street artist


👆🏼

Patrick Commecy, street artist francese, ha trasformato le facciate vuote di alcuni palazzi in scene piene di vita e super colorate in opposizione al grigio della città. Vegetazione, laghi, mongolfiere, bambini che giocano, persone che parlano, innamorati che si baciano. Sono scene talmente curate nei minimi dettagli, da sembrare reali.

SunshinesChannel
#Art #Curiosity

Annunci

28 luglio 1901- 31 dicembre 1923


Curiosità, anche in Italia si viaggiava a sinistra. Nell’Italia unita, si teneva a volte la sinistra e a volte la destra.
Il Regio decreto n. 416 del 28 luglio 1901 confermò il diritto di ogni provincia di scegliere
la direzione di marcia dei veicoli (ad esempio mentre a Brescia e alla periferia di Milano si
teneva la destra a Roma e nel centro di Milano,Genova,Torino, si teneva la sinistra).
A seguito dei disastrosi
ingorghi che vi furono durante la Prima guerra mondiale e degli incidenti causati dall’aumentato
traffico automobilistico nella confusione delle regole, fu emanato da Mussolini il regio
decreto del 31 dicembre del 1923 che impose al Paese la «mano destra unica» e accordò una
proroga di due anni per approntare la nuova segnaletica e riadattare le tramvie.
A Roma il cambio di senso di marcia avvenne il 20
ottobre 1924. A Milano, ultima città in Italia, il cambio avvenne il 3 agosto 1926.

#AccaddeoggiPlus ⏳


🔎 27 luglio 1993 🔍

L’Italia viene scossa, quasi in contemporanea, da tre attentati terroristici di Cosa Nostra, compiuti mediante altrettante autobombe.
A Roma, dove avvengono i primi due, sono colpite altrettante chiese, e sono oltre venti i feriti. San Giorgio in Velabro viene squarciata dall’esplosione mentree l’arcibasilica di San Giovanni in Laterano subisce gravi danni alla facciata.
Ma è a Milano, in via Palestro, che si compie la strage. La bomba, che colpisce la Galleria d’arte contemporaena ed il Padiglione di arte contemporanea, costa la vita a ben cinque persone.
I tre attentati si collocano nel più ampio fenomeno degli attentati di Cosa Nostra compiuti fra il 1992 ed il 1993. Fra questi si ricordano la strage di via dei Georgofili alla Galleria degli Uffizi, la strage di Capaci che costò la vita a Giovanni Falcone e la strage di via D’Amelio che costò la vita a Paolo Borsellino.
Questi tre sarebbero stati però, anche grazie al fallimento dell’attentato allo stadio Olimpico, gli ultimi tre attentati della stagione stragista.
La ragione principale per la fine degli attentati è oggi identificata nella trattativa stato-mafia, un accordo fra importanti funzionari dello Stato Italiano e vertici di Cosa Nostra, momento in cui lo stato venne difatti a patti con la mafia.

5G


#SapeviChe
Il 16 Marzo 2019 è stato eseguito in Cina un delicatissimo intervento chirurgico a distanza di 3000KM utilizzando la rete 5G come metodo di trasmissione dei dati.
L’intervento è stato eseguito dal dottor Ling Zhipei, primario sia dell’ospedale PLAGH di Pechino che del Dipartimento di Neurochirurgia dell’ospedale PLAGH nella provincia di Hainan.
L’intervento si è completato con precisione micrometrica installando un neurostimolatore nel cervello del paziente che si trovava al PLA General Hospital di Pechino, a 3000 km di distanza. Il tutto è stato possibile grazie alla connessione 5G fornita da Huawei.

In realtà, quello di sabato non è il primo intervento chirurgico a distanza portato a termine con successo grazie al supporto della tecnologia 5G: la prima operazione in assoluto si è tenuta nel mese di gennaio, quando un medico cinese ha effettuato con successo un intervento sul fegato di un animale a 50 km di distanza.

📚Fonte

🧠Sapiens³

I Clisteri di fumo di tabacco 🍃


Nel Settecento si credeva che l’intestino fosse l’ultimo organo del corpo umano a rimanere in vita, e che un clistere a base di fumo (con quello che veniva chiamato “soffietto rettale”) potesse servire da misura salvavita per chi lottava tra la vita e la morte.

Dal 1740 in poi, le insuflazioni rettali a base di fumo furono impiegate al posto della respirazione bocca a bocca per rianimare gli annegati in fiumi e canali, ma anche per curare altri malanni, come mal di testa, ernie, crampi addominali, persino il colera. Si credeva che attraverso i muscoli intestinali, il fumo potesse essere pompato fino ai polmoni, per rimetterli in uso.

