saturno


l’altra sera sono andata all’osservatorio astronomico…. è stato molto curioso e la voglia di tornare è tanta…. con il telescopio abbiamo visto saturno: è uno spettacolo di pianeta!!Saturno, con i suoi meravigliosi anelli e le sue lune, è stato da sempre un pianeta affascinante. Un po’ più piccolo di Giove, Saturno si è formato circa quattro miliardi di anni fa ed è composto principalmente di gas. E’ anche l’unico pianeta conosciuto del Sistema Solare che ha una densità inferiore all’acqua e questo vuol dire che se fosse posto su un oceano abbastanza grande da contenerlo potrebbe galleggiare. Saturno è dotato di una enorme magnetosfera e di una atmosfera estremamente dinamica caratterizzata da venti che hanno velocità dell’ordine di 2000 Km/h in prossimità dell’equatore.

Delle sue 31 lune attualmente note, Titano è quella più grande. Questa luna, che supera in dimensioni Mercurio e la nostra Luna, è di particolare interesse per gli astronomi perché è l’unico satellite dotato di atmosfera propria.

Ciò che rende comunque unico Saturno dal resto dei pianeti del Sistema Solare è la presenza degli anelli. Formati da miliardi di particelle di ghiaccio e polveri di ogni dimensione, essi orbitano attorno al pianeta a varie velocità. Le centinaia di anelli si ritiene siano i resti di comete di impatto, di asteroidi o di lune che sono venuti a frammentarsi attratti dalla gravità del pianeta. Gli anelli si estendono in maniera tale che potrebbero coprire la distanza tra la Terra e la Luna.

Per secoli gli anelli hanno incuriosito gli astronomi ed in particolare Galileo Galilei. Il primo ad utilizzare il telescopio per esplorare le meraviglie del cielo, Egli non riuscì a comprendere perché Saturno si mostrava diverso a varie epoche, fenomeno che oggi noi sappiamo essere dovuto all’inclinazione del piano degli anelli rispetto alla linea di vista. Infatti, quando il piano degli anelli è orientato verso l’osservatore essi risultano invisibili e sembrano riapparire alcuni mesi dopo quando cambia l’angolo d’inclinazione del piano.

La sonda Cassini-Huygens, costata circa 3 miliardi di dollari, lanciata il 15 Ottobre 1997 dal Kennedy Space Center ha raggiunto Saturno nel mese di Luglio 2004. La missione è caratterizzata da due elementi: la sonda Cassini che starà in orbita attorno a Saturno e alle sue lune per un periodo di circa quattro anni, e la sonda Huygens che esplorerà l’atmosfera di Titano fino a scendere sulla sua superficie. La missione Cassini-Huygens è una collaborazione internazionale tra tre agenzie spaziali. Diciassette nazioni hanno contribuito alla costruzione della sonda ed in particolare la Cassini è stata realizzata al Jet Propulsion Laboratory della NASA e la Huygens è stata realizzata dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA). L’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) ha realizzato invece l’antenna ad alto guadagno della Cassini e il suo sistema di comunicazione dati. Alla missione lavorano oltre 250 scienziati di tutti i paesi. osservando le stelle nello spazio ci acccorgiamo di quanto siamo piccoli ed insignificanti….. un puntino nel cosmo tra miliardi di galassie