una cartolina


ciao ragazzuoli, ecco oggi pm con qualche ora libera, ed allora  ho pensato di scrivervi due righe… questa è la pz del paese, sn uscita solo una sera x salutare mio cugino, ma quest’anno ci sn ancora pochi emigrati, xkè qui il turismo è questo: di paesani che tornano alle origini per una decina di gg all’anno… ma il richiamo affettivo è tanto anche se le distanze nn sn da meno, ormai è piu’ frequente ritrovarsi anche con amici  e parenti che vengono dal canada o dall’australia…spesso vedo piu’ loro che i ns italiani del nord che evidentemente risentono tutti della crisi , causata dei posti di lavoro cosi precari x tutti.

in questi gg, mi sn dedicata alla casa, potete immaginare da un anno chiusa… vetri persiane, ho svuotato la cantina di papà, ho eliminato le sue cose, tanto l’ho nel cuore, nn mi servono i suoi abiti x ricordarlo, e mi sn fatta un mazzo x pulire tutto… ora resta il quotidiano, e alcune commissioni poi resterà il tempo x riposarsi un pò, almeno spero.chiedo scusa a tutti se nn passo dai vs blog, ma quest’anno qui è tutto un’impresa…sia parlare al cellulare che connettersi, nn me ne vogliate, vi penso sempre e il bene è sempre lo stesso… vi abbraccio forte forte… spero che voi stiate tutti bene.

Annunci

Vai in vacanza all’estero???


 
 

Se decidete di viaggiare nell’Europa dei 25, sappiate che per qualsiasi emergenza è attivo ovunque il numero 112, sia da rete mobile che da rete fissa.Attenzione se chiamate da un cellulare, inserite sempre la sim-card, paesi come la Francia, anche se in difformità rispetto a quanto previsto dalla normativa Europea, non consentono le chiamate al 112 senza sim-card. Se vi recate nei paesi extraeuropei, vi consigliamo di portare con voi un telefono cellulare sempre ben carico, specie se vi allontanate da centri abitati o se siete in viaggio in auto. Considerate che il vostro cellulare è automaticamente in grado di connettervi ad un numero di emergenza digitando semplicemente il numero 112 e premendo invio. Infatti grazie al software installato, i cellulari convertono il numero 112 in quello dell’autorità locale competente alla risposta alle chiamate di emergenza, per farvi un esempio se vi trovate a Mosca potete comporre il 112 e verrete collegati alla centrale operativa della polizia. In questi paesi invece non sempre il 112 può essere raggiunto dai telefoni fissi o potrebbe non corrispondere ad un numero di emergenza (ad esempio a Tokyo). Se vi recate negli USA, in Canada o nei paesi centroamericani, procuratevi un telefono cellulare GSM triband (anche a 1900 mHz), il normale GSM potrebbe infatti non funzionare e nelle zone interne anche questa tipologia di telefoni cellulari potrebbe diventare muta in quanto sono ancora in funzione tecnologie simili al nostro vecchio TACS ormai dismesso. In questi casi si consiglia di affittare o acquistare in loco un telefono cellulare. Negli USA componendo il 112 si verrà automaticamente connessi al 911 corrispondente americano. Se invece andate in Giappone, fate attenzione a portare almeno un telefono UMTS, quelli che effettuano videochiamate, generalmente a Tokyo funzionano tutti gli UMTS, mentre in zone meno popolate potreste avere problemi di connessione se il telefono UMTS non è totalmente compatibile con le reti installate (es:Docomo, Vodafone invece funziona meglio). In Australia, Cina, Medio Oriente e Africa è generalmente possibile utilizzare un comune GSM, componendo il 112.