My Secret Diary


In questi giorni, ho ripreso in mano i miei vecchi diari-
nostalgia ed emozioni che riaffiorano tra le parole 
di quelle pagine.
sorrido, perchè sono passati da alcuni scritti anche  una trentina d’anni ed alcuni frammenti di vita sono ben impressi ancora nella mia memoria.
certo che a gossip girl io  facevo un baffo… ho delle pagine scritte in codice….. che- vi prego non ridete- non ho piu’ idea di come decifrarlo… ahh… che testa… beata adolescenza… quando d’inverno vorrò impegnare del tempo per trovare la soluzione mi sentirò un pò come un’esploratrice alla ricerca del codice perduto per trovare il prezioso tesoro nascosto da secoli… (spero di non metterci secoli però- poichè la mia condizione cognitiva potrebbe degenerare molto velocemente, ahimè ).
un vulcano di emozioni, di parole e sentimenti raccolti nero su bianco- 
come è giusto che un’adolescente viva,
 a 40 anni i sentimenti sono piu’ concisi, piu’ sicuri 
i conflitti, le paure, i desideri lasciano il posto ad una serie di emozioni  piu’ sane che arricchiscono
il cammino…
quando decifrerò il codice…vi racconterò
peace and love 
149 (2)

Emozioni sorprendenti


Possono capitare una mattina qualsiasi- anche 
quando si esce di corsa giusto per sbrigare due commissioni.
Vi racconto cosa mi è capitato stamattina, a parte a ciò che ho assistito e vi ho raccontato nel post precedente
queste emozioni mi toccano piu’ di vicino.
Entrando presso la nostra pubblica assistenza, un signore che non conoscevo ne di persona ne di vista, mi ha chiesto se sono la figlia di Stefano,– sa quel signore poverino che qualche anno fa  è mancato con quel terribile incidente ferroviario? …—e si mi pare lei.. continua lui… i capelli rossi si si , ma mi dica è lei vero?
ed io sono rimasta di sasso.. 
certo che si .. sono io rispondo stupita
quel signore io non lo conoscevo, eppur pensavo di conoscere tutti gli amici di papà, e cosi parlando di amici comuni ed altro mi ha fatto commuovere.
ed inoltre, ha pure aggiunto che si ricordava di me perché siamo andati ad un pellegrinaggio a Lourdes assieme nel 2008 
ohh quanto mi piacciono questi nonnini straordinari con una mente e un cuore grande capace di farci stare anche dei ricordi che mi riguardano.

PAURA PER LE FERIE


si avvicina il tempo x le ferie anche x noi ma
mai come quest’anno sn stata priva di entusiasmo
è passato troppo tempo dal momento che ho chiuso casa in calabria, e forse ora le emozioni negative  sono elevate all’ennesima potenza.
emozioni forti, tristi che mi rendono tesa … mi sento stanca vorrei riposare, ma non riesco nemmeno a dormire.
una serie di circostanze che non dipendono da me, mi stanno sulla testa come una spada di damocle, su di esse  non ho nessun potere di controllo, io posso rendere conto  solo delle mie azioni, posso decidere x me, ma non posso condizionare ciò  e chi che mi sta attorno.
spero tanto di non avere problemi. non ho la forza nè la voglia di affronarli, so già che la mia reazione potrebbe essere quella di chiudere la valigia e ripartire, come è successo anni fa.
mi sento incatenata, e non mi piace. io che sn selvaggia e spirito libero non riesco a pensare di dover condizionare la mia vita per i pensieri altrui. nemmeno x le persone che amo, spero che la vita non me lo chieda, xkè non voglio essere costretta  a fare delle scelte. vorrei solo serenità e silenzio, nessuna parola di troppo, nessun malinteso, ho solo tanta voglia di piangere e temo che la paura dell’ignoto mi sta prendendo la mano.
so che papà, sente questo mio stato d’animo, ne sn sicura lo sogno tutte le notti, mi affido a lui che era di animo pacioso affinchè protegga le ns  vacanze che faccia si che non ci sia motivo di difficoltà alcuna.
ps: tranquilli,  voglio rassicurare chi mi vuole bene: sto bene di salute- nn è questo il probema…bensi, sn problemi che riguardano la mia sfera famigliare, sui quali ripeto nn ho possibilità di padronanza. prego affinchè possa avere la calma e l’imperturbalità per affronatare il tutto.
dopo questo mio sfogo, se nn mi passa il mal di testa, prenderò un buscofen, ma spero che il vs ascolto sia x me terapeutico. vi  saluto con un grande abbraccioo e vi lascio con una domanda: come affrontate voi le cose che vi disturbano ma che dovete fare x forza?