Finché nel 1811, si scoprirono gli effetti nefasti della nicotina sul cuore, e gli insoliti kit di salvataggio vennero fortunatamente abbandonati.

ꉓꀎꋪꀤꂦꌗꀤ꓄ꌩ ☜ ☞ fonte

#scienza #medicina #storia 💙

La lista della spesa di Michelangelo


La lista della spesa di Michelangelo è un manoscritto redatto da Michelangelo Buonarroti conservato nel Museo Casa Buonarroti di Firenze.
Il documento è datato 1518 ed è stato redatto sul retro di una lettera, in cui Michelangelo elenca tutti i prodotti di sua necessità per il suo servitore, realizzando a fianco del nome un piccolo schizzo del prodotto, presumendo che il suo servo fosse analfabeta.

#Curiosity

Non è solo un modo di dire


🐕 Vivono sulle coste selvagge dell’Oceano Pacifico della Colombia Britannica. Sono i lupi di mare (Canis lupus columbianus), geneticamente distinti dalla specie continentale (come hanno provato diversi studi del DNA). Anche il loro comportamento è differente: i lupi di mare nuotano da isola a isola e cacciano diversi animali marini.

Sono più piccoli dei loro parenti lupi grigi.

I lupi di mare sono eccellenti nuotatori: uno di loro è stato osservato nuotare per 12 km.

#curiosità
@FillYourMind
by @sclerogang

📋 Il decalogo per vivere bene


📋 Il decalogo per vivere bene

🔹 Non sentirti assolutamente certo di nulla.
🔹 Non pensare che valga la pena procedere nascondendo la realtà dei fatti, perché è sicuro che essa verrà alla luce.
🔹 Non cercare di scoraggiare la riflessione perché è sicuro che ci riuscirai.
🔹Quando sei confrontato da una opposizione, anche se dovesse trattarsi di tuo marito o dei tuoi figli, cerca di superarla con la discussione e non con l’imposizione, perché una vittoria ottenuta con la forza è fittizia e illusoria.
🔹 Non avere alcuna venerazione per l’altrui autorità, in quanto si possono sempre trovare altre autorità ad essa contrarie.
🔹 Non utilizzare il potere per sopprimere opinioni che ritieni dannose, perché così facendo saranno le opinioni a sopprimere te.
🔹Non aver paura di essere eccentrico nelle tue idee perché ogni idea ora accettata è stata una volta considerata eccentrica.
🔹Trova più gusto in un dissenso intelligente che in un consenso passivo, perché, se apprezzi l’intelligenza come dovresti, nel primo caso vi è una più profonda consonanza con le tue posizioni che non nel secondo.
🔹 Sii scrupolosamente sincero, anche se la verità è scomoda, perché è ancora più scomodo il tentare di nasconderla.
🔹 Non provare invidia per la felicità di coloro che vivono di illusioni, perché solo uno sciocco può pensare che in ciò consista la felicità.

  • BERTRAND RUSSELL, Un decalogo liberale –

#riflessione #bertrandrussell #felicità

CHI HA I CAPELLI ROSSI SOFFRE DI PIÙ?


SI….A provarlo è un singolare test condotto dall’anestesiologo Edwin B. Liem (Università di Louisville) su un gruppo di 60 donne, 30 delle quali dotate di capelli rossi. Coloro che presentavano rutilismo, cioè avevano peli e capelli ramati, si sono rivelate particolarmente sensibili al “dolore termico”: le rosse iniziano infatti a percepire dolore già intorno ai 6 °C, un valore piuttosto alto se confrontato con le temperature più basse (0 °C ) che le more sono in grado di sopportare.
ANESTESIA POCO EFFICACE. Da tempo in ambiente chirurgico gira voce che i pazienti con capelli rossi, specie se donne, siano meno reattivi ai farmaci anestetici. Un altro studio di Liem ha dimostrato che le rosse sono in effetti più resistenti agli effetti analgesici della lidocaina sottocutanea, un comune anestetico locale, di cui sarebbe pertanto necessario un dosaggio superiore del 20%. Adesso i ricercatori stanno indagando in che modo la modulazione del dolore sia correlata con una mutazione del gene recettore della melanocortina 1 (MC1R), responsabile appunto del rutilismo.

Fonte Rivista FocusD&R

Hugo Boss ed Hitler


📊

Fondata nel 1923 a Metzingen, Hugo Boss è stato nel 1933, dopo aver aderito alla campagna del partito nazional socialista Tedesco, fornitore ufficiale dei gruppi SS tedeschi nel reparto abbigliamento.

