Desideri


Una donna sta passeggiando in un bosco alla ricerca di funghi, quando
s’ imbatte in un’antica lampada ad olio; inizia subito a strofinarla e
appare il Genio: “Posso avere i miei tre desideri?”
“No. A causa dei cattivi tempi, della recessione, della
globalizzazione, dell’inflazione, degli scioperi e di tutte le altre
menate mondiali, oggi come oggi posso offrirti un solo desiderio
da esaudire.”
La donna allora prende una cartina geografica e dice: “In tal caso,
vorrei la pace in Medio Oriente. Vedi questa cartina? Vorrei che
questi Paesi la smettessero di farsi la guerra!”
Il Genio butta un occhio alla cartina e sbotta: “Ma accidenti, questi
paesi sono in guerra da tempi lontanissimi! Non credo di poterci fare
niente, sono potente ma non così tanto! Assolutamente niente da fare.
Non pensarci neppure! Neanche se chiedessi l’aiuto del mio Maestro
potrei riuscire a realizzare questo desiderio. Lascia perdere!
Dai, chiedimi qualche altra cosa.”
La donna ci pensa un po’, e poi dice: “Non sono mai riuscita a trovare
l’uomo giusto: un uomo sensibile e affettuoso, colto ed intelligente,
che mi faccia ridere, che mi rispetti, che sappia capirmi e sostenermi,
che sia un amante premuroso e mi riempia di complimenti, che mi faccia
sentire bella e desiderata, che non passi tutto il tempo a guardare il
calcio in tv, che mi porti ogni giorno la colazione a letto e
che non mi tradisca…”
E il genio sospirando: “… Dai qua, fammi rivedere un po’
sta cazzo di cartina…!

il genio


Un rappresentante, un impiegato e un direttore del personale escono dall’ufficio a mezzogiorno e vanno verso un ristorantino quando sopra una panca trovano una vecchia lampada ad olio. La strofinano e appare il genio della lampada. ‘Generalmente esaudisco tre desideri, ma poichè siete tre, ne avrete uno ciascuno’. L’impiegato spinge gli altri e grida: ‘ tocca a me, a me…. Voglio stare su una spiaggia incontaminata delle Bahamas, sempre in vacanza, senza nessun pensiero che potrebbe disturbare la mia quiete’. Detto questo svanisce. Il rappresentante grida: ‘ a me, a me, tocca a me!!!! Voglio gustarmi una pinacolada su una spiaggia di Tahiti con la donna dei miei sogni!’ E svanisce. Tocca a te, dice il genio, guardando il Direttore del personale. ‘Voglio che dopo pranzo quei due tornino al lavoro!’ Morale : Lasciate sempre che sia il capo a parlare per primo!