5 REGOLE X VIVERE FELICI


  • LIBERA IL CUORE DALL’ODIO
  • LIBERA LA MENTE DALLE INUTILI PREOCCUPAZIONI
  • SEMPLIFICA LA TUA VITA
  • DA’ DI PIU’ E SII MENO ESIGENTE
  • AMA E ACCETTA GLI OSTACOLI CHE POSSONO ESSERE LA SOLUZIONE NO IL PROBLEMA!!Risultati immagini per buon fine settimana gif animate

                                       

se tornassi a vivere


Se tornassi a vivere
Qualcuno mi ha chiesto giorni fa se, potendo rinascere, avrei vissuto la vita in maniera diversa. Lì per lì ho risposto di no, poi ci ho pensato un po’ su e…Arcobaleno
Potendo rivivere la mia vita, avrei parlato meno e ascoltato di più.
Non avrei rinunciato a invitare a cena gli amici soltanto perché il mio tappeto aveva qualche macchia e la fodera del divano era Sarcasticostinta.
Avrei mangiato briciolosi panini nel salotto buono e mi sarei preoccupata molto meno dello sporco prodotto dal caminetto acceso.
Avrei trovato il tempo di ascoltare il nonno quando rievocava gli anni della sua giovinezza.Ragazzo
Non avrei mai preteso, in un giorno d’estate, che i finestrini della macchina fossero alzati perché avevo appena fatto la messa in piega.shhhhh!
Non avrei lasciato che la candela a forma di rosa si sciogliesse, dimenticata, nello sgabuzzino. L’avrei consumata io, a forza di Lampadinaaccenderla.
Mi sarei stesa sul prato con i bambini senza badare alle macchie d’erba sui vestiti.Rosa rossa
Pellicola di filmAvrei pianto e riso di meno guardando la televisione e di più osservando la vita.
Avrei condiviso maggiormente le responsabilità di mio marito.
Mi sarei messa a letto quando stavo male, invece di andare febbricitante al lavoro quasi che, mancando io dall’ufficio, il mondo si sarebbe fermato.Perplesso
Invece di non veder l’ora che finissero i nove mesi della gravidanza, ne avrei amato ogni attimo, consapevole del fatto che la cosa stupenda che mi viveva dentro era la mia unica occasione di collaborare con Dio alla realizzazione di un miracolo.Cuore rossoCuore rosso
A mio figlio che mi baciava con trasporto non avrei detto: “Su, su, basta. Va’ a lavarti che la cena è pronta”.
Avrei detto più spesso: “Ti voglio bene” e meno spesso: “Mi dispiace”.
..ma soprattutto, potendo ricominciare tutto daccapo, mi Regaloimpadronirei di ogni minuto…
lo guarderei fino a vederlo veramente.., lo vivrei… e non lo restituirei mai più…Isola con palma.

(Enna Rombeck) 

rileggendo queste righe e facendo un pò di auto-analisi… posso dire che:
– a casa non ho tappeti e nè divani…
-mi piacerebbe avere il caminetto..è il mio sogno…
-i finestrini aperti della macchina non sono un problema
perchè della piega dei capelli  non me frega niente (a meno che ho qualche cerimonia)
io sono natureee
-la televisione è quasi un optional..se no x qualche programma che si salva ( a mio gusto)
-se sto male mi infilo a letto pur cercando di non essere di peso assolutamente ai miei cari ..
ma mi voglio trooppo bene x non curarmi…..e coccolo simo e lillo con tantissimi tvb perchè- mai darlo x scontato!!.-
-bè insomma in poche parole sono….
perfetta!!!!

 

come vivi con 800 euro al mese?


leggo in vai blog e pagine di fb tanti bei consigli su come organizzare il lavoro delle casalinghe,

su come risparmiare il piu’ possibile, come riclicare, come vivere con 800 euro al mese…

bene… ieri leggevo appunto una famiglia di 4 persone che vivono benissimo con quei soldi senza farsi mancare nulla…

io resto allibita.

interdetta

non penso di avere le mani bucate ma io non riesco e vorrei tanto capire dove sbaglio.

è arrivata la fine del mese e mi sono fatta due conti sulle spese del prossimo di cui sono sicura

riassumo qui

250 bollo auto 200 amminist 80 luce 90 infost benzina 120 telepass 30 600 cibo ricar cell 30 ( x tutti e 3)
113 canone tv che pago oggi . 14 assicur casaling.   600 cibo  e siamo a 1500 direi… piu’ o meno…
devo vedere se simona questo mese ha bisogno degli abbonamenti x  i mezzi x andare all’università—
devo vedere se devo fare visite special… devo aggiungere 62 euro di ticket di esami…
 
ora spiegatemi come si vive con 800 euro al mese… io nemmeno se nn compro niente da mangiare ci sto dentro. 😦

Ecco i 100 motivi per cui è bello vivere a Genova.