L’azienda si arricchì e crebbe cominciando ben presto a fornire uniformi ai nazisti. Cominciò con le camicie brune, simbolo del partito e delle SA, la sua milizia. Poi, dopo la presa del potere da parte della Nsdap a seguito della vittoria elettorale di Hitler nel 1933, la ditta di Hugo Boss divenne una delle principali produttrici di uniformi per la Wehrmacht, per le SS, e per la Hitlerjugend, la gioventù nazista.

Nel 1945, con la sconfitta della Germania nella seconda guerra mondiale, Hugo Boss, accusato di aver sostenuto la causa nazista, fu condannato a pagare una multa e privato del diritto al voto.

Tacchino


🦃 In inglese, tacchino (turkey) ha lo stesso nome della Turchia. In turco si chiama “hindi”, ovvero “indiano”. In Portogallo, è conosciuto come “peru”. In arabo, l’uccello è chiamato “uccello greco”. In Grecia si chiama “pollo francese” e in Francia l’etimologia del nome è “pollo indiano”. Il tacchino non è indigeno di nessuno di questi paesi

Leone


Il leone è un tipo davvero focoso. Pensate che durante la stagione degli amori il leone si accoppia con una femmina ogni quindici minuti per una settimana di fila, ciò significa che arriva ad avere circa 672 accoppiamenti, ricordiamo però che la stagione dell’amore non c’è tutti gli anni quindi il leone, nonostante la sua grande capacità e resistenza, si prende poi una pausa di due anni tra una stagione e l’altra!

#Curiosità

Oggi ho scoperto che:


💁🏻‍♀ I cavalli non possono vomitare. 🐴

Sembrerà strano, ma i cavalli non vomitano. Si differenziano dagli altri erbivori per il fatto di avere uno stomaco monogastrico (stomaco formato da una sola sacca). Ma il motivo per cui il cibo non può essere rigurgitato è dovuto al cardias, una valvola muscolare tra esofago e stomaco che si apre solo in una direzione, verso l’interno, la quale non permette al cibo di risalire.

Kangaroo word


Le parole canguro (o parole sgonfiabili), che contengono al loro interno un proprio sinonimo.

Gli inglesi le chiamano Kangaroo word, mentre in italiano vengono indicate con il nome “parole canguro” o “parole sgonfiabili”.

Si tratta di parole che hanno la proprietà di contenere un’altra parola, dal senso strettamente correlato (se non un vero e proprio sinonimo).
Quindi, anche tagliando via qualche lettera, il senso delle parole canguro non cambia.

Alcuni esempi:
“singolo” o “isolato” contengono la parola “solo”
“onorabile” contiene la parola “nobile”
“incontrovertibili” ha dentro “certi”
“accondiscendere” contiene “cedere”
“rincretinito” contiene la parola “inetto”
“equilibrato” può lasciar giù un po’ di lettere e rimanere “equo”
“passeggiata” contiene “gita”.

🐾

SARÀ IL NOSTRO SEGRETO


Un giorno, nel giardino dell’Eden, Eva disse a Dio…

“Signore, ho un problema”.

“Che problema, Eva?”

“Signore, so che mi hai creata e che hai provveduto per questo giardino bellissimo, e per tutti questi meravigliosi animali, e quell’allegro e buffo serpente… ma io non mi sento davvero felice”.

“Come mai, Eva?” fu l’immediata replica dall’alto.

“Signore, mi sento sola. E sono proprio stufa delle mele…”.

“Bene Eva, in questo caso ho una soluzione. Creerò un uomo per te”.

“Che cos’è un ‘uomo’, Signore?”

“Questo ‘uomo’ sarà una creatura difettosa, con molti aspetti negativi. Mentirà, ti prenderà in giro e sarà vanaglorioso, in pratica ti darà un sacco di problemi.
Sarà più grande di te e più veloce, e amerà cacciare e uccidere.
Avrà uno sguardo scioccamente curioso, ma visto che ti stai lamentando, lo creerò in modo che possa soddisfare le tue necessità.
Sarà scarso di intelletto e si impegnerà in occupazioni infantili come la lotta o prendere a calci una palla.
Non sarà molto sveglio ed avrà spesso bisogno dei tuoi consigli per pensare correttamente” .

“Sembra una cosa divertente!” commentò Eva ammiccando ironicamente. “Dove sta la fregatura?”

“Beh… lo puoi avere ad una condizione…”

“Quale?”

