Amore per il pesto


firma anche tu nel link sotto per far riconoscere il pesto patrimonio dell’Unesco

Risultati immagini per basilico prà

https://www.pestochampionship.it/aderisci-anche-tu/#wpcf7-f16204-p16198-o1

Annunci

SVEGLIA BOLZANETESI!!!!


MI VERGOGNO PROFONDAMENTE DI AVERE CONCITTADINI BOLZANETESI COSI POCO SENSIBILI AD UNA QUESTIONE COSI SERIA… SIAMO TUTTI CAPACI A LAMENTARCI, POI CI ARRENDIAMO ALLA PIGRIZA E AL MENEFREGHISMO, HO IL DUBBIO CHE CI SIA TANTA GENTE CHE STIA VERAMENTE BENE E CHE NON SENTA AFFATTO “SUE” LE DIFFICOLTA’ CHE MOLTI DI NOI ITALIANI STANNO VIVENDO SULLA PROPRIA PELLE….. MA CACTUS UNA FIRMA NON è UN’ESPIANTO DI ORGANI,!!!!!!!!!!!- A BOLZANETO NE ABBIAMO DEPOSITATE SOLO 5 E’ UNA VERGOGNA!!!!!

3 secondi x una firma importante


Cari amici, 

L’esercito di Gheddafi in Libia sta brutalmente uccidendo migliaia di manifestanti pro-democrazia. Questa settimana l’ONU e l’UE si riuniranno d’emergenza sulla Libia e potrebbero decidere di congelare i beni del regime, istituire una zona di non sorvolo e adire i tribunali internazionali. Chiedi all’ONU e all’UE di agire ora per fermare il bagno di sangue: Le forze armate della Libia stanno usando mitragliatrici e caccia da combattimento contro i manifestanti pro-democrazia: migliaia di loro sono stati ammazzati e senza un’azione internazionale immediata la repressione potrebbe tramutarsi in un bagno di sangue nazionale.

L’Unione europea e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si sono riuniti d’emergenza sulla Libia. Hanno condannato la violenza, ma se riusciremo a farli passare dalle parole ai fatti, affinché si accordino per istituire una zona di non sorvolo sulla Libia, il congelamento dei beni di Gheddafi e dei suoi generali, sanzioni mirate contro il regime e l’avvio di un procedimento presso i tribunali internazionali per tutti gli ufficiali militari coinvolti nella repressione, ciò potrebbe fermare i bombardamenti aerei e dividere la struttura di comando di Gheddafi.

Non abbiamo tempo da perdere: le persone in Libia sono massacrate dal loro stesso governo. Clicca per mandare un messaggio direttamente a tutti i delegati del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, ai Ministri degli esteri dell’UE e all’Alto Rappresentante dell’UE per fermare la violenza, e fai il passaparola con tutti. Sproniamo l’ONU e l’UE ad agire ora inondandoli di messaggi:

http://www.avaaz.org/it/libya_stop_the_crackdown_eu/?vl

Il colonnello Gheddafi ha comandato il paese da tiranno per 42 anni, senza parlamento né costituzione. E’ il dittatore più longevo di tutta l’Africa e del Medio Oriente. Nessun giornalista straniero è potuto entrare in Libia, e il governo ha chiuso internet e la rete dei telefoni cellulari nel tentativo di nascondere la brutale violenza in corso. Ma i manifestanti, che chiedono il cambiamento del regime e i diritti fondamentali, dicono che migliaia di persone sono ancora per le strade nonostante migliaia di loro siano state massacrati. Il commissario ONU per i diritti umani Navi Pillay ha detto che gli attacchi da parte del governo “potrebbero essere considerati crimini contro l’umanità”.

Sconvolti dalle atrocità, i diplomatici libici e alcuni alti comandanti dell’esercito hanno già disertato dal regime. Sia il Consiglio di Sicurezza dell’ONU che l’UE hanno chiesto la cessazione immediata della violenza, ma nessuno dei due finora ha agito. Se l’UE e l’ONU alzassero la pressione su Gheddafi e la sua corte – confiscando le loro ricchezze e minacciando di processarli – quelli che ora danno l’ordine di uccidere potrebbero ripensarci e fermare il bagno di sangue.

Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU si tiene ora in Brasile, un governo fortemente impegnato nei diritti umani nei confronti del quale Avaaz ha costruito una reputazione solida di impegno e attivismo. Non ci rimane molto tempo per convincere l’ONU e l’UE: inondiamo le loro e-mail di messaggi da tutto il mondo! Invia un messaggio e fai il passaparola con tutti i tuoi amici e la tua famiglia:

http://www.avaaz.org/it/libya_stop_the_crackdown_eu/?vl

Le persone in Libia vengono ammazzate perché chiedono libertà, salute, educazione e un salario decente: bisogni primari che tutti noi condividiamo. Oggi alziamo le nostre voci da ogni angolo del mondo come comunità globale per condannare questi massacri vergognosi e insieme agiamo per fermare il bagno di sangue e sostenere il giusto appello al cambiamento dei libici.