L’amore di una madre 🧜‍♀❣


C’era una volta un ragazzo sempre in cerca di avventure galanti. Si chiamava Zanut e viveva con la madre vedova in una bella casetta sulle colline. Un giorno andando a caccia vide una dama bellissima che si pettinava i capelli con un pettine d’oro, in riva ad un torrente. Bagnava il pettine nell’acqua e si lisciava i capelli che le arrivavano fino ai piedi. Cantava una canzone misteriosa:

«Godi l’amore, giovane, canta e balla in allegria; dopo l’avemaria, balleremo e canteremo noi».

Zanut rimase affascinato. Non fece caso ai conigli selvatici che ballavano silenziosi in cerchio incontro alla “salvana”. Perché quello era un segno che la dama era un essere magico, una fata, una “salvana” delle acque.

«Vieni», disse la dama al ragazzo con voce melodiosa, «vieni.»

Zanut seguì la fata in un palazzo che sembrava d’aria, pieno di bestie strane, liocorni e lupi bianchi, cani neri e volpi argentate. Zanut si innamorò della dama perdutamente. Ma quando andava al torrente per gli appuntamenti, la dama chiedeva sempre regali, oppure diceva: «Portami il piccolo angelo di pietra che sta sull’acquasantiera della chiesetta sul monte».

Zanut obbediva. La madre era molto preoccupata perché vedeva il figlio magro, agitato, stanco. Una volta zitta zitta lo seguì. E vidi la fata sul torrente, i conigli selvatici che danzavano, il pettine d’oro e capì che suo figlio era stregato, in balia delle forze del male. Ma che poteva fare? Piangendo tornò a casa.

Zanut disse alla dama: «Signora, ti voglio sposare».

«Va bene», disse lei, «ma devi portarmi il cuore di tua madre per i miei animali. Loro mangiano solo pietanze delicate».

Zanut rabbrividì e pianse. Non volle andare più al torrente. Ma dopo tre giorni la notte sentì la canzone della dama che lo chiamava. «Godi l’amore, giovane, canta e balla in allegria; dopo l’avemaria, balleremo e canteremo noi». 

Il ragazzo non seppe resistere. Prese un coltello, andò dalla madre addormentata e le prese il cuore. Uscì di corsa nella notte verso il torrente. Correva, correva sui sassi e cadde per terra.

Il cuore della madre sobbalzò e disse: «Figlio mio, ti sei fatto male?».

Zanut capì quale era il vero bene e pianse.  

Annunci

Amore


“L’amore non è quello che quei poeti del cazzo vogliono farvi credere. L’amore ha i denti, i denti mordono, i morsi non guariscono mai.”

Se solo sapessi


ANGES67KSe tu sapessi con quanto amore seguo i tuoi passi

Se tu sapessi con quanto amore
asciugo le tue lacrime
Se tu sapessi con quanto amore
ti prendo per mano affinché tu non cada
Se tu sapessi con quanto amore ti guardo
mentre annaspi nel caos della vita
E ogni istante, minuto, ora
della giornata ti sono accanto.

In ogni tuo respiro prende vita il mio battito d’ali

In ogni tuo sguardo prende vita il mio sorriso
Vorrei volare assieme a te,
e forse un giorno lo faremo
quando sarai consapevole della tua divinità
aprirai le ali e volerai felice
capirai cosa sono, e quanto ti amo.

Ora non volo ma cammino assieme a te
a fianco a te. Io sono il tuo angelo
quello della tua anima, del tuo cuore
quell’angelo che ogni mattina ti sveglia con un bacio

e ogni notte, apre le sue ali per riscaldarti il cuore.

Io sono il tuo angelo,
quello che mai ti abbandonerà
quell’angelo che aspetta solo un tuo …si….
per rivelarsi al tuo cuore.
Se tu sapessi con quanto amore guardo il tuo sguardo
che a volte è così triste e non ce la fa a vedere la luce.
Se tu sapessi con quanto amore stringo al tua mano
quando scrivi parole che non riesci a condividere
se tu sapessi con quanta gioia
mi stringo al tuo cuore quando regali un sorriso.
Se tu sapessi.. che ti sono accanto sempre
in ogni stante e maggiormente nei momenti difficili.
Raccolgo i ricordi più belli che a volte tendi a dimenticare
raccolgo l’amore seppellito nel tuo cuore
e te lo ripropongo attraverso gli incontri casuali958540m3goq4jdwx
attraverso il tuo stesso sguardo riflesso su di uno specchio.

Se solo sapessi quanto soffro insieme a te dell’amaro della vita
Vorrei accarezzarti con mani di carne..
ma lo sussurro a chi ti sta accanto..
vorrei dirti le parole più vere dell’amore,
ma lo suggerisco a chi ti regala una parola.
Vorrei vederti raccogliere tutto l’amore che semini
per sentirti soddisfatto della tua vita
ma come ogni cosa.. il tempo lascerà crescere il frutto che tu stesso hai fatto nascere.