“Come ti ho detto, sarà orgoglioso, arrogante e autocompiacente…, perciò dovrai fargli credere che e’ stato creato lui per primo…, però ricorda…. è il nostro segreto…

Dante Alighieri: quali sono le sue espressioni usate oggi?🌿


Dante ci ha lasciato un patrimonio linguistico prezioso. Numerose sono le espressioni coniate dal poeta usate ancora oggi (magari senza saperlo!), espressioni utilizzate nella Divina Commedia.
Vediamo insieme quali sono tali espressioni

Galeotto fu … il libro e chi lo scrisse.
Espressione ripresa dal V canto dell’Inferno, nel cerchio dei Lussuriosi, dove Dante incontra Paolo e Francesca, i due “innamorati impossibili”.
Oggi l’espressione è usata per attribuire a una persona o cosa la causa di un altro avvenimento.
Stai fresco: espressione citata nel 117° verso del XXXIII canto dell’Inferno, dove i “peccatori stanno freschi”. Il suo significato è del tipo “aspetta e spera”;
Non mi tange: citazione usata da Dante nel II canto dell’Inferno. Si usa per dire “non mi interessa”;
Belpaese: parola coniata da Dante per definire la penisola italiana. L’espressione la troviamo nell’80° verso del XXXIII canto dell’Inferno.
Senza infamia e senza lode sta a indicare oggi qualcosa di mediocre. Come dire “nulla di che”, “senza nessuna particolare abilità“. Troviamo la frase nel III canto dell’Inferno. Essa è riferita agli ignavi, persone che durante la loro vita non avevano mai agito né nel bene né nel male;
Il Gran rifiuto: espressione presente nel 60° verso del III canto dell’Inferno, riferita all’abdicazione di Papa Celestino V. Oggi l’uso di questa è versatile e adattabile a diversi contesti;
Cosa fatta capo ha: citazione del 107° verso del XXVIII canto dell’Inferno, sta a significare che quando si inizia un’azione ha sempre una fine.

E ancora “Fatti non foste a viver come bruti…”; “Lasciate ogne speranza voi ch’intrate” e “Il fiero pasto”.

Tempi che vanno… parole che restano!

✍ Anche voi avete usato o utilizzate queste espressioni?

La schiena


La schiena di una donna è roba per intenditori.
Ad amarne la bocca , gli occhi , i fianchi sodi… si fa presto.
È un fatto da poco.

La schiena no, la schiena
è un ’altra cosa.
È un privilegio di fiducia.
È la sensualità che dà le spalle al mondo e guarda avanti.

La schiena è femmina, e quando si volta…
lo fa perché non teme inganni.
È spavalda, audace , baldanzosa.
Ha un binario unico che le corre al centro.
Un solco lungo il quale colano, dall ’alto verso il basso , le pugnalate che non ha saputo evitare , le carezze liquide di certe mani belle.

La schiena non trattiene, la forza di gravità glielo impedisce.

La schiena sa come lasciar andare.
È un battitore libero, il punto
più selvaggio di una donna.
Risalirla con la bocca , tenerla ferma con le mani… accerchiarla in un abbraccio,
è un colpo di fortuna.
Ma certa gente non lo sa , e per questo la trascura.

La schiena di una donna è la sua forza , il suo più antico cedimento.
Si inarca quando ama , sta dritta quando deve…lì i baci sono più belli , i graffi fanno più male.

Per capire una donna … basta leggerne la schiena.
Curva o tesa , morbida o nervosa.
Se si lascia prendere , vuol dire che si fida.
Se si gira di scatto … è perché non torna indietro…

Antonia Storace
scrittrice per amore e vocazione, autrice del libro “Donne al quadrato“, il cui testo è stato diffuso in rete con l’attribuzione errata ad Alda Merini.

Dolore e sofferenza


di Anthony de Mello
(gesuita, psicoterapeuta indiano)

Il dolore e’ reale, ma la sofferenza emerge solo quando ti opponi al dolore ed e’ il risultato della tua opposizione al dolore, alla realta’ che ostacola i tuoi desideri.
Se accetti il dolore, la sofferenza non esiste.
Il dolore, per l’essere reale, non e’ intollerabile, perche’ ha un senso comprensibile che lo placa.
Cio’ che risulta insopportabile e’ avere il corpo qui e la mente nel passato o nel futuro, e’ il desiderio di distorcere la realta’ che e’ inamovibile.
Questo si’ che e’ intollerabile, perche’ e’ una lotta inutile, come e’ inutile il suo risultato: la sofferenza.
Non e’ possibile lottare per cio’ che non esiste, non si deve cercare la felicita’ dove non c’e’, ne’ prendere per vita cio’ che vita non e’.
Bisogna svegliarsi!
Non appena ci svegliamo…..paf! finisce la sofferenza.

(da: “Ti voglio libero come il vento”)