Energia svanita.


Chi lo dice che il cuore non fa male.
chi lo dice che al dolore ci si abitua
chi lo dice che alla delusione ci si fa il callo
chi dice <tanto sei forte vedrai passerà>, ma che cactus ne sa?
chi lo dice che la nausea causata dall’amarezza passerà
chi lo dice che tutto sarà come prima
chi dice <dai devi sorridere> ha mai provato a non sentirne la necessità?
chi lo dice che quando una madre aiuta un figlio si ride assieme,  perchè non dice anche che quando un figlio aiuta la madre, sono in due a piangere-
chi lo dice che  si può piangere senza lacrime
chi lo dice che non si può rimanere senza parole, senza niente da dirsi anche con gli affetti piu’ cari?
chi lo dice che non è <normale> essere in un posto in cui desideravi andare e poi non veder l’ora di andarsene?- 

chi lo dice che “il passaggio di consegne della vita tra madre e figlia” sono facili da gestire
chi stabilisce quali sono i diritti di una madre se non è piu’ grado ad essere autosufficiente?
i diritti… una parola che non dice nulla…
i doveri…altra parole sterile e senza amore
i sentimenti, le emozioni che fine fanno?
quello che si decide per il loro bene
è accettato con amore, o subìto con rancore?
Sofferenza di vita con alzheimer e demenza senile: un misto di aggressività, depressione, apatia, ansia, agitazione e confusione, smemoratezza, deliri, allucinazioni e tentativi di fuga.
dopo quanto un figlio digerisce e metabolizza questo?

 Ma perchè si elabora davvero? 

Il senso di colpa …esiste? anche se il mondo ti assicura che non devi averlo?
Non la si può coinvolgere nella propria vita… non puoi condividere nè gioie nè dolori, ma devi solo portare la tua croce quotidiana fatta di mille preoccupazioni e prenderti anche la sua come ha fatto il Cireneo- bè in effetti nemmeno lui era tanto contento di essere stato preso per condividere quel peso della croce.-

Però l’ha fatto. Chissà avrà imprecato per quell’imprevisto della giornata, o si sarà visto sopraffare suo malgrado dal dispiacere per la sofferenza che vedeva in quel povero uomo?

Dio non affida a nessuno un peso più grande di quello che è in grado di sopportare.

 Emh, me lo devo ricordare – a volte mi sfugge .

Annunci

Gli amici si preoccupano, gli amici ti sostengono.


Nei giorni felici alcuni amici fingono di gioire con te,
nei giorni di dolore fingono di soffrire con te-
quindi ci sono amici che fingono di essere quello che non sono
perchè dimenticano presto i tuoi dolori-
non dovrebbero nascondere il loro egoismo dietro le scuse di mancanza di tempo,
degli impegni, della vita frenetica.
Ci sono nella vita momenti di dolori e di gioie, farse a cui essi prendono posto per poi lasciare il vuoto e distruggere il ponte dell’Amicizia.
Oggi lascio Un abbraccio forte  SOLO ai VERI AMICI, gli altri non servono.

Come è caro questo dolore


ti senti solo
triste e inconsolabile
il tormento  ti  attanaglia la mente
e il cuore……
che ne sapevi tu, ragazzo del dolore?
quando gli amici soffrivano
stavi a debita distanza,
si a parole ti riempivi la bocca
di frasi di circostanza…
ma ti sei chiesto mai se davvero li comprendevi?
se fosse stato cosi
non saresti stato  selvaggio e solitario
…si pensa sempre che a noi non capiti…
ma nessuno è esente dai dispiaceri che la vita ci offre
e non si conosce la disperazione
finchè non la si prova.
Se solo aprissi il tuo cuore
ci potrebbe entrare un pò di amore
per far uscire il dolore.

com’è caro questo dolore


ti senti solo
triste e inconsolabile
il tormento  ti  attanaglia
la mente e il cuore……
che ne sapevi tu, ragazzo del dolore?
quando gli amici soffrivano
stavi a debita distanza,
si a parole ti riempivi la bocca
di frasi di circostanza…
ma ti sei chiesto mai se davvero li comprendevi?
se fosse stato cosi
non saresti stato  selvaggio e solitario
…si pensa sempre che a noi non capiti…
ma nessuno è esente dai dispiaceri che la vita ci offre
e non si conosce la disperazione
finchè non la si prova.
Se solo aprissi il tuo cuore
ci potrebbe entrare un pò di amore
per far uscire il dolore.
Rosa.