Gioisci perché attraverso le tue mani
io regalo l’amore a chi ha la fortuna di incontrarti.
Tu non lo sai forse ma io sono il tuo angelo..
quello che mai ti abbandonerà e che è qui solo per te
e grazie a te può amare il mondo.

1kithbluangel

classifiche

★´´¯`•.¸¸. ★• Amore


In tutti gli amori si sbaglia-
Non esiste amor perfetto ed immune al dolore-
Si, lo so vorresti non aver fatto mai del male alla persona che ami.
Ma in fondo, è vero  -tutti gli innamorati si fanno del male, –
anche se sono parte entrambi di un’anima sola, è inevitabile.
Ma tu, non avresti mai voluto dire “mi dispiace”- 
non avresti mai voluto sentire la sua assenza anche quando la stai abbracciando.
Non avresti mai pensato di non far parte più dei suoi sogni,
ora:  puoi solo fare in modo che  che tu non esca definitamente dal suo cuore.

Ricorda: non puoi farle del male senza ferirti.

CHI HA NEL CUORE IDEALI DI AMORE


Un topo, guardando da un buco che c’era nella parete, vide un contadino e sua moglie che stavano aprendo un pacchetto. Pensò a cosa potesse contenere e restò terrorizzato quando vide che dentro il pacchetto c’era una trappola per topi.  Corse subito nel cortile della fattoria per avvisare tutti: “C’è una trappola per topi in casa, c’è una trappola per topi in casa!”

 

La gallina che stava raspando in cerca di cibo, alzò la testa e disse: “Scusi, signor topo, io capisco che è un grande problema per voi topi, ma a me che sono una gallina non dovrebbe succedere niente, quindi, le chiedo di non importunarmi.”

     Il topo, tutto preoccupato, andò dalla pecora e le disse: “C’è una trappola per topi in casa, una trappola!!!” – “Scusi, signor topo, non c’è niente che io possa fare, mi resta solamente da pregare per lei. Stia tranquillo,  la ricorderò nelle mie preghiere.”

     Il topo, allora, andò dalla mucca, e questa gli disse: “Per caso, sono in pericolo…? Penso proprio di no!”

     Allora il topo, preoccupato ed abbattuto, ritornò in casa pensando al modo di difendersi da quella trappola. Quella notte si sentì un grande fracasso, come quello di una trappola che scatta e afferra la sua vittima.  La moglie del contadino corse per vedere cosa fosse successo , e, nell’oscurità vide che la trappola aveva afferrato per la coda un grosso serpente. Il serpente velenoso, molto velocemente, morse la donna.

     Subito, il contadino, la trasportò all’ospedale per le prime cure: Siccome la donna aveva la febbre molto alta le consigliarono una buona zuppa di brodo. Il marito allora afferrò un coltello e andò a prendere l’ingrediente principale:  la gallina.   Ma la malattia durò parecchi giorni e molti parenti andavano a far visita alla donna. Il contadino, per dar loro da mangiare, fu costretto ad uccidere la pecora.

     La donna non migliorò e rimase in ospedale parecchio tempo più del previsto costringendo il marito a vendere la mucca al macellaio per poter far fronte a tutte le spese della malattia della moglie.

Quando senti che qualcuno ha un problema  e credi che non possa essere anche tuo o in qualche modo possa colpire anche te ….  pensaci molto bene… PENSACI DUE VOLTE !!!!

Il mondo non va male per la cattiveria dei cattivi ma per l’indifferenza dei buoni.

serena notte amici preziosi!

La logica d’amore


 
 
