aveva fiducia in lui ♥


era la fine del mese di novembre,
il buio scendeva presto per le vie del paese
ma questo rendeva spettacolare il suo  passeggiare mano nella mano con il papà-
l’aria era pungente, ma niente li avrebbe convinti a rinunciare a quell’appuntamento serale cosi intimo e confidenziale.
L’atmosfera natalizia si respirava per le vie, dove gente frettolosa scorreva al loro fianco
in cerca di un dono, di un fiore o di un sorriso da condividere con i loro cari.
Le vetrine dei negozi erano addobbate con  torrone e panettoni  che appena   sfornati lasciavano una scia gustosissima ed un languorino in loro con  il desiderio che arrivasse presto  il compleanno di Gesù Bambino per festeggiarlo come si doveva ed assaggiare i dolci che poi durante l’anno intero non si sarebbero piu’ gustati.
Tutte le sere passavano davanti alla vetrina del negozio di giocattoli e li si soffermavano a lungo… c’erano tante cose belle da vedere: il trenino telecomandato, i lego, la pista delle macchinine, il rischiatutto in scatola…tutto era cosi incantevole che la concezione del tempo si perdeva…. ma gli occhi si trattenevano sempre sulla  stessa macchinina rossa a pedali,  oh quanto gli sarebbe piaciuto poterla ricevere in dono, ma pietro sapeva che era troppo costosa e che mamma e papà non avrebbero mai potuto comprargliela. Il giorno dopo a scuola con la maestra  scrissero la letterina a Gesù Bambino, cosi  in quell’occasione  dato che si fidava solo di lui e lo preferiva a Babbo Natale  ebbe il coraggio di confessare cosa avrebbe voluto ricevere. Ma scrisse di piu’… gli promise che se davvero l’avesse ricevuta il primo giro sulla macchinina rossa era con Lui.
Arrivò il Santo Natale e Pietro non rimase deluso -sbalordito per la sorpresa inaspettata al mattino si alzo’ presto ed usci’ di casa per giocare –  papà e mamma lo avrebbero raggiunto a messa…. quando  essi arrivarono trovarono il Parroco disperato perchè qualcuno aveva rubato  dal presepe la statuina di Gesù Bambino, ed era quasi ora che iniziasse la funzione religiosa e non sapeva davvero  come risolvere la questione. Improvvisamente però si spalancarono le porte della chiesa: era Pietro con la sua macchina rossa –

aveva solo mantenuto la promessa fatta.

Annunci

letterina a Gesu’ Bambino


Oh, Signore mio,
a te che i nostri cappellani dell’esercito consacrano le armi, basta con le guerre,
tu che mandasti il diluvio universale, tu che ci hai creato…a te cosa posso chiedere stasera che il natale già bussa alle porte?
In tibet i monaci sono perseguitati, l’oriente mette il burka alla Madonna e l’occidente mostra il culo in televisone; cosa ti chiedo se ad ogni mio sbattito di ciglia muore un bambino di fame?
Io cerco di non sbatterle ma non serve ad un granchè.Tu ci hai dato il libero arbitrio  e ti ringrazio ma qua giu’ c’è ancora chi trucca le partite.
Sai, se nascessi oggi forse non sceglieresti Betlemme, sai …ai posto di blocco non fanno passare e voi potreste morire.
Sono passati 2000 anni ma Erode vive ancora …sotto un altro nome,
cambiano le divise ma l’anima è sempre la stessa.
Un altro giorno finisce ma la speranza è l’unica cosa che ci rimane
(rielaborazione da una vecchia lettura : Rosa)

Babbo Natale ha ucciso Gesù Bambino


 

Si avvicina il santo natale e le vetrine iniziano ad addobbarsi il clima natalizio  inizia a sentirsi , ma quello prettamente commerciale.

ho un dubbio che mi assale e che non so bene come sbrogliare: con i miei bambini di sette anni è uscito il discorso di babbo natale… e tutti  mi hanno detto che porta loro i regali.

bè non è tanto strano… quasi per tutto il mondo è cosi… a me questa risposta ha fatto male al cuore, credetemi sono rimasta delusa.:-(

noi siamo cresciuti ammagliati dalla bellezza di quel pargoletto che a mezzanotte papà e mamma mettevano nella mangiatoia, noi sapevamo che lui era il nostro amico, e che a lui dovevamo dimostrare di esserci “comportati bene”. siamo stati fortunati noi, che siamo cresciuti ancora quando la coca cola e leggi di mercato non avevano inquinato la nostra infanzia. A me, nessuno mai aveva spiegato che la versione di babbo natale aveva preso piede da un personggio storico realmente esistito : il vescovo san Nicola e qui in questa pagina potrete ritrovare un mio vecchio post.

Il fatto che mi turba di più è che ormai si è trasformata la realtà in leggenda e la fiaba in realtà 😦

alla domanda che differenza c’è tra babbo natale e Gesù bambino?

… semplice… risponderei loro che c’è una grande differenza!!!

 che babbo natale non esiste e Gesù bambino invece è realmente esistito.

Immagino  già la  probabile reazione dei genitori..–<< ma come si permette di turbare l’emotività dei nostri figli? perché urtare la loro sensibilità??? se la macchina delle vendite dice che i doni sono portati da babbo natale è cosi e basta!!!…occorre obbedire! >>

Ma se davvero vogliamo loro cosi bene come diciamo perché  nonoraccontar loro la favola piu’ bella…

quella di Gesù bambino?