Protected by Copyscape DMCA Plagiarism Scanner

Le cicatrici della vita sono dolorose come le ferite.


vi siete mai chiesti se avreste il potere di cambiare il corso di alcune cose della vostra vita come vi comportereste?
ad esempio, arrivate a 40 anni e vi accorgete che quel fatto cosi doloroso, così ingiusto che avete vissuto- ora lo potete come per magia cancellare dal vostro passato
oggi avete la possibilità di riavvolgere il nastro e far si che le cose vadano in modo diverso.
con la consapevolezza del dopo… dell’accaduto voi fareste qualcosa x modificare il corso degli eventi o no?
probabilmente, per quanto mi riguarda no
perchè poi non sarei piu’ ciò che sono oggi.
sono profondamente convinta che i dolori, le cicatrici sono ciò che formano il carattere, se poi non fossi più io
non mi riconoscerei piu’
e come potrei convivere con qualcuno che non conosco?
Quindi ok… va bene anche il dolore nella vita-
lo accetto – e poi si dice che non tutto il male viene per nuocere…
emh…… se penso ad alcuni fatti passati mi domando quale sarebbe potuto essere il peggio … 😦
ma voglio pensare che si – se tutto è accaduto evidentemente era il male minore che la vita poteva riservarmi…anche se a me pare cosi doloroso ed ingiusto, voglio pensare che qualcuno tra le stelle mi ha risparmiato altri inferni e forse un giorno capirò davvero se è cosi 🙂
voi che ne pensate?

Ciao Marina ♥


images (1)

questi fiori che tu amavi tanto sono
per te cara Marina su questa pagina che non leggerai mai
ieri appresa la notizia, abbiamo vissuto  in una tristezza devastante,
dopo una notte insonne
oggi darti l’ultimissimo saluto

ci ha annientato tutti.

Hai visto quante persone ti amano?
Hai letto nel cuore degli amici il loro dolore?

Anche se da oggi i tuoi meravigliosi occhioni verdi
non li vedremo piu’
tu resterai sempre nel cuore
di chi ti ha conosciuta.

Ringrazio Dio, per averti messo
nel cammino della mia vita-
tu, mi hai arricchito con il tuo
sorriso, con la tua verve e la tua forza
da vera donna combattente quale sei sempre stata.
Mi hai insegnato a fare sempre meglio
mi hai regalato la tua disponibilità
facendomi sentire tra colleghe una di voi da subito
senza gerarchie e nonnismo…

Tu per me eri un esempio da quale imparare,
quanti anni trascorsi assieme, condividendo tutto:
gioie e dolori… senza mai screzio, senza mai un’offesa.

Abbiamo condiviso gli anni migliori della nostre vite
per questo so che farai sempre parte dei miei ricordi.
Oggi ti ho davanti agli occhi non in divisa
ma vestita con il tuo meraviglioso abito da sposa,
cosi ti porterò con me
radiosa e gioiosa come quel giorno
senza i segni sofferenza che
ti hanno accompagnato dopo.
Ciao Marina,
riposa in pace, ora andrà finalmente tutto bene.

 

la tempesta d’agosto


è un batticuore, è un film in bianco e nero
ciò che oggi mi porta a te
un anno fa,
vedevo per l’ultima volta
i tuoi occhi
in una notte senza luna e di pioggia
rigandomi il volto, pensavo
a quando ti avrei rivisto, ed oggi rivedo il tuo braccio
sbucare dal finestrino x salutarmi da lontano.
tornai a casa tra le lacrime e singhiozzando
con un’amarezza dentro che nn ti posso descrivere…
colpevole forse di averti detto di partire
oggi quella malinconia mi abbraccia
cosi forte da farmi male,
non sei più tornato,
 un anno è passato e i giorni di tempesta
non sono finiti mai

com’è difficile dire addio ad un bambino


Era vivo, rideva,
camminava e giocava.
Natura, prendendolo che hai avuto?
Tu hai milioni
di uccelli colorati,
foreste, stelle, oceani,
il cielo infinito.
Perché l’hai strappato
dal seno della madre,
l’hai nascosto in seno alla terra
e l’hai ricoperto di fiori?

O Potente Natura
di miriadi di stelle e di fiori,
hai rubato un bambino!
S’è forse ingrandito
il tuo tesoro infinito?
Hai così aumentato d’un granello
La tua felicità?
Eppure, un cuore di mamma,
immenso come il tuo,
con la perdita del bambino
ha perduto tutto!

Rabindranath Tagore

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

il piccolo Baptiste, avrebbe compiuto 9 anni il prossimo 12  novembre,

un  brutto male se l’è portato via,

non posso neanche lontanamente immaginare quanto sia il dolore

di mia cugina, prego affinchè il lume della ragione sia in lei

e non faccia nulla di insensato….non ho parole, non riesco a combinare nulla, sono quelle giornate a cui è difficile trovare un senso.