Buongiorno signora,come posso aiutarla?
– Vorrei installare il programma “amore„.
Potreste indicarmi la procedura, cortesemente?
– Certamente, pronta per l’impianto?
– Sì, ma non vi conosco grande cosa in programmazione.
Con ciò che si comincia?
– Aprire il vostro cuore è la prima tappa per l’impianto.
Avete situato il vostro cuore, signora?
– Sì, lo ho trovato.
Ma ci sono altri programmi che funzionano allo stesso tempo. Quindi  posso continuare l’impianto lo stesso?
– Vediamo, quali altri programmi funzionano attualmente nel vostro cuore?
-aspetti-vedo. “ferite  del passato,rabbia, cattiva stima di sè, rancore con il prossimo… ed altri”
Non  è un problema, signora.L’impianto del vostro programma “amore„
cancellerà gradualmente “le ferite del passato„ del vostro sistema.
Inoltre, durante l’impianto, il programma “amore„
sostituirà la vostra “cattiva stima di sé„
con il suo programma integrato,
“Migliore stima di sé„.
Invece, dovete assolutamente chiudere i vostri files“Rancore„ e “rabbia„, poiché questi potrebbero impedire al vostro programma “amore„ di funzionare correttamente.
– D’accordo, ma potreste indicarlo
come chiuderli correttamente?
– Andate nella memoria principale  e trovate il programma
“Perdonare„. Premete  avvio e attendete.
Verificate se toglie completamente “il rancore„ e “la rabbia„.Ciò è molto importante.
– D’accordo, è fatto.
Hey! L’impianto del programma
“Amore„ ha preso avvio!
– Sì, è programmato per installarsi non appena “il rancore„ e “la rabbia„ sono state eliminate del vostro sistema.
Dovreste ricevere un messaggio chiedendovi se volete installare…
“Amore per la vita„ nel vostro sistema.
lo avete ricevuto?
– Sì, lo ho ricevuto.
Ed ho risposto sì.
È bene installato, ora?
– Sì, ma ricordate che il vostro programmab“Amore„ è una versione incompleta Dovreste collegarla  ad altri cuori
per aggiornamenti essenziali al suo funzionamento regolare.
– Oups hanno appena ricevuto un messaggio d’errore, già!
– Che dice questo messaggio, signora?
– Il messaggio dice“ERRORE 142
– PROGRAM NOT RUNNING
SI INTERNAL COMPONENTS “.
cosa significa?
È un problema comune che si vede spesso in occasione del primo impianto.
– D’accordo. Cosa devo fare, allora?
– Osservate nella cartella “documenti” ci sono i files
“Perdonarsi sé„,
“Auto-felicitarsi„
e
“Conoscere i propri limiti„. poi, dovreste eliminare le opzioni “autocritica„
e
“concentrarsi troppo  su sé stessi„.
– È fatto!
ecco nuove cartelle che sono appena apparsi nel mio cuore…
C’è la cartella
“Sorriso.JPG„
chi si è appena aperta, quindi la cartella
“felicità.mpg„
chi si mette a giocare ed il programma
“pace interiore.exe„
chi ha appena preso avvio.
Ho là là, è normale queste notizie
colori e questi nuovi suoni?
Sì, signora, completamente normale,
E ne ce n’è molto più.
Lo scoprirete durante i
vostri futuri aggiornamenti.
– Un’ultima cosa prima di terminare…
– Sì?
Non dimenticate che questo programma è gratuito.
E nasce come software condiviso,
sarebbe vantaggioso dividerlo
con  altri che potrebbero averne necessità.
Non dimenticate che, più dividerete
con altri cuori,
più il vostro programma si svilupperà.
La ringrazio di cuore, signora!
sito

LA CATENA E IL PETTINE


C’erano una volta due sposi il cui amore non aveva smesso di crescere dal giorno del loro matrimonio.
Erano molto poveri, ma ciascuno sapeva che l’altro portava nel cuore un desiderio inappagato: lui possedeva un orologio da tasca d’oro, ereditato dal padre e sognava di comprare una catena dello stesso metallo prezioso; lei aveva dei lunghi e morbidi capelli biondi e sognava un pettine di madreperla da poter infilare tra i capelli come un diadema.

Col passare degli anni avevano dimenticato pettine e catena, non ne parlavano più, ma dentro di loro nutrivano segretamente il sogno impossibile.
Il mattino del ventesimo anniversario di matrimonio, il marito vide la moglie venirgli incontro sorridente, ma con la testa quasi rasata, senza i suoi lunghi e bellissimi capelli.
“Che cosa hai fatto cara?” chiese, pieno di stupore.
La donna apri le sue mani nelle quali brillava una catena d’oro.
“Li ho venduti per comprare la catena d’oro del tuo orologio”.
“Ah,tesoro, che cosa hai fatto?” Disse l’uomo,aprendo le mani in cui splendeva un prezioso pettine di madreperla.
“Io ho venduto il mio orologio per comprarti il pettine che desideravi”
Si abbracciarono,senza più niente,ricchi soltanto uno dell’altro.

Ingegno ed amore


Un vecchio signore Italiano viveva solo nel New Jersey. Voleva, come ogni anno, piantare pomodori sul suo orto, ma il lavoro era difficile perchè la terra era molto aspra ed era faticoso  alla sua età scavare. Il suo unico figlio, Vincent, lo aveva sempre aiutato, ma adesso si trovava in prigione. Il vecchio scrisse al figlio per spiegargli la situazione.

Caro Vincent, sono molto triste perchè sembra che quest’anno non riuscirò a piantare i miei pomodori nel mio orto. Sono troppo vecchio ormai, non ho più le forze per scavare. Se tu fossi ancora qui con me non avrei problemi, so che saresti contento di aiutarmi come ai vecchi tempi. con affetto, Papà.

Qualche giorno più tardi il vecchio ricevette una lettera dal figlio.