  • 01. Una città che non sarà mai una metropoli, per fortuna.
    02. Avere mare e monti a distanza di 30 minuti, forse anche meno.
    03. Non conoscere il concetto di nebbia.
    04. La “focaccia” calda a tutte le ore.
    05. Il cielo terso che abbaglia gli occhi nelle giornate ventose.
    06. Il silenzio irreale che si gode dalla cima della Lanterna.
    07. I colori dell’orizzonte dopo una violenta burrasca.
    08. La cucina genovese, che riesce ad essere ricca con quasi niente.
    09. “Belìn”, questo nostro intercalare onesto, melodioso e mai volgare.
    10. Il mare, ovunque
    .
    11. Il centro storico più grande d’Europa.
    12. Il centro storico più grande d’Europa, che non è una bomboniera per turisti distratti, ma un luogo veramente abitato e vissuto.
    13. Il centro storico più grande d’Europa con i suoi colori, la sua luce, le sue ombre, i suoi odori (non sempre gradevoli).
    14. Il centro storico più grande d’Europa, con un tale miscuglio di stili e architetture… che gli abusi edilizi passano quasi inosservati!
    15. Il centro storico più grande d’Europa, il cui ventre marcio ti emoziona anche quando dovresti incazzarti.
    16. I Palazzi dei Rolli, patrimonio dell’Umanità.
    17. La medaglia d’oro per la Resistenza.
    18. Avere inventato la Repubblica alcuni secoli prima della Rivoluzione Francese.
    19. Il Genoa e la Sampdoria.
    20. La Sampdoria e il Genoa (par condicio)
    21. Avere inventato la Banca… ma di questa invenzione non so quanto abbiamo da vantarci …. 😉
    22. Trentatré chilometri di costa… che per andare da Voltri a Capolungo devi marcare ferie!
    23. Il vento di tramontana che d’estate benedici perché non sopporti la “maccaja”.
    24. Il vento di tramontana che d’inverno maledici perché ti taglia la faccia.
    25. Le fessure blu cobalto del cielo tra le case dei “caruggi”.
    26. La colazione “alla genovese” con la “fugassa” pucciata nel caffelatte.
    27. I contrasti tra quartieri “bene” e quartieri “degradati”.
    28. Portare la tua nuova amica a “vedere la città dall’alto” ;-)))
    29. Piazza dell’Amor Perfetto.
    30. Sfrecciare sul lungomare con la Vespa.
    31. Gli autobus che si inerpicano anche sulle strade più assurde.
    32. “Le donne di Genova, che ridono tra i denti” (Francesco Baccini).
    33. Le donne di Genova, che parlano come “camalli” anche quando hanno l’aspetto da nobildonne… e troviamo tutto ciò molto attraente ! 😉
    34. Le donne di Genova, che sembra sempre che ce l’abbiano solo loro ;-))
    35. Le donne di Genova, che sembra sempre che ce l’abbiano solo loro… anche quando sei il loro amante / fidanzato / marito da dieci anni ! ;-)))
    36. Un gatto che scruta il mondo dalla fessura di una persiana verde.
    37. Le pietre del Medioevo fianco a fianco con la Modernità.
    38. Poter fare il bagno in mare ad ottobre come se fosse la cosa più normale del mondo.
    39. Boccadasse, di giorno e di notte sempre affascinante.
    40. Vedere da Via XX il vessillo della città sventolare con orgoglio sulla Torre Grimaldina.
    41. Scoprire angoli della città che non hai mai notato per vent’anni anche se sono sempre stati lì, sotto il tuo naso, da sempre.
    42. Appisolarsi sulla spiaggia senza nessuno che ti rompa le scatole per sloggiarti.
    43. I possenti leoni della cattedrale di San Lorenzo, che non sembrano per nulla cattivi, ed infatti sono diventati i “cavallucci” più amati dai bambini.
    44. Il “pesto”, che ci offendiamo se gli altri lo copiano, anche se sappiamo benissimo che oramai lo fanno cani e porci.
    45. La vista da Capo Santa Chiara, che vengono le vertigini da tanto che sei a strapiombo sul mare.
    46. I chilometri di ringhiere di ghisa che hanno vissuto mille stagioni e sono sempre lì, con quel colore indefinito, con quel colore “un po’ così” .
    47. La metropolitana più corta del mondo, che se fossimo in America sarebbe già diventata un’attrazione tipo Disneyland.
    48. Il piacere delle birrerie con i tavolacci di legno che hanno visto passare generazioni di ragazzi.
    49. Inforcare gli occhiali da sole 365 giorni all’anno (o quasi).
    50. L’enorme basilica di Carignano, fatta costruire da una famiglia nobiliare per puro “dispetto” verso i “vicini di casa”.
    51. Salire in 10 minuti per “bricchi” e trovarsi fuori dal mondo.
    52. Salire in 10 minuti per “bricchi” e trovarsi dentro una calda osteria.
