GENOVA accoglie il Santo Padre


◊═══ ೋღ💞 🍡🌹💞🍡🌹ღೋ ══╗
ღೋ💞🍡🌹BEN ARRIVATO SANTO PADRE 💞🍡🌹ღೋ
╚══ 💞🍡🌹💞🍡🌹A.R.💞

Questa presentazione richiede JavaScript.

sant’antonio abate


Sant’ Antonio abate, detto anche sant’Antonio il Grande, sant’Antonio d’Egitto, sant’Antonio del Fuoco, sant’Antonio del Deserto, sant’Antonio l’Anacoreta (Qumans, 251 circa – deserto della Tebaide, 17 gennaio 357), fu un eremita egiziano, considerato il fondatore del monachesimo cristiano e il primo degli abati.
Sant’Antonio tuttavia è considerato anche il protettore degli animali domestici, tanto da essere solitamente raffigurato con accanto un maiale che reca al collo una campanella. Il 17 gennaio tradizionalmente la Chiesa benedice gli animali e le stalle ponendoli sotto la protezione del santo.
La tradizione deriva dal fatto che l’ordine degli Antoniani aveva ottenuto il permesso di allevare maiali all’interno dei centri abitati, poiché il grasso di questi animali veniva usato per ungere gli ammalati colpiti dal fuoco di Sant’Antonio. I maiali erano nutriti a spese della comunità e circolavano liberamente nel paese con al collo una campanella.
Secondo una leggenda del Veneto (dove viene chiamato San Bovo o San Bò, da non confondere con l’omonimo santo), la notte del 17 gennaio gli animali acquisiscono la facoltà di parlare. Durante questo evento i contadini si tenevano lontani dalle stalle, perché udire gli animali conversare era segno di cattivo auspicio.
dal web

santo o beato?


…. che differenza c’è?

x molti noi nessuna… la spiegazione trovata sul web è la seguente:

Nella Chiesa cattolica beato e santo sono due gradini successivi nel processo di canonizzazione.
Dopo almeno 5 anni dalla morte di un personaggio “meritevole”, si apre un’istruttoria durante la quale inizia la raccolta delle prove a suo carico (virtù eroiche, fatti prodigiosi o altro).
Qualsiasi individuo o istituto riconosciuto dall’autorità ecclesiastica può chiedere di avviare la pratica. L’incartamento, con le prove, passa quindi alla Congregazione delle cause dei santi. Per procedere alla beatificazione si deve dimostrare l’avvenuta manifestazione di un miracolo. A questo lavora una consulta medica laica e un gruppo di teologi.
La decisione definitiva spetta comunque al Papa, che permette il culto del beato limitato a una zona geografica.
Per essere “promosso” a santo, il beato (a eccezione dei martiri) deve compiere un ulteriore miracolo dopo la beatificazione. A differenza dei primi due appellativi, santissimo non si riferisce mai agli uomini, ma solo a Dio.

un santo x internet


 

si  è aperto tra gli addetti ai lavori il dibattito su chi possa essere il miglior patrono del web.

i canditati sono:

santa chiara                                       già patrona della tv

sant’isidoro di siviglia                      dott della chiesa e patrono studenti

arcangelo gabriele                 patrono della comunicazione da milleni

san giuseppe da copertino        santo degli studenti disperati e astronauti

san cristoforo                        santo dei viaggiatori

ardua…la scelta…ma se dipendesse da me… il mio voto andrebbe all’arcangelo gabriele e secondo voi?