Caro papà, non scavare nell’orto. Sotto ci sono i corpi che ho sepolto. Vincent.

La mattina dopo gli agenti dell’FBI e la polizia locale arrivarono alla casa del vecchio e scavarono l’intera area dell’orto, non trovarono nessun cadavere, si scusarono e se ne andarono. Lo stesso giorno il vecchio ricevette un’altra lettera dal figlio.

Caro papà, adesso puoi piantare i pomodori. E’ il meglio che ho potuto fare in queste condizioni. Con affetto, Vincent.

amore e nostalgia


Un giorno l amore chiese alla nostalgia: Perchè ti interstardisci ad entrare nei cuori delle persone? E con un sospiro melanconico la nostalgia rispose: Entro nei cuori che tu hai abbandonato, e quando entro in essi trovo tutto scompigliato, senza vita, senza prospettiva di un futuro felice. E così, comincio a sistemare tutto nel suo debito luogo. E quando tutto é a posto tu torni con la tua aria audace e prendi possesso nuovamente del luogo. E così, l amore sorridendo, rispose Faccio parte della vita delle persone. Assorbo allegria, felicità e la speranza di cui tutti necessitano per vivere. E solamente esco dai cuori delle persone che non confidano in me.
°Autore sconosciuto°

game is over


.:*~*:._.:*~*:._.:*~*: “- Sei la mia dolce seduzione, sei in ogni mio singolo pensiero”
-“- E’ solo una sbandata!!!”
-” – Per te,lo sai,  farei ogni cosa”
-” – “Hai la febbre!?!  – stai delirando? “
-” – “No, è che ti amo ingenuamente e non riesco ad allontanarti dalla mia coscienza-“.:*~*:._.:*~*:._.:*~*

L’amore


L’amore, come un corso d’acqua,
deve essere in continuo movimento,
ed è proprio per quello che tu fai con me.
Ma che cosa accade alla maggioranza delle coppie?
Credono che le acque del fiume
scorrano per sempre, e non se ne
preoccupano più. Poi arriva
l’inverno, e le acque gelano.
Solo allora comprendono che niente,
in questa vita, è assolutamente garantito.
(Kahlil Gibran)

l’amore bussa due volte


marta, è una donna comune… oggi vedova, dopo aver condiviso  tanti  di anni di matrimonio con l’amore della sua vita: erano erano amici, amanti e complici,
il loro è stato un vero  matrimonio d’amore… certo ovviamente  con difficoltà che ogni convivenza comporta, ma sono stati  sempre pronti a ricominciare, senza mai mettere in discussione la loro scelta, consapevoli che quel si detto tanti anni prima lo avrebbero riconfermato con lo stesso slancio e probabilmente con ancora piu’ convinzione ricordando  come avevano  superato i momenti belli e soprattutto le difficoltà che la vita aveva offerto loro.
hanno avuto una figlia, che oggi guarda la sua mamma con occhi diversi,  vede oltre alla mamma  rimasta sola anche la <donna>  che ancora potrebbe sorridere alla vita.
Marta,ora a distanza di anni  ha ritrovato un suo vecchio corteggiatore di quando non era ancora fidanzata con l’uomo che in seguito sarebbe diventato suo marito, all’epoca x una  serie di circostanze, non avevano approfondito la loro amicizia, ma entrambi nn si erano  mai dimenticati di quell’attrazione che avevano provato.
circostanze della vita, o destino-  anche lui dopo tutti questi anni è  rimasto solo,  e rivedendola ha scoperto di provare lo stesso interesse di tanti prima.
marta ne è lusiganta e scopre di ricambiare l’interesse del vecchio amico, ma teme … lei vorrebbe provare a vivere  questo nuovo sentimento, ma  teme di ferire la figlia,e  teme forse anche il giudizio della gente.
secondo me, dovrebbe viversela questa esperienza, chiarendo con la figlia in primis, ma nn rinunciando alla sua vita. la figlia, d’altro canto, nn dovrebbe limitare le scelte delle madre, poichè a mio avviso, nn mancherebbe di rispetto verso il marito defunto, e l’amore verso la figlia rimarebbe sempre al primissimo posto.
se l’amore bussa due volte alle porte del cuore perchè nn aprirgliele?
solo lei sa l’amore che ha sempre avuto nei confronti del marito, e nn credo che lui da lassù la vorrebbe vedere infelice…. probabilmente sarebbe contento di avere ancora una volta la conferma che la sua marta è davvero una donna eccezionale, per meritare di essere ancora amata.
la gente  poi …dovrebbe farsi una vagonata di cactus propri e ad  imparare a nn giudicare…tutto può accadere a tutti… quindi prima di sparlare a vanvera sarebbe meglio tacere e riflettere.
marta, vuoi un mio consiglio? continua a vivere serenamente…. te lo meriti!

