McVay, sta trasportando all’isola di Tinian parti di uranio della prima bomba atomica Little Boy, che in seguito sarebbe stata utilizzata per bombardare Hiroshima .

Poichè lo spazio aereo era off limits per poter fare questa missione, la nave fu scelta per la sua elevata velocità di crociera, viaggiava senza scorta,  nonostante la ripetuta richiesta da parte del comandante alle forze militari statunitense che la negarono a causa dell’altissima segretezza della missione.

Durante il viaggio di ritorno nel Mar delle Filippine dopo aver sbarcato il proprio carico, il 30 luglio 1945, la nave è silurata e affondata da un sottomarino giapponese. 300 membri dell’equipaggio finiscono in fondo al mare, mentre più di ottocento uomini restano bloccati in mare per cinque giorni senza cibo e senza acqua, nelle acque più infestate da squali del mondo. I segnali di SOS da parte dell’equipaggio sono stati ignorati dalle stazioni radio americane,  dato che la missione era top secret —venne ignorato anche il messaggio dello stesso comandante giapponese, che comunicava l’affondamento e inoltrava richiesta di soccorso per i naufraghi. Inoltre, il comandante giapponese  non era però entusiasta dell’uso dei Kaiten ( siluri kamikaze) e optò per l’attacco convenzionale, lanciando una raffica di siluri. Due di questi siluri centrarono la fiancata dell’Indianapolis causando l’interruzione dell’energia elettrica e l’affondamento della stessa.

La maggior parte dei sopravvissuti morì divorata dagli squali o impazzì per la disidratazione, il sole e per aver bevuto acqua salata di mare. Al quinto giorno, un pilota d’aereo li scorge per caso e organizza il salvataggio nonostante gli ordini contrari della stessa stazione radio che aveva ignorato la richiesta di soccorso. Solo 317 uomini dei 1197 membri dell’equipaggio sopravvivono al disastro.

Alla ricerca di un capro espiatorio per la propria negligenza, la Marina condanna il capitano McVay, in corte marziale  di aver “messo a rischio la nave rinunciando a zigzagare”, nonostante le prove schiaccianti a suo sostegno e la testimonianza dello stesso comandante giapponese che questa manovra sarebbe comunque stata inutile data l’estrema vicinanza delle due.

Il capitano Charles McVay, fu vittima di un linciaggio morale da parte dei famigliari delle vittime e dei superstiti pur se loro stessi in realtà non  gli attribuissero alcuna responsabilità  e morì suicida con il suo revolver  di ordinanza.

 Nell’ottobre 2000 il Congresso degli Stati Uniti con il presidente Bill Clinton si firmò  una  risoluzione secondo la quale sullo stato di servizio del capitano McVay dovesse essere riportato che “egli era prosciolto dalle accuse per la perdita dell’Indianapolis”. 

Arriva il braccialetto anti-autovelox


Il bracciale Made in Italy “anti autovelox” è realtà

basta multe per eccesso di velocità con, sospensione della patente e severe sanzioni, il bracciale che è stato messo a punto è realizzato in pelle, è resistente all’acqua, comodo, ed è adatto anche per essere indossato sotto i guanti utile comodità per i motociclisti.

 

http://www.adnkronos.com/magazine/cybernews/2017/05/06/arriva-braccialetto-anti-autovelox_qGhP9TqMuhV8fnAp2g1b1J.html

Il Giorno della Russia


Crollato il Muro di Berlino, nel 1990 l’onda riformatrice penetrò nel cuore dell’Unione Sovietica, portando una rivoluzione politica nella madre Russia. Qui il 12 giugno, il parlamento approvò la “Dichiarazione di sovranità dello Stato della Repubblica Socialista Federativa Sovietica di Russia”, inaugurando la storia democratica del paese, imperniata sul principio della separazione dei poteri. Due anni dopo, sotto la presidenza di Boris Eltsin, in quella stessa data venne istituito il Russia Day come principale festa nazionale, celebrata attraverso una grande sfilata sulla Piazza Rossa, un concerto e una rassegna di premi consegnati ai cittadini meritevoli. La manifestazione ha spesso trovato spazio nell’home page di Google, come nel 2011 e nel 2012, con due doodle locali (visibili in Russia) che richiamano rispettivamente i colori della bandiera nazionale e un tipico paesaggio rurale russo.