consiglio—


È impossibile, disse lorgoglio.

È rischioso, disse lesperienza.

 È inutile, tagliò la ragione.

 Provaci, sussurrò il cuore.

Annunci

un forte sentimento


2

dolce il mio guerriero…
dolci le tue mani grandi e forti mentre stringono le mie…
dolci le tue labbra mentre mi rubi quel bacio proibito…
sento ancora il tuo sapor che vorrei poter assoparare…
forti emozioni sono  queste  che mi regali…
vorrei non svegliarmi mai
per sentirmi cosi viva…
cosi prossima a te,
per poterti abbracciare senza limiti…
sei un sogno… una dolce fantasia..
ma il pensiero piu’  tormentoso è che so
che bastarebbe solo un cenno
per vivere la nostra verità
magari non sarebbe
cosi carica di pathos…e di desio
o forse si…non lo sapremo mai…
abbiamo deciso cosi…
coraggiosa o vile  la nostra preferenza???
a volte…penso di uscire e di incontrarti…
poi mi trattengo pensando che  la nostra palpitazione
è tale poichè il nostro è un
sogno proibito, o no? …
dolce passione mia…

forte sentimento buio


mi sarebbe piaciuto conoscerti da bambina

avrei voluto vederti giocare

avrei voluto vederti confrontare con gli amici

ma io avrei voluto avere  l’età di oggi, affinchè il mio approccio con te

fosse maturo per permettermi di capire

tante cose che oggi  che mi sfuggono

hai una personalità particolare

direi difficile

o almeno cozzante con la mia.

avrei voluto vederti nell’età dell’innocenza

per capire se le sofferenze che hai avuto poi nel tempo

ti possano aver cambiato

avrei voluto essere una mosca

per vedere come i tuoi genitori ti hanno insegnato a vivere

perchè tu non hai mai vissuto

hai sempre sopravvisuto in un limbo stretto

fatto da te su misura del tuo io.

essere genitori è difficile, non basta predicare

bene e razzolare male, non basta sgranare il rosario tutte le sere

e poi non avere la forza di dare un senso alla vita della propria famiglia.

facile parlare a distanza di anni.. forse non dovrei permettermi,

lo so, forse non dovrei, ma il mio sentimento è di poca stima verso  i nonni,

si erano tempi difficili, non dovrei e non voglio giudicare

ma è evidente che c’è stata una grossa mancanza nella tua adolescenza

e in quella dei tuoi fratelli

se oggi vi ritrovate cosi insoddisfatti, arrabbiati, e depressi,

vi piace a tutti mezzo rotto piuttosto che l’intero.

crescendo caratterialmente tu non hai certo saputo lavorare su te stessa

affinchè l’esperienze negative le metabolizzassi

e le trasformassi in energie positive da cui attingere forza e determinazione.

la tua determinazione la investi solo nel voler litigare a tutti i costi

nel lamentarti sempre del passato, del presente e del futuro.

ci sono uomini e donne che hanno davvero dovuto affrontare veri problemi

nel corso della loro vita, ma oggi sono persone speciali, sorridenti da cui imparare

da ogni loro parola e gesto.

sicuramente in te ci sarà stato anche del buono, ma oggi dopo tanti anni di

rotture di palle, di problemi da affrontare ( che a mio avviso li hai esasperati proprio tu con il tuo carattere)

sai che non riesco piu’ a ricordarli?

il brutto domina sul buono.

anche tua nipote non ha un ricordo positivo di te….

non si ricorda mai che tu regalassi un sorriso,

non ha riscontro di nessuno che le parli di te in modo positivo

a differenza del nonno…

il nonno uomo tanto mal sopportato da te…

uomo di infinita pazienza

uomo di poca cultura scolastica

ma di grande umanità e capace di un amore incondizionato.

uomo che ha sofferto tantissimo a causa tua

uomo che ha dovuto accettare il tuo capriccio di separarti

per il quieto vivere, x offrirti ancora la serenità che tanto agoniavi.

uomo che è morto per te.

era destino… forse… ma cara mamma, il mio cuore non sa mentire,

non sa provare emozioni finte: si io penso fermamente che senon eravate separati e tu lo obbligavi

ai soggiorni in calabria in periodi separati dai tuoi. lui sarebbe vivo.

uomo che fino all’ultimo ti ha amato in ogni piccola cosa

uomo che x accompagnarti alla stazione

ha dato la sua vita x te.

com’è è strana la vita, lui che aveva mille ragioni e l’entusiasmo di vivere

se ne è andato

tu che lotti quoitidianamente con i tuoi fantasmi del passato

e con l’incerto avvenire tribolando ogni giorno

sei rimasta

magari ora devi scontare il senso di colpa e il rimorso

per tutto ciò che le tue scelte hanno causato.

forse la tua depressione, la tua aggressività è il prezzo da pagare

per poterti riscattare un giorno.

sicuramente lui è in pace finalmente

senza dover piu’  ingoiare bocconi amari.

io mi sento male

mi sento svuotata

mi sento senza una parte importante della mia vita (la tua presenza vera e positiva)

ho dovuto presto imparare a far forza sempre e solo di me

a non contare mai su di te

per  non crearti problemi e non darti angustie.

però mi manca il rapporto sano che tra noi dovrebbe esserci.

mi rimproveri dicendo che sono cattiva

che sono tutta mio padre

tu non sai quanto questo mi renda orgogliosa

tu me lo dici con l’intento di ferirmi

ma non mi scalfisci… mi dispiace solo sentirti nonimare mio padre

che è stato il tuo esemplare marito

solo se tu avessi avuto meno capricci

e pretese infondate.

il nostro rapporto non esce bene, io mi sento fredda nei tuoi confronti

anche se te ci sono stata e sempre ci sarò

ma non riesco umanamente a violentarmi piu’ di quanto già faccia.

sento di non stimarti, di non aver nulla da cui imparare da voler prendere ad esempio.

non riesco a vedere del buono in te

anche se ci sarà…

c’è in ogni uomo…

ma mi sfugge in te, forse il mio perdono non è ancora maturo

se perdonare significa dimenticare

non sono stata capace di dimenticare tutte le cose brutte che ho vissuto.

44 anni non sono tanti, ma nemmeno pochi,

posso dire con certezza che 40 sono di ricordi sofferenti,

credo che prima o poi  dovrò farmi analizzare

si che per corazza mi sono fatta crescere una bella peluria sullo stomaco

ma a volte sento che le mie difese vaccillano.