 

5 precetti di un saggio cinese destinati alle donne


 

 

  1. E’ importante trovare un uomo che ti aiuti nei lavori domestici e nei lavori pesanti e che abbia un buon impiego.

  2. E’ importante trovare un uomo di spirito, che abbia senso dell’humor e che ti faccia ridere.

  3. E’ importante trovare un uomo sul quale si possa contare, nel quale tu possa avere fiducia e che non menta mai.

  4. E’ importante trovare un uomo che sia bravo a letto e che ami far l’amore.

  5. E’ importante che questi 4 uomini non si conoscano.

 

  Siccome questo non succede mai,

 

  non ci resta che piangere….

donne 68

tu sei disposto a


Se sei disposto a dimenticare ciò che hai fatto per gli altri
e a ricordare ciò che gli altri hanno fatto per te.

Se sei pronto a non tener conto di ciò che la vita ti deve,
ma a prendere nota di ciò che tu devi alla vita.

Allora avrai imparato a vivere.

Il valore della vita non sta in ciò che fai,
ma in ciò che riesci ad amare di ciò che fai;
puoi fare tante cose, ma se non riesci ad amarle,
il tuo fare non serve a nulla,
e la tua vita non vale nulla.

Il valore della tua vita non sta in ciò che hai,
ma in ciò che sei;
perché in realtà nessuno non ha niente.

Il valore della tua vita non sta in ciò che pensi:
puoi pensare tutto il bene del mondo,
ma se non ti adoperi per farne almeno un po’
è come se pensassi il male,
e la tua vita non vale nulla.

Il valore della tua vita si misurerà
quando starai per perderla;
se lascerai il mondo un pochino migliore di come l’hai trovato
…allora sarà grande.

…Sai vivere quando…
pur vivendo in questo mondo complicato resti semplice,
pur vivendo in questo mondo ingiusto resti giusto,
pur vivendo in questo mondo disonesto resti onesto,
pur vivendo in questo mondo falso resti autentico,
pur vivendo in questo mondo sporco resti pulito.

Falworth

L’amore della mamma


L’amore della mamma

Una sera, mentre la mamma preparava la cena, il figlio undicenne si presentò in cucina con un foglietto in mano. Con aria stranamente ufficiale il bambino porse il pezzo di carta alla mamma e lesse quanto vi era scritto:
Per aver strappato le erbacce dal giardino: 5 euro
Per avere ordinato la mia cameretta: 10 euro
Per essere andato a comperare il latte: 1 euro
Per aver badato alla sorellina (tre pomeriggi): 15 euro
Per aver preso due volte ottimo a scuola: 10 euro
Per aver portato fuori l’immondizia tutte le sere: 7 euro
Totale: 48 euro
La mamma fissò il figlio negli occhi, teneramente. La sua mente si affollò di ricordi. Prese una biro e, sul retro del foglietto, scrisse:
Per averti portato in grembo per 9 mesi: 0 euro
Per tutte le notti passate a vegliarti quando eri ammalato: 0 euro
Per tutte le volte che ti ho cullato quando eri triste: 0 euro
Per tutte le volte che ho asciugato le tue lacrime: 0 euro
Per tutto quello che ti ho insegnato, giorno dopo giorno: 0 euro
Per tutte le colazioni, i pranzi, le merende, le cene che ti ho preparato: 0 euro
Per la vita che ti regalo ogni giorno: 0 euro
Totale: 0 euro
Quando ebbe terminato, sorridendo la mamma diede il foglietto al figlio. Quando il bambino ebbe finito di leggere ciò che la mamma aveva scritto, due lacrimoni fecero capolino dai suoi occhi. Girò il foglio e sul suo conto scrisse: ”Pagato”
Poi saltò al collo della madre e la sommerse di baci. 

