Non rispondere alle provocazioni


“Se qualcuno vi si avvicina con un dono e voi non lo accettate, a chi appartiene il dono?”, 
“A chi ha tentato di regalarlo”, risposi
“Lo stesso vale per le parole non pesate, l’invidia, la rabbia e gli insulti”,  mi disse il maestro:

“Quando non sono accettati, continuano ad appartenere a chi li portava con sé”.