Liberate le volontarie


Sono state liberate le due ragazze italiane. Bene.
E sarebbe stato pagato un riscatto di 12 o 14 milioni di dollari.
 Abu Fadel, un esponente del Fronte al Nusra, jihadisti vicini ad Al Qaeda che operano in Siria e Libano, cui era stato chiesto di commentare un video delle ragazze ha dichiarato all’agenzia tedesca Dpa: “E’ vero, abbiamo le due donne italiane perché il loro paese sostiene tutti gli attacchi contro di noi in Siria”.  
Bene. ora con questi soldi se ne comprano  di armi. Brava Italia.
E altra aggiunta: questi soldini sono dei contribuenti italiani, si
-vero la vita non ha prezzo, ma se secondo me è giusto che i soccorsi ad esempio in montagna vengano pagati dalle famiglie degli interessati, – lo sarebbe anche in questo caso.
Non parlo di incidenti all’ordine del giorno, ma di incidenti in cui i rischi ed i pericoli sono evidenti e in cui non sono state adottate tutte le misure di sicurezza.
spero che le ragazze una volta in Italia non dicano:
<torneremo presto in Siria, li hanno bisogno di noi>…
posso dire la mia? state a casa e fate volontariato in Italia in cui le possibilità per farlo non mancano sicuro.
voi che ne pensate? Sono troppo drastica?