Chi lavora a capodanno, lavora tutto l’ anno?


 io ve lo auguro di cuore!!!!

il lavoro offre dignità alla persona anche se richiede  sacrificio

non credo che la maggior parte dei  giovani siano  choosy

anche se qualcuno lo conosco a dire il vero…

non lamentatevi se domani sera ci capita di lavorare, non siete i soli, e  capodanno non è solo festa ma anche vita quotidiana con tutto ciò che comporta –  ed il mio pensiero  va agli infermieri, ai dottori disponibili, ai pompieri, camerieri,cuochi, taxisti, i ristoratori, gli autisti, le forze dell’ordine, i militi delle ambulanze.

il mio pensiero va anche ai cassa integrati, agli esodati, ai pensionati che non riescono a respirare con la loro pensione…per loro il mio augurio è che nelle loro tasche possa girare qualche soldino in piu’ 

buon lavoro a chi onora i suoi impegni con professionalità e serietà

1722901rmuj9eexdr

rose37(ParDamYsa)

contratto di lavoro


Nuovo contratto
**********************************************************Animoticon
     1 – GIORNI DI MALATTIA
Non sarà più accettato il certificato medico come giustificazione
di malattia. Se si riesce ad andare dal dottore si può andare anche
al lavoro.
     2 – GIORNI LIBERI E DI FERIE
Ogni impiegato riceverà 104 giorni liberi all’anno. Si chiamano
sabati e domeniche.
     3 – BAGNO
La nuova normativa prevede un massimo di 3 minuti per il bagno.
Dopo suonerà un allarme, si aprirà la porta e verrà scattata una
fotografia. Dopo il secondo ritardo in bagno, la foto verrà esposta
in bacheca.
     4 – PAUSA A PRANZO
4.1 – Gli impiegati magri riceveranno 30 minuti, perché hanno
bisogno dimangiare di più per ingrassare.
     4.2 – Quelli normali riceveranno 15 minuti,per fare un pasto
equilibrato e rimanere in forma
.
4.3 – I grassi riceveranno 5 minuti, che sono più che sufficienti
per uno slim fast.

5 – AUMENTI
     5.1 – Gli aumenti di stipendio vengono correlati all’abbigliamento
del lavoratore.

5.2 – Se si veste con scarpe Prada da euro 350,00 o borsa Gucci
da euro 600,00,si presume che il lavoratore stia bene
economicamente e quindi non abbia bisogno di un aumento.
    5.3 – Se si veste troppo poveramente,si presume che il lavoratore
debba imparare ad amministrare meglio le sue finanze e quindi non
sarà concesso l’aumento
.
5.4 – Se si veste normalmente vuol dire che il lavoratore ha una
retribuzione sufficiente e quindi non sarà concesso l’aumento.
     AnimoticonBuon lavoro! Animoticon

Al lavoro si va in bici


Per convincere i francesi a raggiungere il posto di lavoro in bici il governo francese ‘offre’ 25 centesimi di euro a chilometro. L’incentivo, come riporta un post sul blog del ministro dei Trasporti Frederic Cuvillier, fa parte di un test che durerà sei mesi.

Uno studio del governo francese condotto durante la fase di preparazione del progetto ha mostrato che l’incentivo di 25 centesimi a chilometro dovrebbe essere sufficiente a raddoppiare la quota di lavoratori che usa questo mezzo, con dei costi di 109 milioni di euro l’anno largamente compensati dai benefici in termini di minori spese sanitarie, inquinamento e incidenti, stimati intorno a 570 milioni di euro.  

Il progetto ha visto l’adesione volontaria di una ventina di aziende francesi su tutto il territorio nazionale, e interesserà circa diecimila persone. Come ha anticipato il ministro, in caso di successe dell’iniziativa prenderà il via una seconda fase più ampia. Il tentativo è quello di aumentare la quota di lavoratori che usa la bici, ora ferma al 2,4% con una distanza media percorsa di 3,5 chilometri. ”Spero che questo mezzo di trasporto ecologico e sano – scrive il ministro – raggiunga la stessa dignità degli altri”.

In particolare nel nord Europa diversi Paesi hanno introdotto incentivi all’uso della bici che hanno portato ad esempio la percentuale dei lavoratori che la adotta in Olanda al 25%, mentre nelle Fiandre sono il 12% e in Germania il 9%.

 

Eh Rosa Rosa…


simpatico è ( se non fosse stata per la circostanza)
incontrare il vecchio datore di lavoro dopo la bellezza di tredici anni
e sentirsi chiamare x nome

e dire… ” oh Rosa.. Rosa…

e la Rosa chi se la dimentica!”

al che io….
con un sorriso e un pò di ironia gli ho chiesto

“ma si ricorda di me perchè l’ho fatta arrabbiare?”

data la mia posizione di delegata sindacale… 😛

lui ha accennato un sorriso…e mi ha risposto che non
si è mai arrabbiato con me…

e tra le righe gli ho letto il piacere autentico di rivederci
e scambiarci due parole
forse forse un pò di stima c’è ancora
chissà—
o forse mi piace pensarlo.