San Valentino, tutti i cibi dell’amore


Afrodite, dea dell’amore e della bellezza, nata dalla spuma del mare e venerata dai romani con il nome di Venere: è da lei che deriva il termine di origine greca “afrodisiaco” per indicare ogni sostanza capace di esaltare lo stimolo o il potere sessuale. Ma esistono davvero i cibi afrodisiaci? .
Pelle color di pesca, labbra carnose e a forma di ciliegia, bocca a cuore, occhi a mandorla… il rapporto tra amore, cibo e seduzione, viene sottolineato anche da alcuni modi di dire che sono ormai entrati nel linguaggio comune, in cui vocabolario amoroso e gastronomico si intrecciano spesso e volentieri. Il cibo può essere considerato al di là del punto di vista nutrizionale, anche come messaggio, per condividere momenti felici (quando si festeggia un particolare evento o una ricorrenza) e, perché no? per comunicare emozioni e sentimenti, come l’amore. E quale occasione migliore se non San Valentino, per sfruttare il potere del cibo e trasformarlo in un veicolo per recapitare amore al proprio lui o alla propria lei? 
I cibi possono essere davvero afrodisiaci?
Da tempo immemorabile la cultura gastronomica ha dato grande importanza alla conoscenza e all’uso degli alimenti da usare come stimolo erotico. Alcune scoperte sugli effetti extranutrizionali dei cibi sembrano confermare il legame tra alimentazione e attività sessuale; un classico esempio è quello del sedano, popolarmente conosciuto come cibo afrodisiaco, che esercita un’azione stimolante sulle ghiandole surrenali e contiene ormoni steroidei analoghi ai feromoni che, nell’uomo e in altri animali, fungono da richiamo olfattivo per la riproduzione.
Il mondo della scienza però non la pensa proprio in questo modo, limitandosi ad ammettere che alcuni cibi contengono sostanze stimolanti o hanno proprietà vasodilatatorie. Cosa succedeva nell’antichità?
Nella civiltà greca e romana tutti più grandi poeti di quel periodo cantarono le lodi di numerosi alimenti ritenuti capaci di esaltare le virtù amorose. I Greci consigliavano a tale scopo cipolle, tartufi, miele, uova, storione, pesci, crostacei; questi ultimi, perché provenivano dal mare che aveva dato i natali ad Afrodite. A questi alimenti, i Romani aggiunsero gli organi genitali di alcuni animali come l’asino, il lupo, il cervo, animali selvatici ritenuti validi sotto il profilo sessuale.
Nel Medioevo si confidava sull’effetto del cervello di piccione. Per gli orientali il massimo sono il corno di rinoceronte, le pinne di pescecane, i testicoli di tigre.
Quali sono nel dettaglio questi cibi e che proprietà hanno?
Ecco una lista delle sostanze più comuni che sono considerate afrodisiache e perché:
Il pesce e i crostacei
Il pesce rappresenta, insieme con i crostacei come i gamberi, una delle più importanti fonti di fosforo e proteine di cui il nostro organismo ha grande bisogno. Il sangue dei gamberi, inoltre, quando questi animali sono vivi, può avere una tinta bluastra e produrre elementi cellulari che fungono da veri e propri afrodisiaci umani.
Le ostriche sono famosissime per le loro virtù afrodisiache grazie ai sali minerali che contengono e, soprattutto, al glicogeno, elemento fondamentale per la contrazione muscolare. Alimentandosi con questi cibi si stimola non solo il nostro cervello, cui diamo un grande apporto di fosforo, ma anche il nostro desiderio. Sono ricchissime di potassio, sodio, ferro, calcio fosforo e di vitamina A.
 

Tutte le spezie, come zenzero, zafferano, curry, chili, pepe di cayenna, chiodi di garofano, cannella, noce moscata, coriandolo, origano, senape, oltre a procurare un piacere olfattivo apportano principi nutritivi, vitamine e minerali utili nella digestione e nel metabolismo cellulare. In particolare il peperoncino ha proprietà vasodilatatrici e anticolesterolo riconosciute da tutti. Ad esse si aggiunge l’azione della vitamina PP che rende elastici i capillari e della vitamina E che aumenta l’ossigenazione nel sangue. Per questi motivi il peperoncino è utilissimo per la prevenzione e la cura dell’arteriosclerosi.
Lo zafferano contiene un’altissima percentuale di carotenoidi che sono dei formidabili antiossidanti naturali, vitamina B1e B2 che contribuiscono alla metabolizzazione dei grassi e lo rendono un ottimo digestivo.
Lo zenzero è uno stimolante generale ed un efficace ricostituente contro l’affaticamento, l’astenia e l’impotenza. Nella medicina asiatica, viene considerato una spezia “calda”, che stimola la circolazione, rilassa i vasi sanguigni periferici, impedisce il vomito, ha effetto spasmolitico, favorisce la digestione, è antiflatulente ed antisettico.
Le erbe aromatiche si chiamano così perché emanano aromi gradevoli e sono sostanze formate da oli essenziali che possono svolgere la loro massima azione di stimolazione olfattiva quando sono fresche.
Il cioccolato
È un induttore di felicità, per questo il suo consumo in momenti difficili della vita aumenta in larga misura. La cioccolata agisce da catalizzatore, facilitando la produzione di endorfine, sostanze prodotte naturalmente dal cervello, che hanno un’azione simile a quella della morfina: stimolano le sensazioni di euforia e attenuano il dolore. È presente, inoltre, una certa quantità di feniletilamina, la stessa sostanza chimica che produce il cervello quando ci innamoriamo e che è presente anche nel formaggio. Gli zuccheri semplici aumentano il livello di serotonina nel sangue, la serotonina agisce sul tono dell’umore migliorandolo, in più il cioccolato contiene magnesio, indispensabile per vari processi metabolici, per la funzionalità di alcuni enzimi, per i fenomeni di trasmissione neuromuscolare degli stimoli nervosi, per permettere all’organismo di adattarsi a situazioni stressanti. Contiene anche alcaloidi che agiscono a livello del sistema nervoso, come la caffeina e la teobromina, che hanno un effetto positivo sulla concentrazione mentale e agiscono anche a livello cardiocircolatorio e muscolare. Il cioccolato contiene flavonoidi ,  questi proteggono il cuore in due modi: abbassano le lipoproteine a bassa densità, il cosiddetto colesterolo cattivo nel sangue; impediscono l’aggregazione delle piastrine, processo importantissimo nell’arteriosclerosi. I flavonoidi svolgono anche azione antiossidante, migliorano l’elasticità dei vasi sanguigni e l’ossidazione dei tessuti.
Un rinvigorente noto sin dall’antichità, soprattutto in Oriente, è il ginseng.
Anche il vino, si dice essere un buono stimolante, perché ha proprietà rilassanti e aiuta a disinibirsi. Ma attenzione, bianco o rosso che sia, se consumato in eccessiva quantità, porta una grande sonnolenza e addio notte di passione.
Un menù a base di pesce è l’ideale  uno spumante italiano, non deve mancare, poco ma buono. Si può cominciare con le ostriche condite solo con limone e pepe; qualcosa di piccante non deve mancare, potrebbe essere un primo piatto a base di gamberi e rucola, con l’aggiunta di peperoncino, un secondo di pesce e per finire una piccola porzione di mousse al cioccolato.
Buon San Valentino a tutti voi!!con simpatia da Rosa143

