Svolta nella sanità: grandi ambulatori e medici di base sempre disponibili


di Alessia Ferla

 

 

Basta assalti ai reparti di Pronto Soccorso: ambulatori più grandi e medici di base disponibili anche di notte e nei fine settimana. Queste le novità in arrivo nel campo della sanità con il nuovo decreto legge e che, secondo il sindacalista della Fimmg Giacomo Milillo, non costeranno molto alle casse della Asl.

Secondo il piano dell’esecutivo, dovranno essere approntati degli ambulatori medici molto grandi all’interno dei quali lavoreranno vari specialisti. Attraverso la turnazione dei medici, tali ambulatori dovranno assicurare ai cittadini un servizio aperto 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Tali strutture si avvarranno anche della collaborazione delle Guardie mediche.

In prospettiva, gli ambulatori diventeranno le uniche strutture alle quali rivolgersi per ogni tipo di malessere, dato che si prevede entro poco tempo l’inserimento anche di pediatri e altri specialisti, riservando agli ospedali esclusivamente emergenze gravi e ricoveri.

Queste nuove misure sono state predisposte dal Governo in seguito agli ultimi episodi di sovraffollamento verificatisi negli ospedali italiani. Stanze sovraffollate, massaggi cardiaci sul pavimento, malati su materassi in terra: alcune foto recentemente scattate al Pronto Soccorso del San Camillo mostrano le condizioni in cui versa il reparto dell’ospedale romano.

Simili situazioni di degrado sono state riscontrare anche nel più grande ospedale del Mezzogiorno, il Cardarelli di Napoli, dove è stata denunciata la mancanza di barelle e di sedie da ufficio.

“Speriamo di arrivare in tempi molto brevi a chiudere finalmente questo capitolo per avere una medicina di base che sia davvero di base per tutti i cittadini”, ha affermato sempre il ministro Balduzzi.

Annunci