Un prosperoso décolleté


Il petto di una prosperosa paziente ed il pudore di un medico sono all’origine dell’invenzione dello stetoscopio. Il medico in questione è bretone, si chiama René-Theophile Laennec e lavora all’ospedale Necker di Parigi. Dovendo auscultare il petto di una bella donna, per non farla spogliare, le appoggia sul seno un tubicino di legno, in grado di amplificare il battito cardiaco. Seguono due anni di ricerche in cui Laennec sconvolge con questo strumento, non solo la diagnostica cardiologica, ma anche quella respiratoria, riuscendo ad individuare con lo stetoscopio varie malattie, dalle aritmie cardiache all’enfisema polmonare. Il 13 giugno 1818 dà finalmente l’annuncio della sua invenzione e ne presenta i risultati.Cuore con stetoscopio

Annunci