Pepe


Il pepe nero, o  bianco  è semplicemente lo stesso frutto a punti diversi di maturazione.

Pepe nero viene prodotto dal frutto acerbo della pianta di pepe. I frutti vengono sbollentati brevemente in acqua calda sia per lavarli che per prepararli all’essiccamento. La rottura della polpa, durante l’essiccamento, velocizza l’annerimento del grano di pepe. I grani vengono essiccati al sole, o con appositi essiccatoi, per diversi giorni durante i quali i frutti si disidratano e anneriscono. Una volta essiccati prendono il nome di pepe nero. 
Pepe bianco è dato dal solo seme del frutto. Si ottiene tenendo a bagno per circa una settimana il frutto del pepe. In questo modo la polpa si decompone e può facilmente essere eliminata. Rimosso il pericarpo, il seme viene essiccato. Processi alternativi sono usati per rimuovere la polpa dal frutto compresa la rimozione della pelle essiccata dal pepe nero.
Il pepe nero è il più diffuso, mentre il pepe bianco viene utilizzato soprattutto nella preparazione delle salse colorate, dove il nero della polpa rimarrebbe visibile.

mentre il pepe rosa è un falso pepe, perchè è il frutto o meglio la bacca di un arbusto sempreverde

questa spezie veniva usata anche nel medioevo come merce di scambio dato il suo grande valore.

Annunci

gatto nero


SUPERSTIZIONI:
in passato le mogli dei marinai tenevano in casa gatti neri che prevenivano le navi dalle disgrazie. In alcuni posti i gatti neri erano talmente preziosi che venivano rubati.

Da sempre considerati portatori di fortuna, molti gatti neri vennero imbarcati sulle navi. Così quando le navi arrivavano nei porti ne scendevano i topi (portatori di malattie come la peste), ma ne scendevano anche gatti neri che inseguivano i topi.

Allo scoppio della peste si notò che spesso i focolai scoppiavano dopo l’arrivo delle navi… ecco perchè ad un certo punto i gatti neri vennero ritenuti responsabili della peste e quindi, in certi paesi, di malaugurio e perseguitati