 

me le hanno fatte girare @@


sono un tipo calmo
ma stamattina alla clinica universitaria di san martino
sono riusciti davvero a farmi innervosire.
i medici saranno anche preparati professionalmente,
non ho mezzi per valutarlo,
ma le visite sono a dir poco snervanti e per i controlli di routine sono un qualcosa di fuori dal normale.
il servizio è davvero scarso, l’approccio con i pazienti a parte il sorriso di facciata è della serie::. sn di corsa, non posso parlare, aspetti il suo turno, c’è molto da aspettare, non so … queste le loro risposte.
quattro medici con relative infermiere ogni studio… un via vai e confusione che manco nei camerini di un grande magazzino nel periodo dei saldi.
mia madre è stata ricevuta 3 volte nello studio e una fuori dalla parte nella sala d’attesa.
Posso capire l’entrare, l’uscire, l’aspettare se al paziente sono state somministrate gocce, ma in caso contrario tutto questo via vai per me è ingiustibicabile.
io sono dell’idea che entro una volta mi siedo, mi visiti e finiamo il discorso…
dopo 3 ore e mezza di attesa e nel frattempo le 3 visite nello studio, mi sono rivolta al dottore ( visto che le infiermiere non contano nulla) e con tono deciso ed ostile ed ho chiesto spiegazioni.
la sua risposta è stata l’ennesima
“attendi”….
e a quel punto cominciavano davvero davvero a girarmi…
dopo 20 minuti eccolo finalmente con la cartella di mia madre in mano e li davanti alla bellezza di almeno 100 persone ha espresso il suo referto-
poi ci dicono della privacy…
per perdere tempo, e soprattutto per non farlo perdere agli atri pazienti che attendevano non ho polemizzato ulteriolmente… ma quanto avrei voluto!!!!

ma è cosi che si forma il personale???
ma non esiste un manager che spieghi loro come ottimizzare i tempi e l’organizzazione delle visite?…
certo… a mio avviso farebbe piazza pulita…4 dott + 4 inferm in una stanza… forse lo capirebbe anche lui che non è fattibile.
certo che noi non è paghiamo 2 stipendi e se lo dividono in 8, e il lavoro viene svolto veloce e preciso….:-(
lo so è quasi natale e bisognerebbe essere piu’ buoni, c’è crisi… la gente a casa senza lavoro non si lascia…
ok – buoni si …ma scemi no…
ok non li linceziare caro manager, ma fai capire loro come pianificare gli appuntamenti, le visite …
no, non si può lavorare cosi in un paese civile.
ho capito perchè il gestore del parcheggio a pagamento quando ho lasciato l’auto mi ha chiesto< due tre ore???>
ed io scandalizzata … ho risposto <ma no, anche -mezz’ora spero- è cosa di cinque minuti…>
che abbiano un tacito accordo ?

una cosa è andata bene… non mi hanno perso i fogli delle visite precedenti, anche se si sono tenuti la cartellina…

giornata di normale amministrazione…
e poi mi dicono perchè non lavori???!!!
vi spezzo le gambe se solo qualcuno prova a pensarlo :-*

non ti smentisci mai


… mi hai strappato un sorriso…

ed è cosa rara, lo sai- non era un sorriso sul viso…

era piu’ profondo nasceva dal cuore…

qualche giorno fa, sono venuta a casa tua per mettere l’alberello di natale e la natività cosi mamma se li gode un pò …

curiosando nella dispensa … cosa trovo? la tua borsa da lavoro….

 sei andato in pensione nel 94 quando dovevano nascere le gemelline e x permettermi di lavorare ti sei fermato tu a dare una mano a mamma x tenerle…poi le cose sn andate diversamente…  😦 la tua  borsa l’ho trovata e l’ho aperta :ho  trovato il tovagliolo, il portapillole , la bottiglietta di birra da 33 cc che tu riempivi di vino  😛

la borsa pronta x un altro giorno di lavoro… tu eri cosi… ti sei fermato x necessità, ma eri pronto ad andare e a fare … ed hai sempre fatto senza l’interesse di essere pagato ma x il gusto di lavorare e poter dare una mano ad un amico…. ps: la tua borsa ora ce l’ho io… visto mai …che venisse qualche malsana idea di buttarla…. vedi che nn butto via tutto? come sempre mi rimproveravi? butto tutto ciò che non ha un senso… 🙂 ohh non fare quella faccia… in cantina ho dovuto fare piazza pulita… ehhh… non potevo mica tenere i pezzi di ricambio della cinquecento del 64??? ti pare?? !!! ti vedo… incazzato che faccio pulita li nel tuo mondo …tra le tue cose….ma fatto questo non significa che abbiamo cancellato… abbiamo solo fatto spazio… ok pà? 🙂

1 maggio 2011


vi rimando al post del 1 maggio ……. vi auguro di trascorrere una buona giornata,

 il mio augurio è  x  chi è precario , a chi è disoccupato, x chi è in mobilità, x chi è in cassa integrazione, x chi un lavoro lo ha . il mio desiderio sarebbe di poter veder ogni uomo con un lavoro dignitoso che gli pemetta di vivere senza dover fare diete nell’ultima settimana del mese.vorrei essere in grado come robin hood di elimimare il superfluo ai ricchi e ripristinare uno stato sociale equo.

utopia, lo so, nn potrà mai essere… finche l’uomo nn capisce che nell’al di là nn ci portiremo nulla di materiale… ma solo il ns vissuto… il ns essere….

un abbraccio amici! vvb!

lavoro x tutti—è utopia?


famoso quadro di Giuseppe Pellizza (Volpedo, 28 luglio 186814 giugno 1907)
dove un gruppo di contadini avanza x richiedere affinche’ vengano riconosciuti i proprii diritti…da notare la donna con il bimbo in braccio in primo piano…
certo passi avanti ne sn stati fatti..ma c’è ancora molto da "lavorare" in molti parti del mondo…a proposito dei pari diritti-uomo-donna, della sicurezza sul lavoro…e soprattutto speriamo che chi possa si adoperi affinchè ogni uomo possa avere un lavoro onesto con il quale dignitosamente vivere!