L’amore


L’intelligenza priva di amore, ti rende perverso.
La giustizia senza amore, ti rende spietato.
La diplomazia senza amore, ti rende ipocrita.
Il successo senza amore, ti rende avaro.
La docilità senza amore, ti rende sottomesso.
La povertà senza amore, ti rende orgoglioso.
La bellezza senza amore, ti rende ridicolo.
L’autorità senza amore, ti rende tiranno.
Il lavoro senza amore, ti rende schiavo.
La semplicità senza amore, ti toglie valore.
La preghiera senza amore, ti rende introverso.
La legge senza amore, ti schiavizza.
La politica senza amore, ti rende egoista.
*****
*******************
 

un forte sentimento


2

dolce il mio guerriero…
dolci le tue mani grandi e forti mentre stringono le mie…
dolci le tue labbra mentre mi rubi quel bacio proibito…
sento ancora il tuo sapor che vorrei poter assoparare…
forti emozioni sono  queste  che mi regali…
vorrei non svegliarmi mai
per sentirmi cosi viva…
cosi prossima a te,
per poterti abbracciare senza limiti…
sei un sogno… una dolce fantasia..
ma il pensiero piu’  tormentoso è che so
che bastarebbe solo un cenno
per vivere la nostra verità
magari non sarebbe
cosi carica di pathos…e di desio
o forse si…non lo sapremo mai…
abbiamo deciso cosi…
coraggiosa o vile  la nostra preferenza???
a volte…penso di uscire e di incontrarti…
poi mi trattengo pensando che  la nostra palpitazione
è tale poichè il nostro è un
sogno proibito, o no? …
dolce passione mia…

L’amore bugiardo ♥


Una coppia di scrittori che si amano con accanimento e fervore:
un film raccontato dai due punti di vista dei protagonisti.
Amy e Nick sono sposati da 5 anni, ma con la crisi economica e la perdita del lavoro sono costretti a trasferirsi nel Missouri anche per assistere la madre di Nick seriamente malata.
Amy non si adatta al cambiamento, lei è una ragazza di New York e la provincia le va davvero stretta.
Il giorno del loro quinto anniversario Emy scompare, ed ovviamente il sospettato diventa il marito, grazie a tutti gli indizi che Emy aveva predisposto e studiato a tavolino per farlo incolpare ed avere  cosi la sua rivalsa malata sul loro matrimonio.
La prima parte del film è concentrata sulla spiegazione dei fatti dal punto di vista di lei, poi si riparte in modo parallelo con la comprensione da parte di lui del piano diabolico e perverso messo in atto della moglie.
Ottimi gli attori, lui: Ben Affleck bello imperturbabile- lei perfetta: bella, ricca, intelligente e psicopatica.
Interessante il messaggio del regista che lancia agli spettatori a proposito dei mezzi di comunicazione dei nostri tempi; il finale mi ha deluso, non è stato quello che io avrei voluto, ma evidentemente è quello che i nostri tempi richiedono e cioè che: l’apparenza deve vincere sempre in questa società malata, dove in molte famiglie la felicità è finta, è apparente, e spesso il male è parte di essa, però stavolta il genere maschile ne esce graziato da tanta meschinità e da carnefice diventa vittima.
Avrei voluto vedere una vittima che prende coscienza e ha il coraggio di cambiare le carte in tavola.
Il male non può vincere sul bene.MAI.
Comunque ve lo consiglio, passerete due ore tra emozioni ciniche, follia pura, e romanticismo ed amore malato —-> anche x l’amore vale il detto
quando è troppo è troppo…..
il troppo stroppia si sa…

