Battesimo di Sant’Agostino


Questo slideshow richiede JavaScript.

Sant’Agostino…padre della chiesa cattolica: uomo che amava godersi la vita e che cercava la verità del senso di vivere; dopo varie accostamenti a diverse religioni a 33 anni ricevette il battesimo x mani del vescovo Ambrogio di milano nel 387 nella notte di pasqua tra il 24 e il 25 aprile DEL 387

 il vescovo di Pavia..aprel’ulna d’argento per esporre le reliquie del santo  ai fedeli. Tale avvenimento viene ripetuto ad agosto nel giorno della sua morte. nella basilica di San Pietro in Ciel d’Oro ci sOno anche le spoglie di re Liutprando…primo re d’italia…re longobardo… che  sant’Agostino volle fosse deposto  li.

particolarmente ricca l’arca della tomba di sant’Agostino, dietro all’altare c’è un mosaico originale  di dove è morto sant’Agostino a Ippona in Algeria.

nella facciata della basilica sul contrafforte di destra c’è una lapide marmorea che riporta le parole si san Tommaso d’Aquino nel canto X del paradiso di dante.

chi è interssato consiglio di dare un’occhiata qui http://santagostinopavia.wordpress.com/

Annunci

La Chiesa paga l’ICI – I doveri e le esenzioni


13/12/2011
C’è grande confusione tra la gente, tanta superficialità d’analisi in chi ne tratta senza conoscere la legge e soprattutto c’è una raffinata malizia in coloro che, pur conoscendola, vogliono mistificare la verità a danno della Chiesa. La quale, a detta di questi ultimi, semplicemente non pagherebbe l’Ici. Che invece paga, eccome!
La paga nel rispetto delle leggi che la regolano.
E che la debba pagare lo ha sempre comandato, e non solo raccomandato, anche la Curia di Genova al mondo ecclesiale locale sul quale ha responsabilità. Un pagamento cui nessuno si deve sottrarre, pena l’essere raggiunti dalle giuste sanzioni qualora venisse disattesa l’imposta comunale sugli immobili laddove si svolgono attività commerciali dalle quali si trae lucro.
Un tributo che però ha delle esenzioni, che non tutti conoscono e che vanno applicate. Così come le applicano, oltre la Chiesa, tutte le realtà riconducibili al variegato mondo dell’Onlus.

Proponiamo, in sunto, che cosa dice la legge.
La disposizione contenuta nel Decreto Legislativo 504 del 1992 e successive modifiche, stabilisce che sono esenti dall’imposta gli immobili degli enti non commerciali “destinati esclusivamente ad attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive”, nonché alle attività di religione o di culto.
Con il Decreto Legislativo 203 del 2005 il legislatore ha specificato che tale esenzione si applica solo se quelle attività vengono svolte in maniera “non esclusivamente commerciale”: nell’ipotesi delle attività ricettive, come spiega la circolare 2 del 2009, non si deve configurare un’attività alberghiera e ci si deve rivolgere a soggetti predefiniti (ad esempio i parenti dei malati distanti dalle proprie residenze ospitati in una casa di accoglienza). Dunque:
1. Gli immobili non pagano l’Ici solo se utilizzati da enti non commerciali e solo se destinati totalmente all’esercizio esclusivo di una o più tra le attività sopra elencate. Se manca una di queste due condizioni, l’esenzione decade.
2. La Chiesa cattolica beneficia dell’esenzione esattamente come le altre confessioni religiose che hanno un’intesa con lo Stato e come gli enti non commerciali, categoria che include molti soggetti del “non profit”.
3. L’esenzione non si applica ai locali adibiti ad attività commerciali. Librerie, ristoranti, hotel, negozi e abitazioni concesse in locazione (anche della Chiesa) pagano l’Ici.
4. Tutto l’immobile deve essere utilizzato per lo svolgimento dell’attività esente. E’ falso, ad esempio, che se in un albergo c’è una cappellina, tutto l’immobile diventa esente. E’ vero anzi il contrario. Tutto l’albergo (compresa la cappellina che di per sé sarebbe esente) deve pagare l’Ici.

“In linea di principio, la normativa vigente è giusta – ha affermato nei giorni scorsi il Card. Bagnasco, Presidente della Cei – in quanto riconosce il valore sociale delle attività svolte da una pluralità di enti no profit e, fra questi, degli enti ecclesiastici. Questo è il motivo che giustifica e al tempo stesso delimita la previsione di una norma di esenzione”.
“E’ altrettanto giusto – ha aggiunto – se vi sono dei casi concreti nei quali un tributo dovuto non è stato pagato, che l’abuso sia accertato e abbia fine.
“In quest’ottica – ha concluso il Cardinale – non vi sono da parte nostra preclusioni pregiudiziali circa eventuali approfondimenti volti a valutare la chiarezza delle formule normative vigenti, con riferimento a tutto il mondo dei soggetti non profit, oggetto dell’attuale esenzione”.