    53. I veri genovesi… Quelli che “una parola è poco, ma due sono già troppe”! 😉
    54. I veri genovesi, così “chiusi” e così grandi di cuore.
    55. Ammirare dai Magazzini del Cotone l’arco del porto al tramonto.
    56. Il mare grigio d’ardesia disteso sotto il Belvedere di Castelletto.
    57. I mille locali della “movida”: piccoli, caldi e non troppo rumorosi.
    58. Sentire i nostri vecchi parlare in dialetto e riuscire a capire quello che dicono (più o meno).
    59. Portare in giro per il mondo il nostro animo sinceramente “antipatico”.
    60. Archivolti, antri, colonne, cancelli… Una città rompicapo, sempre uguale e sempre diversa.
    61. I circoli della “pétanque” a Sampierdarena, nemmeno fossimo in Provenza!
    62. Tirare fuori il cappotto dall’armadio solo poche settimane all’anno.
    63. Centomila muri scrostati dal tempo.
    64. Gli slip e i reggiseni stesi sulle facciate delle case, che ti chiedi con curiosità di chi saranno… 😉
    65. L’aperitivo delle 19, che non è stato inventato a Genova, ma ci piace credere che sia così.
    66. L’aperitivo delle 19 d’estate, con la brezza che ti asciuga il sudore di una giornata in spiaggia… e sei sempre a 10 minuti da casa…
    67. Il selciato e le mura delle “creuze”, immutate nei secoli dei secoli, mentre oggi le case nuove vanno in malora dopo pochi anni.
    68. Le strambe declamazioni di Melina Riccio che puoi leggere anche sui cassonetti della rumenta.
    69. Prendere in giro i “padani” per le code che si devono sorbire in autostrada per raggiungerci.
    70. La Notte Bianca, dove bisogna farsi largo tra la folla col “machete”.
    71. La presenza e il ricordo di De André in ogni angolo della città vecchia.
    72. Il “pandolce”… che non è mica fatto d’aria come quella roba da milanesi!
    73. La spruzzata di neve a gennaio che paralizza la città e fa subito chiudere le scuole di ogni ordine e grado nemmeno vivessimo al Polo Nord.
    74. Il “mugugno”, che almeno questo non costa nulla.
    75. Il “mugugno”, che è diventato il nostro sport preferito 😉
    76. Il misto “torte di verdura” servito in trattoria.
    77. La collana di perle delle nostre “brave ragazze”, che poi è la stessa delle loro madri, delle madri delle loro madri, ecc. ecc.
    78. Gli spazi sprecati nel bel mezzo della città, che ti chiedi sconcertato come sia possibile.
    79. La “farinata”… semplicemente geniale!
    80. La Sopraelevata, che in effetti bruttina lo è, ma se non ci fosse la città rimarrebbe spezzata in due.
    81. La Sopraelevata, che in effetti bruttina lo è …. ma che vista ragazzi!
    82. Il cartello arrugginito “città denuclearizzata” che ti accoglie quando torni a casa dalle Riviere.
    83. Prendere la granita a Castelletto, anche quando non fa caldo.
    84. Indicare educatamente ad un turista la strada per uscire sano e salvo dai caruggi.
    85. Far capire ad un turista che non esiste solo l’Acquario (impresa molto più difficile).
    86. Riuscire a perdersi nei vicoli… nemmeno fossimo noi i turisti!
    87. “Genova è un’idea come un’altra” (Paolo Conte)
    88. Le nostre brutture… che solo noi genovesi abbiamo il diritto di parlarne male!!!
    89. La coloratissima “urban art” di Piazzetta Faralli.
    90. La storica funivia a cremagliera di Granarolo.
    91. La musica ovattata che sale dai locali e dai baretti incastrati in mezzo agli scogli.
    92. I concerti “casalinghi” dei Meganoidi 🙂
    93. Ammirare la città dall’alto quando si torna a casa con l’aereo.
    94. I colori, i suoni, il caos del vecchio Mercato Orientale.
    95. Leggere 10 gradi sul termometro nelle mattine d’inverno e mugugnare che “fa freddo”.
    96. Leggere 10 gradi sul termometro nelle mattine d’inverno, arrivare a 20 gradi a mezzogiorno, e mugugnare che “fa caldo”.
    97. Leggere 10 gradi sul termometro nelle mattine d’inverno, arrivare a 20 gradi a mezzogiorno… e ti vien voglia di fare qualsiasi altra cosa tranne che lavorare!
    98. “Che Genova non è mai una cosa sola. Ma sempre due cose assieme, o tre, o quattro. Sempre, in ogni suo luogo, circostanza e anima” (Maurizio Maggiani)
    99. Genova, che non ammette mezze misure: o si odia, o si ama.
    100. Trovarsi in qualunque punto di Genova e pensare che viviamo nella città più bella del Mondo, anche quando per mille motivi ci fa “arraggià”.
     

dal gruppo di fb di Stefano Andrea Vignolo