 

L’amore e i sentimenti



La Follia decise di invitare i suoi amici a prendere un caffè da lei.
Dopo il caffè, la Follia propose: “Giochiamo a nascondino?”
“Nascondino? Che cos’è?”, domandò la Curiosità.
“Nascondino é un gioco. Io conto fino a cento e voi vi nascondete. Quando avrò terminato di contare, vi verrò a cercare e il primo che troverò sarà il prossimo a contare.”
Accettarono tutti ad eccezione della Paura e della Pigrizia.
” 1,2, 3..” la Follia cominciò a contare.
La Fretta si nascose per prima, dove le capitò.
La Timidezza, timida come sempre, si nascose in un gruppo di alberi.
La Gioia corse in mezzo al giardino.
La Tristezza cominciò a piangere, perché non trovava un angolo adatto a nascondersi.
L’Invidia si unì al Trionfo e si nascose accanto a lui dietro un sasso.
La Follia continuava a contare mentre i suoi amici si nascondevano.
La Disperazione era disperata vedendo la Follia già a novantanove.
” CENTO!”, gridò la Follia, e cominciò a cercare.
La prima ad essere trovata fu la Curiosità, poiché non aveva potuto impedirsi di uscire per vedere chi sarebbe stato il primo ad essere scoperto.
Guardando da una parte, la Follia vide il Dubbio sopra un recinto che non sapeva da quale lato si sarebbe nascosto.
E così di seguito scoprì la Gioia, la Tristezza, la Timidezza.
Quando tutti erano riuniti, la Curiosità domandò: “Dov’è l’Amore?”
Nessuno l’aveva visto.
La Follia cominciò a cercarlo. Cercò in cima ad una montagna, nei fiumi, sotto la rocce. Ma non trovò l’Amore. Cercando da tutte le parti, la Follia vide un roseto, prese un pezzo di legno e cominciò a cercare tra i rami, quando ad un tratto sentì un grido.
Era l’Amore che gridava, perché una spina lo aveva punto in un occhio.
La Follia non sapeva cosa fare. Si scusò, implorò l’Amore per avere il suo perdono e arrivò fino a promettergli di seguirlo per sempre.
L’Amore accettò le sue scuse e d’allora l’Amore è cieco e la Follia lo accompagna sempre.

la tempesta d’agosto


è un batticuore, è un film in bianco e nero
ciò che oggi mi porta a te
un anno fa,
vedevo per l’ultima volta
i tuoi occhi
in una notte senza luna e di pioggia
rigandomi il volto, pensavo
a quando ti avrei rivisto, ed oggi rivedo il tuo braccio
sbucare dal finestrino x salutarmi da lontano.
tornai a casa tra le lacrime e singhiozzando
con un’amarezza dentro che nn ti posso descrivere…
colpevole forse di averti detto di partire
oggi quella malinconia mi abbraccia
cosi forte da farmi male,
non sei più tornato,
 un anno è passato e i giorni di tempesta
non sono finiti mai

quando i sentimenti hanno il sapore dell’amore.


L’amore può avere mille forme ma  solo il tempo è testimone della forza che si scatena fra due persone  che  un bel giorno scelgono di investire in un futuro insieme.

mi rivedo quella mattina serena e vestita di bianco verso di te mi incamminai

assieme arrivammo all’altare tra la commozione di papà che ti <disse trattamela bene …>

vent’anni sono passati e il nostro amore non ha rimorsi,

una promessa pronunciata all’altare che per l’eternità ci saremmo amati,

don gino benedì le fedi rendendole preziose e ricche dell’aiuto divino

mi caddero dagli occhi alcune lacrime di commozione e ti- fregai-

il fazzoletto nella tasca del tuo vestito,

risi,  felice e certa della mia scelta.

 Attraversammo la navata andando incontro a quintali di riso sapendo che il momento piu’ importante della nostra storia l’avevamo appena vissuto.

oggi dopo 20 anni sono  qui  pronta a ripromettermi il mio amore

Rosa

Come consolare gli afflitti


(Agata Fernandez Motzo, Mio tutto oltre la morte)

Se non trovo altro modo, si può consolare una persona anche col silenzio, con la sola presenza, purché si faccia con amore: basta un sorriso che esprima la dolcezza della comprensione. Meglio se il silenzio è accompagnato dalla preghiera del cuore.